Nuove prove rivelano la “connessione causale” tra qualità del sonno e ansia

Salute

Tutti sanno che dormire bene la notte è utile per sentirsi al meglio, ma le conseguenze emotive del non avere un riposo adeguato potrebbero essere molto maggiori di quanto avessimo mai realizzato, secondo una nuova ricerca neurologica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un nuovo studio che analizza le scansioni cerebrali di volontari sani, gli scienziati affermano di aver stabilito una “connessione causale” tra la qualità del sonno che le persone ottengono e i conseguenti livelli di ansia il giorno successivo – un collegamento che potrebbe avere “rilevanza sociale” , dato il epidemia di ansia che attanaglia l’America e altrove. Abbiamo identificato una nuova funzione del sonno profondo, che riduce l’ansia durante la notte riorganizzando le connessioni nel cervello“, afferma il neuroscienziato Matthew Walker dell’Università della California, Berkeley. Il sonno profondo sembra essere un ansiolitico naturale (inibitore dell’ansia), a condizione che lo riceviamo ogni notte.” Naturalmente, nulla di tutto questo dovrebbe essere uno shock definitivo. Per anni, gli scienziati hanno avvertito di ciò che accade nel cervello quando non dormiamo abbastanzanumerosi esperimenti estremi hanno tracciato le gravi conseguenze fisiologiche della privazione del sonno . Nonostante ciò, milioni e milioni di noi non dormono tanto quanto dovremmo e la nuova ricerca di Walker illustra un altro grosso problema derivante da ciò:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno scansionato il cervello di 18 giovani adulti sani in due sessioni sperimentali, durante le quali hanno guardato videoclip che descrivevano scenari “avversi”, progettati. Una di queste sessioni si è svolta al mattino, dopo che i partecipanti hanno trascorso un’intera notte di sonno. L’altra sessione si è svolta un’altra mattina, dopo essere rimasti svegli tutta la notte in laboratorio, facendo cose come leggere, guardare film e giocare a giochi da tavolo (mentre venivano monitorati per assicurarsi che non si riposassero). Dopo le sessioni, i partecipanti hanno misurato i loro livelli di ansia mediante un test psicologico chiamato State-Trait Anxiety Inventory , e i risultati hanno mostrato che la notte insonne ha effettivamente innescato un aumento del 30% dei livelli di ansia. “In particolare, il 78 percento di tutti i partecipanti alla condizione di privazione del sonno ha riportato un aumento dell’ansia, confermando un forte impatto della perdita di sonno sull’escalation dell’ansia in soggetti sani”spiegano gli autori nel loro articolo. Inoltre, la metà dei partecipanti privati ​​del sonno ha superato i livelli di ansia che fungono da soglia di base per i sintomi di disturbi d’ansia clinici – e tutto ciò che è stato necessario per arrivarci è stata una notte insonne. “Senza dormire, è quasi come se il cervello fosse troppo pesante sul pedale dell’acceleratore emotivo, senza abbastanza freno”dice Walker . Le scansioni fMRI delle sessioni hanno mostrato una maggiore reattività emotiva a seguito della perdita di sonno nell’amigdala (che aiuta a controllare il nostro combattimento o riflesso di volo ) e il cingolato anteriore dorsale , che si accende durante le risposte emotive negative. Mentre l’attività in quelle regioni del cervello è stata intensificata nei volontari insonni, l’attività nella corteccia prefrontale mediale – che aiuta a regolare le emozioni come l’ansia – è stata sostanzialmente chiusa. Al contrario, le letture polisonnografiche prese mentre dormivano i partecipanti indicavano che la minima ansia era vissuta da coloro che godevano i periodi più lunghi di sonno profondo, chiamati sonno ad onde lente (SWS) non-REM (NREM):

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I nostri studi sperimentali dimostrano che, all’interno di questa interazione, la perdita del sonno può provocare causalmente e direzionalmente alti livelli di ansia in individui che altrimenti non erano clinicamente ansiosi quando riposati nel sonno”spiegano i ricercatori . “Questa scoperta definisce un’influenza causale del sonno interrotto sullo sviluppo dell’ansia, al di là di un semplice sintomo ricorrente di disturbi d’ansia.” Il team ha condiviso le loro ricerche iniziali l’anno scorso , ma il loro documento ora pubblicato e sottoposto a revisione paritaria descrive ulteriori esperimenti a sostegno delle loro scoperte primarie . Questi includono una coorte aggiuntiva di 32 partecipanti che ha ripetuto l’esperimento polisonnografico (replicando i primi risultati) e la ricerca online che ha coinvolto oltre 300 partecipanti, che hanno risposto a domande sul loro sonno notturno e sui livelli di ansia giorno per giorno – offrendo approfondimenti su come anche piccole interruzioni nel sonno nel tempo possono influenzare e prevedere l’ansia. Nel loro insieme, il team afferma che  i dati suggeriscono sia un “quadro neurale che spiega come e perché un sonno insufficiente può contribuire all’ansia“, sia una funzione palliativa del sonno NREM “in grado di migliorare l’ansia”. “Coerentemente con l’impatto ansiosogeno della privazione del sonno, stabiliamo che anche lievi perturbazioni nella qualità del sonno da una notte all’altra incidono negativamente sull’ansia” , scrivono“Passando alla prevenzione, i nostri risultati suggeriscono che anche miglioramenti modesti della qualità del sonno possono potenzialmente ridurre l’ansia soggettiva, fungendo da profilassi non farmacologico”. In altre parole, dormire fa bene. Più precisamente, come dice Walker , “la decimazione del sonno nella maggior parte delle nazioni industrializzate e la marcata escalation dei disturbi d’ansia in questi stessi paesi non è forse casuale, ma causalmente correlata”.  È un’affermazione (e uno studio) che suona tutto come molto buon senso – mentre allo stesso tempo sembra del tutto profondo. Ad ogni modo, il sonno profondo sembra il farmaco anti-ansia che molti di noi hanno cercato, e dovremmo assolutamente provarlo qualche volta. I risultati sono riportati in Nature Human Behaviour .

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -