Eliminato per la prima volta il cancro al seno con metastasi grazie alle cellule immunitarie TIL

E’ stato davvero miracoloso, un intervento effettuato su una donna di 52 anni affetta da un tumore al seno con metastasi a cui avevano dato solo 3 anni di vita.
L’equipe del professor Steven A. Rosenmberg del National Institutes of Health, (NIH) di Bethesda, nel Maryland, ha effettuato un’estrazione dei linfociti, prendendo in considerazione le cellule tumorali più efficaci per contrastare le mutazioni del cancro nella paziente.

Una volta individuate queste cellule sono state fatte replicare in laboratorio e poi iniettate nel corpo della paziente Judy Perkins , in associazione all’assunzione di un farmaco pembrolizumab, uno dei medicinali utilizzati contro i tumori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel caso specifico di Judy è stato molto difficile trovare facilmente i linfociti su cui poter lavorare, perchè il carcinoma era molto avanzato, sono però riusciti a farcela e adesso la donna è salva.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Judy Perkins si racconta in un’intervista:Ho condiviso la mia storia in più conferenze. In passato ho parlato a conferenze per ricercatori, quindi erano più interessati al motivo per cui la mia terapia ha funzionato e a come mi sono sentita durante il trattamento. Alla conferenza Patients as Partners mi sono concentrato sulla mia esperienza nel tentativo di accedere agli studi clinici.

Quando mi è stato diagnosticato per la prima volta un carcinoma mammario in fase iniziale nel 2003, il mio piano di trattamento prevedeva solo un intervento chirurgico. Ho affrontato molte sfide quando il cancro è tornato nel 2013 come carcinoma mammario metastatico allo stadio 4, soprattutto cercando di accedere a studi clinici e lottando per trovare qualcuno con cui parlare. Mi è stato detto che il cancro era “trattabile ma non curabile” e che avevo tre anni da vivere. Inizialmente, ho trascorso settimane cercando di iscrivermi a una sperimentazione clinica. Alla fine ho scoperto che non ero un buon candidato per quel processo, vorrei che qualcuno me lo avesse detto all’inizio. Quindi, è stata un’esperienza molto frustrante per me. Ho iniziato la terapia standard con il mio oncologo locale. Nel corso di due anni, ho ricevuto trattamenti ormonali e chemioterapia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nella primavera del 2014, quando sono arrivata in un centro oncologico completo per cercare studi clinici, ho scoperto di essere fuori dallo studio IBRANCE che stavano effettuando in quel momento perché avevo iniziato un trattamento standard. Quel processo stava seguendo persone con due anni di vita, quindi ero davvero frustrata per questo. E non sono mai entrata in quel processo; quel processo si è chiuso nell’estate del 2014.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quindi, nel gennaio 2015, il mio oncologo ha inviato la mia biopsia tumorale alla Fondazione One e ha scoperto che avevo un’amplificazione dell’FGFR1 (recettore del fattore di crescita dei fibroblasti 1), quindi mi sono messa in lista per una sperimentazione clinica con una terapia mirata chiamata Lucitanib. Quel processo ha funzionato per quasi sei mesi. Questa è stata la mia prima esperienza con uno studio clinico di successo.

L’estate seguente ho conosciuto la dott.ssa Stephanie Goff, ricercatrice del team del dott. Steve Rosenberg presso il National Cancer Institute.  Il Dr. Goff mi ha parlato del loro vaccino terapeutico contro il cancro usando i linfociti infiltranti il ​​tumore (TIL). Entro un paio di settimane dall’inizio della sperimentazione clinica TILs, ho iniziato a sentire i tumori nella mia parete toracica restringersi.Il processo TIL, ha avuto la cura miracolosa.Sono senza cancro da maggio 2016.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.