Ecco come apparirà l’Italia nel 2100 secondo una ricerca: la mappa che preoccupa tutti.

Geologia

Il Mediterraneo è aumentato di circa 30 cm negli ultimi 1.000 anni rispetto al triplice aumento del livello del mare entro 100 anni previsto dal gruppo intergovernativo di Nazioni Unite sui cambiamenti climatici – IPCC . Questo è ciò che emerge da una ricerca sui cambiamenti del livello del mare nel Mediterraneo coordinata dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – ENEA , che mostra che le previsioni dell’IPCC per il 2100 rappresentano una chiara accelerazione dell’innalzamento del livello del mare, principalmente a causa di cambiamento climatico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio coordinato dall’ENEA , appena apparso sulla rivista Quaternary International pubblicata da Elsevier , è stato condotto da ricercatori dell’INGV e dell’Università Sapienza di Roma; Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”; Università degli Studi di Lecce; Università di Catania; Università di Haifa (Israele); Università di Parigi e Università di Marsiglia (Francia). “La ricerca ha analizzato l’innalzamento del livello del mare in un periodo di tempo mai studiato prima“, ha spiegato Fabrizio Antonioli del Climate Modelling and Impact Laboratory dell’ENEA , autore principale dello studio .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Negli ultimi mille anni – ha dichiarato Fabrizio Antonioli – il Mediterraneo è aumentato tra i 6 cm e i 33 cm, il 65% in meno rispetto alle ultime proiezioni IPCC, che stimano che il livello del mare globale salirà tra i 60 cm e i 95 cm entro il 2100. C’è un chiara accelerazione, dovuta principalmente ai cambiamenti climatici causati dall’aumento della concentrazione di CO2 nell’atmosfera , che negli ultimi quattro anni ha superato stabilmente i 400 ppm, il livello più alto mai raggiunto sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni ‘.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per studiare i cambiamenti del livello del mare nel Mediterraneo, i ricercatori hanno esaminato 13 siti archeologici lungo le coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele . I siti esaminati erano i resti di antiche cave di macina, ovvero cave che producono le pietre utilizzate per macinare le olive. L’aumento più elevato è stato registrato in Grecia, a Nea Peramos, nel Golfo Saronico vicino ad Atene, mentre il tasso più basso è stato registrato sull’isola spagnola di Maiorca.

Questo studio – ha dichiarato Fabrizio Antonioli – è stato condotto in aree stabili dal punto di vista tettonico, alcune in parte sommerse, combinando scienza e archeologia“. In Italia, la ricerca si è concentrata su tre aree del Sud – Scario (Salerno), Torre Santa Sabina, vicino a Otranto (Lecce) e Punta Penne (Brindisi) – dove il livello del mare è aumentato di circa 15 cm negli ultimi 1.000 anni .

- Prosegue dopo la pubblicità -

In Italia – ha concluso Fabrizio Antonioli – 33 aree sono particolarmente a rischio a causa dell’innalzamento del livello del mare . La maggior parte di queste aree si trova nella costa nord-adriatica tra Trieste e Ravenna. Altre aree particolarmente vulnerabili sono le pianure costiere della Versilia, Fiumicino, le pianure intorno ai fiumi Po, Fondi, Sele e Volturno e le coste di Catania, Cagliari e Oristano. Il tasso più alto di innalzamento del livello del mare è previsto nel Nord Adriatico, dove il mare è destinato a salire tra 90 cm e 140 cm ‘.

Secondo questa ricerca nel 2010 l’Italia perderà molte delle sue bellezze, perchè l’innalzamento del mare porterà la sommersione di 5500 chilometri quadrati di territori costieri. Ci auguriamo che questa ricerca si sbagli e intanto dobbiamo lavorare tutti insieme contro l’inquinamento affinchè questa situazione non diventi realtà.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.