Il buco nell’ozono è ora il PIÙ PICCOLO che sia stato registrato da quando è stato scoperto nel 1982, conferma la NASA

Astronomia Geologia News Scienza

Il buco nello strato di ozono si è ridotto a delle dimensioni più piccole da quando gli scienziati hanno iniziato a monitorarlo nel 1982 a causa di insoliti schemi meteorologici nell’atmosfera superiore sopra l’Antartide, secondo la NASA.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il buco oscilla di dimensioni ogni anno ed è generalmente più grande durante i mesi più freddi nell’emisfero meridionale, da fine settembre a inizio ottobre.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le ultime osservazioni dallo spazio hanno mostrato che il buco ora copre meno di 3,9 milioni di miglia quadrate – un minimo record e quasi la metà di quello che era durante il suo picco a 6,3 milioni l’8 settembre solo sei settimane fa. Gli esperti dicono che il buco è di solito circa 8 milioni di miglia quadrate durante questo periodo dell’anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Paul Newman, capo scienziato per le Scienze della Terra presso il Goddard Space Flight Center della NASA, ha affermato che si tratta di “grandi notizie per il buco l’ozono nell’emisfero australe“.

Ma ha avvertito: ‘È importante riconoscere che ciò che stiamo vedendo quest’anno è dovuto alle temperature stratosferiche più calde. Non è un segno che l’ozono atmosferico è improvvisamente sulla buona strada per il recupero.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo la NASA, l ‘“ingrediente principale” nel processo di distruzione dell’ozono sono le cosiddette nuvole stratosferiche polari.

Questi corpi relativamente rari si trovano in alto nella stratosfera ad altitudini comprese tra 15.000 e 25.000 metri (49.000–82.000 piedi) sopra la superficie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Queste nuvole forniscono una superficie su cui possono verificarsi reazioni chimiche, rilasciando prodotti di scarto chiamati “radicali liberi” che distruggono le particelle di ozono che li circondano.

Un minor numero di nuvole stratosferiche polari si forma in climi più caldi, tuttavia, e durano anche per periodi più brevi in ​​tali condizioni.

Le temperature globali più calde di quest’anno – aiutate da insoliti schemi meteorologici – hanno quindi contribuito a limitare lo sviluppo di queste nuvole e anche dato che quelle hanno formato meno tempo per danneggiare lo strato di ozono.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A sua volta, questo ha portato a un buco dell’ozono molto più piccolo di quello che abbiamo visto in precedenza quest’anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In superficie, il rafforzamento dello strato di ozono sembrerebbe uno sviluppo promettente, in quanto tale serve a proteggere meglio la Terra dalle dannose radiazioni ultraviolette del Sole.

Tuttavia, la notizia che il buco si sta restringendo non è necessariamente un buon segno, poiché il processo che sta chiudendo il buco è un chiaro prodotto dell’aumento delle temperature globali.

Negli anni con un clima più tipico, il buco raggiunge di solito una dimensione massima di circa 8 milioni di miglia quadrate alla fine di settembre o all’inizio di ottobre – prima di ridursi di nuovo.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.