Press "Enter" to skip to content

Rabbia e malattia: più ci arrabbiamo, più ci ammaliamo. Saper gestire la rabbia aiuta ad evitare patologie gravi

Considerando che le emozioni sono importanti per imparare a conoscere noi stessi, ma anche per affrontare il mondo che ci circonda, dobbiamo tenere presente che esistono emozioni che per quanto importanti non è bene viverle per troppo tempo, ad esempio la rabbia: questa emozione al contrario di quanto si pensi, è molto importante ed è sbagliato non tirarla fuori quando arriva. E’ un extra di energia che deve uscire fuori, altrimenti a lungo andare può esplodere in altro modo. Ovviamente bisogna imparare a controllarla e soprattutto a superarla, come tutte quelle emozioni non piacevoli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A livello fisico la rabbia scatena dei meccanismi particolari attivando il sistema simpatico e concentrando le nostre energie su un unica cosa: la troppa rabbia aumenta i livelli di stress e aumenta il battito cardiaco e la pressione sanguigna, quindi è bene arrabbiarsi, ma cercando di gestirla al meglio e soprattutto non deve durare a lungo. Chi vive momenti o addirittura periodi molto lunghi di rabbia, può soffrire di cefalea, vertigini e infiammazioni corporee e questo può poi con il tempo portare a soffrire di patologie croniche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Da uno studio effettuato dall’ Università di Lipsia e Concordia, è risultato esserci un collegamento tra rabbia e malattia: sono state esaminate 226 persone, nella prima fase è stato effettuato un prelievo di sangue per controllare se fossero presenti malattie o infiammazioni croniche.  In base ai risultati del test del prelievo di sangue è stato effettuato un test sul livello di rabbia durante la normale giornata ai vari soggetti esaminati. Con il passar del tempo ci si è resi conto di una maggiore correlazione tra aumento di infiammazione e uno stato peggiore di salute con l’aumento dei livelli di rabbia. Le malattie maggiormente diffuse nei soggetti sottoposti a questo test sono: artrite, diabete, malattie cardiovascolari e malattie autoimmuni. Anche se le conseguenze non sono spesso immediate, ma il peggioramento può avvenire negli anni, causato da lunghi periodi di rabbia e stress.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ possibile, imparando a gestire la rabbia ad evitare di peggiorare il proprio stato di salute o di ammalarsi. Il punto fondamentale è non partire d’impulso, invece cercare di contare fino a 10 prima di partire ed esplodere, fermarsi e pensare a quello che stiamo per dire o fare, bloccando l’impulso iniziale. Ovviamente non è semplice, serve un lavoro su se stessi non indifferente, ma con il tempo si può raggiungere questo obiettivo e aumentare anche il proprio grado di autostima, riuscendo a farlo.

Prima di esplodere l’ideale sarebbe riuscire a controllare il corpo, magari con qualche esercizio di respirazione che abbassa i livelli del battito cardiaco e quindi anche della pressione arteriosa.
Un altro passaggio fondamentale, può essere riuscire a capire quale sia la causa fondamentale che ci porta ad esplodere cosi frequentemente e lavorare anche su questo, cercando di superare questo limite per conoscere meglio noi stessi e auto controllarci per il bene della nostra salute.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:oltre.tv

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.