Dai piselli alla quinoa, tutte le piante terrestri che possiamo coltivare su Marte

Astronomia Scienza

Se ci sosterremo su basi fuori dal mondo, avremo bisogno di trovare un modo per coltivare il nostro cibo, e ora abbiamo più di un film  di Matt Damon per suggerire che è possibile – gli esperimenti che si svolgono usando sui sosia di Luna e Marte hanno prodotto con successo raccolti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

È interessante notare che il terreno equivalente a Marte sia risultato nettamente migliore del simulante del suolo lunare quando si trattava di far crescere le piante, fornendo speranza per la futura agricoltura sul Pianeta Rosso. Anche se i fan degli spinaci potrebbero mancare. I ricercatori hanno utilizzato una riproduzione della regolite sviluppata dalla NASA, il mix sciolto di sporco, polvere e altri detriti trovati sulla superficie dura di Marte e della Luna. Questo simulante di regolite era mescolato con materiale organico che gli astronauti avrebbero dovuto portare a una base fuori dal mondo dalla Terra, o potrebbe essere il compost residuo di raccolti precedenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nei test su 10 colture diverse – crescione, rucola, pomodoro, ravanello, segale, quinoa, spinaci, erba cipollina, pisello e porro – le colture sono cresciute bene e hanno prodotto parti commestibili, ad eccezione degli spinaci. “Siamo rimasti entusiasti quando abbiamo visto i primi pomodori mai cresciuti sul suolo di Marte simulanti diventare rossi”afferma l’ecologo Wieger Wamelink , dell’Università e ricerca di Wageningen nei Paesi Bassi.

“Significava che era stato compiuto il passo successivo verso un ecosistema agricolo chiuso sostenibile”. Questo esperimento è in corso da diversi anni ormai , ma ora un documento peer-reviewed è stato pubblicato sulla rivista  Open Agriculture sui risultati. I raccolti hanno fatto meglio nella regolite marziana rispetto alla regolite lunare, secondo i ricercatori: il mix marziano si basa sulle osservazioni tratte dai lander vichinghi e dal rover Pathfinder e utilizza in gran parte materiale proveniente da un’area vulcanica delle Hawaii.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per quanto riguarda la regolite lunare, ne abbiamo in realtà dei campioni, ma non abbastanza per far crescere i raccolti. Il simulante approvato dalla NASA si basa sul materiale raccolto dai deserti intorno a Flagstaff, in Arizona, negli Stati Uniti. Oltre alla crescita di successo di nove specie di colture, gli scienziati sono stati in grado di raccogliere abbastanza semi dalle piante di ravanello, crescione e segale per iniziare una seconda coltura.

C’è ancora molto lavoro da fare prima di poter aprire le nostre fattorie su Marte e sulla Luna – questo studio ha esaminato solo il tipo di terreno disponibile sulla Luna e su Marte, senza prendere in considerazione gli altri difficili fattori che le piante avrebbero dovuto affrontare, come la radiazione solare e il caldo e il freddo estremi (è probabile che dovremmo coltivare le nostre colture indoor). Tuttavia, questo è un passo avanti positivo. I progressi saranno sempre lenti quando si tratta di coltivare piante su altri pianeti, ma ci sono segni positivi  che stiamo arrivando lì . Questo ultimo articolo segue le ricerche precedenti in cui 14 diverse specie di piante sono state coltivate in simulante del suolo. Anche in quel caso, il simulante di Marte si è dimostrato più favorevole alla crescita rispetto al simulante di Luna.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altre possibilità per far crescere il cibo lontano dalla Terra sono l’ idroponica  – dove è necessaria solo acqua per la coltivazione – e l’ aeronica , coltivando letteralmente a mezz’aria e spruzzandole con sostanze nutritive. Entrambe presentano sfide proprie, quindi è importante mantenere aperte le nostre opzioni. I ricercatori descrivono il loro lavoro come “un piccolo passo verso l’obiettivo finale, un ecosistema agricolo sostenibile per una colonia di Luna e Marte”. “Sono necessarie ulteriori ricerche per trovare il contenuto ottimale di materia organica dei regolatori simulanti e l’efficienza dell’uso dell’acqua”, concludono nel loro articolo pubblicato. La ricerca è stata pubblicata su Open Agriculture .

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.