Press "Enter" to skip to content

Il disco di Festo: la possibile traduzione della lingua sconosciuta di 4000 anni

Grazie alla Rosetta Stone (in italiano nota come Stele di Rosetta), gli archeologi moderni sono stati in grado di tradurre i geroglifici egiziani. Grazie a Popol Vuh, comprendiamo invece anche la scrittura Maya antica. Grazie al lavoro di un ragazzo durante la sua pausa pranzo , abbiamo trovato il più antico lavoro di finzione. Ma alcuni misteri restano tali. Proprio come il manoscritto Voynich , il disco di Festo è un’opera misteriosa di origine, scopo e significato sconosciuti – ed è stata scritta circa 4000 anni fa. Scopriamola insieme:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Prima dei greci, c’erano i minoici. Chiamata (erroneamente) dal nome del leggendario re Minosse dagli archeologi del XIX secolo, questa civiltà incline artisticamente governò l’isola di Creta per circa 600 anni, dal 2000 al 1400 a.C. Il loro monumento superstite più notevole è l’enorme palazzo dell’età del bronzo di Cnosso , ma molte delle loro creazioni li distinguono dai loro coetanei. I minoici furono la prima civiltà conosciuta a creare arte raffigurante scene naturali senza figure umane, e la loro abilità nella costruzione di palazzi era impareggiabile per il loro tempo. Secoli dopo, nel 1908, fu nel palazzo minoico di Festo che una spedizione rivelò un misterioso pezzo di storia che sfidava la spiegazione fino ad oggi:

- Prosegue dopo la pubblicità -
La lingua minoica è un po ‘un mistero in generale, ma è noto per aver scritto e preceduto e influenzato pesantemente il greco scritto. Diviso in “Linear A” e il suo successore “Linear B”, i testi minoici sopravvissuti assumono la forma di geroglifici scolpiti in tavolette di argilla. Ma il disco di Festo non è così. Poco più di 6 pollici (16 centimetri) di diametro, questo singolare pezzo circolare è ornato su entrambi i lati con una spirale di simboli – 241 in totale, composta da 45 figure distinte. Non sono lineari A oB. Non sono nemmeno scolpiti nell’argilla. Invece, sono stati stampati con timbri, quindi ogni simbolo appare sempre allo stesso modo. Non è come qualsiasi altra forma di scrittura del periodo, ma non è anche solo una serie di belle immagini. I simboli ricorrenti e la struttura sequenziale implicano fortemente che si tratti di una sorta di messaggio leggibile. Semplicemente non sappiamo cosa dice. Inoltre:

Naturalmente, il fatto che non ci sia una traduzione di facile traduzione non ha impedito alle persone di provare. Guarda la voce di Wikipedia delle soluzioni proposte. Più di recente, il linguista Gareth Owens e il suo collaboratore John Coleman hanno portato il disco in prima pagina con quella che ha descritto come “la migliore lettura possibile” del codice: è una preghiera per una dea madre minoica. I 45 simboli non sono sufficienti per derivare una lingua di lavoro, ma partendo dal presupposto che il disco sia correlato a Lineare A e B, la coppia è stata in grado di estrarre un paio di parole fonetiche che spiegano: “madre incinta“, ” madre splendente “e” dea “. Finalmente risolto? Non così in fretta, dicono altri esperti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dice la professoressa di lingue e archeologia Elizabeth Barber , “Non solo non ci sono abbastanza informazioni statistiche per chiunque affermi di aver decifrato una sceneggiatura per la quale sono noti solo 241 [esempi dei 45 distinti] segni di testo non alfabetico … per dimostrare il suo affermare, ma per lo stesso motivo non è sufficiente per chiunque altro confutare. “ Qualunque sia il significato del disco, c’è un’intuizione derivata dalla scrittura che abbiamo trovato incredibilmente interessante. In Guns, Germs and Steel”, Jared Diamond sottolinea come se un’innovazione tecnologica cambi il mondo o meno, può dipendere interamente dal suo contesto. In un senso molto reale, il disco di Festo è il primo esempio noto di tipo mobile. Ma senza altre innovazioni tecnologiche, semplicemente non ha avuto la possibilità di decollare. Ci vollero altri tre millenni circa prima che il primo vero scritto mobile potesse decollare con la pressa di Guttenberg. Gareth Owens ha studiato Classici e Storia antica all’UCL e ha conseguito un dottorato di ricerca presso l’EPK sulla struttura della lingua minoica. Negli ultimi 6 anni, si concentra sull’enigma del disco di Festo. “Ora possiamo” leggere “e” ascoltare “il 90% del disco” – sostiene lo studioso. Video:

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.