Nuove linee guida europee sullo screening mammario: prima dei 45 anni non è raccomandato. Mammografia 3D rischi e benefici.

La mammografia 3D risulta essere,secondo uno studio pubblicato su Jama Oncology, la tecnica migliore per rilevare il cancro alla mammella in tutte le fasce d’età, soprattutto nelle donne tra 40 e 49 anni, anche se i benefici e i rischi dello screening non sono chiarisono ancora da chiarire. Sembrerebbe che lo screening effettuato tramite la tomosintesi, cioè la mammografia 3D, riesce ad individuare tumori invasivi più piccoli che non hanno coinvolto i linfonodi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma facciamo un pò di chiarezza: la mammografia analogica, cioè quella tradizione, usa delle “lastre” e l’immagine viene visualizzata in tempo reale su un monitor. Ma è un esame bidimensionale, e spesso questo è un limite.
Al contrario la mammografia 3D, permette di avere una visione del seno in 3 dimensioni e quindi ci sono più possibilità di individuare un cancro mammario che con la mammografia tradizionale non si vedrebbe, diminuendo il rischio anche di falsi positivi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il risultato dello studio effettuato è che la tomosintesi quindi è legata alla possibilità di riconoscere prima un tumore mammario rispetto alla mammografia digitale, soprattutto per la fascia tra i 40 e 49 anni che risulta avere il miglior rapporto rischio-beneficio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo però che prima dei 45 anni, secondo le nuove linee guida lo screening non è raccomandato, infatti un eccesso di mammografie iniziato in giovane età potrebbe portare ad un danno radiobiologico; oltre al fatto che la mammografia potrebbe essere un esame poco indicato per le giovani donne perchè risulta essere meno visibile ai raggi X e quindi c’è la possibilità di risultati sfasati con conseguenti danni come: esami aggiunti inutili, biopsie e danni psicologici, o al contrario potrebbero esserci anche dei falsi negativi con il risultato che il tumore non venga diagnosticato in tempo.
Quello che si consiglia per una corretta prevenzione prima dei 45 anni, è effettuare una semplice ecografia e solo se dovesse risultare positivo procedere con successivi test.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -