Batteri cambiano forma all’interno degli esseri umani per evitare gli antibiotici, prime prove scientificamente riconosciute

Medicina Scienza

L’uso diffuso di antibiotici è in gran parte responsabile della comparsa di batteri resistenti agli antibiotici, che è attualmente una delle maggiori minacce alla salute globale. Non solo la resistenza agli antibiotici provoca già circa 700.000 decessi all’anno , ma rende anche più difficili da trattare numerose infezioni, tra cui polmonite, tubercolosi e gonorrea:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Senza sapere come impedire ai batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici, si prevede che le malattie prevenibili potrebbero causare 10 milioni di morti all’anno entro il 2050. Alcuni dei modi in cui i antiobitivibatteri diventano resistenti agli antibiotici sono attraverso i cambiamenti nel genoma dei batteri. Ad esempio, i batteri possono pompare gli antibiotici o possono scomporre gli antibiotici. Possono anche smettere di crescere e di dividersi, il che li rende difficili da individuare per il sistema immunitario. Tuttavia, la nuova ricerca si è concentrata su un altro metodo poco conosciuto che i batteri usano per diventare resistenti agli antibiotici:

- Prosegue dopo la pubblicità -

alcuni ricercatori hanno infatti dimostrato direttamente che i batteri possono “cambiare forma” nel corpo umano per evitare di essere presi di mira dagli antibiotici, un processo che non richiede cambiamenti genetici affinché i batteri continuino a crescere. Praticamente tutti i batteri sono circondati da una struttura chiamata parete cellulare. Il muro è come una spessa giacca che protegge dagli stress ambientali e impedisce alla cellula di scoppiare. Dà ai batteri una forma regolare (ad esempio, un’asta o una sfera) e li aiuta a dividersi in modo efficiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le cellule umane non possiedono una parete cellulare (o “rivestimento”). Per questo motivo, è facile per il sistema immunitario umano riconoscere i batteri come nemici perché la sua parete cellulare è notevolmente diversa. E, poiché la parete cellulare esiste nei batteri ma non nell’uomo, è un bersaglio eccellente per alcuni dei nostri antibiotici migliori e più comunemente usati, come la penicillina. In altre parole, gli antibiotici che colpiscono il muro possono uccidere i batteri senza farci del male.

Tuttavia, i batteri possono occasionalmente sopravvivere senza la loro parete cellulare. Se le condizioni circostanti sono in grado di proteggere i batteri dallo scoppio, possono trasformarsi in cosiddette “forme ad L”, che sono batteri che non hanno una parete cellulare. Questi batteri furono scoperti nel 1935 da Emmy Klieneberger-Nobel, che li chiamò come il Lister Institute dove lavorava all’epoca. In un laboratorio, usiamo spesso lo zucchero per creare un ambiente adeguatamente protettivo. Nel corpo umano, questo cambiamento di forma è in genere innescato da antibiotici che colpiscono la parete cellulare dei batteri o da alcune molecole immunitarie – come il lisozima , una molecola presente nelle nostre lacrime che ci aiuta a proteggerci dalle infezioni batteriche. I batteri senza una parete cellulare spesso diventano fragili e perdono la loro forma regolare. Tuttavia, diventano anche parzialmente invisibili al nostro sistema immunitario e completamente resistenti a tutti i tipi di antibiotici che colpiscono specificamente la parete cellulare. Gli scienziati sospettavano da tempo che la commutazione della L-forma potesse contribuire alle infezioni ricorrenti aiutando i batteri a nascondersi dal sistema immunitario e resistere agli antibiotici. Tuttavia, era difficile trovare prove per questa teoria a causa della natura inafferrabile delle forme a L e della mancanza di metodi appropriati per rilevarle.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Guardare i batteri cambiare forma

Il nostro studio , pubblicato su Nature Communications , ha esaminato in modo specifico le specie batteriche associate a infezioni ricorrenti del tratto urinario (IVU). Ha scoperto che molte specie batteriche diverse – tra cui E. coli ed Enterococcus – possono davvero sopravvivere come forme a L nel corpo umano. Questo è qualcosa che non è mai stato provato direttamente prima. Siamo stati in grado di rilevare questi subdoli batteri usando sonde fluorescenti che riconoscono il DNA batterico.

Abbiamo testato campioni di urina di pazienti anziani con IVU ricorrenti coltivandoli in una capsula di Petri ricca di zuccheri. Questo ambiente non solo ha contribuito a proteggere i batteri dallo scoppio, ma ha anche isolato i batteri a forma di L presenti in questi campioni. In un esperimento separato, siamo stati in grado di vedere l’intero processo svolgersi in embrioni di zebrafish viventi in presenza di antibiotici.

È importante sottolineare che il nostro studio dimostra che gli antibiotici devono essere testati in condizioni più riflettenti del corpo umano. Quelli che sono attualmente utilizzati nel laboratorio medico non forniscono una protezione sufficiente per la sopravvivenza delle delicate L-form. Prima di poter comprendere appieno l’importanza della commutazione della L-forma rispetto ad altre forme di resistenza agli antibiotici, saranno necessarie ulteriori ricerche su un numero maggiore di pazienti. Sarà anche importante indagare quale ruolo possono avere le L-Form in altre infezioni ricorrenti, come sepsi o infezioni polmonari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fino ad ora, la ricerca sulle forme ad L è stata un campo controverso, ma la nostra speranza è che questi risultati possano motivare ulteriori ricerche sulle forme ad L in situazioni di malattia. La nostra speranza è che questi risultati possano aiutare a trovare un modo per eliminare questi batteri subdoli dal nostro corpo.

La combinazione di antibiotici attivi a parete cellulare con quelli che ucciderebbero le L-forme potrebbe essere una soluzione per combattere le infezioni resistenti agli antibiotici. La nostra battaglia con i batteri è in corso. Mentre escogitano nuove strategie per combatterli, escogitano modi per reagire. Il nostro studio evidenzia ancora un altro modo in cui i batteri si adattano che dovremo prendere in considerazione nella nostra continua battaglia contro le malattie infettive.La conversazione La versione in lingua inglese è stata pubblicata da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale .

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -