Una società messicana produce biocarburanti da piante di cactus:

Percorrendo 125 km a ovest di Città del Messico verso il comune di Zitácuaro difficilmente ci si imbatte in qualcosa che sia differente dal fico d’india. Il fico d’India, o Opuntia, cresce fino a un’altezza compresa tra cinque e sette metri e misura fino a un metro di diametro. Ma questo non è notevole; il pachycereus pringlei, noto anche come cardone gigante messicano o cactus elefante, cresce fino a 18 metri.

L’Opuntia non è particolarmente raro. E sebbene sia usato in cucina ( rimuovendo i glochidi spinosi, o le spine, prima di mangiarlo), non è né particolarmente saporito né nutriente. In effetti, in quasi tutti gli aspetti questa è una pianta straordinariamente insignificante. Ma il fico d’India – noto come il nopal in Messico – potrebbe essere la chiave per sbloccare una nuova e sostenibile fonte di biocarburante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Rogelio Sosa López, è un agricoltore e produttore di tortilla di Zitácuaro. Come molti agricoltori, era sempre aperto all’idea di trovare nuovi modi per contenere i costi operativi. Lavorando con un collega, Antonio Rodríguez, Señor López iniziò a spappolare la polpa di nopales e fermentarla per produrre biocarburante, contribuendo così a ridurre i suoi normali costi di carburante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando viene tritata e frullata, quindi miscelata con il letame, la carne di nopales si rompe per produrre metano e acqua. López e Rodríguez hanno iniziato a produrre Nopalimex , un’azienda focalizzata sulla produzione di fonti energetiche verdi.

Il suo biogas alimenta le macchine agricole dal 2016 e ora Nopalimex fornisce carburante alle autorità cittadine di Zitácuaro da utilizzare su una serie di veicoli. Al costo di soli $ 0,65 (o 12 pesos) al litro, è circa un terzo in meno rispetto alla benzina o al diesel standard. E inquina notevolemente meno. Grano, canna da zucchero e soia sono tra le colture di biocarburanti più comunemente coltivate. Hanno anche un ruolo di primo piano nella catena alimentare – sia per le persone che per il bestiame.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Circa l’ 80% della soia mondiale è coltivata negli Stati Uniti, in Brasile e in Argentina . Negli Stati Uniti, 34,4 milioni di ettari di terra sono dedicati alla produzione di soia, generando nella regione 108 milioni di tonnellate all’anno . La soia viene utilizzata in una varietà di prodotti alimentari: tofu, salsa di soia e sostituti della carne sono alcuni degli esempi più visibili, ma come olio viene utilizzato come ingrediente in una gamma di prodotti. È anche estremamente importante per l’alimentazione del bestiame e il suo ruolo nella produzione di biocarburanti è in aumento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma la creazione di spazio per le colture di soia ha provocato la deforestazione, lo spostamento della fauna selvatica in via di estinzione e la catastrofica interruzione dello stile di vita delle popolazioni indigene. Negli ultimi 11 anni, un’area di terra di dimensioni equivalenti al paese del Galles è stata sgomberata per la produzione di soia nell’area di Cerrado, nel Brasile centrale. Nopales, tuttavia, presenta una serie di vantaggi strategici rispetto alle solite colture di biocarburanti.

Mentre sono utilizzati nella produzione di alimenti e bevande, non sono consumati su scala industriale. Quindi l’aumento della domanda di nopales nella creazione di carburante non farà pressioni sui prezzi dei prodotti alimentari. Allo stesso modo, non vengono coltivati ​​su pascoli agricoli tradizionali, il che significa che non vi è una maggiore concorrenza per le risorse attualmente utilizzate per la produzione alimentare globale. Inoltre, se il fico d’India sposta la soia nella produzione di biocarburanti, tale calo della domanda potrebbe contribuire a stabilizzare o addirittura a ridurre i prezzi dei prodotti alimentari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E se tutto ciò non è abbastanza per farti guardare il nopal sotto una nuova luce, viene anche usato come potenziale alternativa per la plastica monouso. La ricercatrice Sandra Pascoe dell’Università della Valle di Atemajac in Messico ha usato il succo nopale come base per un nuovo materiale simile alla plastica .

Il succo contiene monosaccaridi e polisaccaridi, che possono essere combinati con glicerolo, cere naturali e proteine ​​per creare un liquido che si forma in fogli di plastica. A differenza della normale plastica, l’alternativa al succo nopale si decompone naturalmente quando viene sepolta, il che potrebbe aiutare nella lotta contro l’inquinamento da plastica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:europeansting.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.