Press "Enter" to skip to content

La donna con 31 dita da Guinness dei primati chiede aiuto per curarsi.

Kumari Nayak è nata con 31 dita tra quelle delle mani e dei piedi, ma ha trascorso tutta la vita a nascondersi nella sua casa dopo essere stata definita una strega da vicini ignoranti e cattivi. Kumari Nayak, indiana 63 anni, soffre di polidattilia, una disabilità congenita in cui la vittima ha più dita su mani e piedi. Kumari entra nel Guinness dei primati,ma lei non è felice. Perché? Le sue condizioni l’hanno tormentata per tutta la vita e spesso si sente costretta a rimanere nascosta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La donna indiana non ha abbastanza soldi per ricevere cure mediche e afferma che i suoi vicini crudeli la chiamano “strega” e la evitano per strada. la donna, del distretto di Ganjam a Odisha, in India, afferma di essere nata con questo difetto e che non poteva essere curata perché apparteneva a una famiglia povera. “Soffro di questa malattia da 63 anni” dice “I vicini, che sono troppo convinti, credono che io sia una strega e mi stanno alla larga“, ha rivelato Nayak. “A volte vengono a vedere le mie condizioni, ma non mi aiutano mai. Devo rimanere in casa perché sono considerata diversa, il che non è un buon trattamento da parte dei miei vicini “, ha riferito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno dei suoi vicini, che è a conoscenza dello stato di Kumari, ha detto che altri nel loro “piccolo villaggio” credono troppo nella superstizione. Il vicino ha rivelato di “sapere che ha un problema di salute e non ha nulla a che fare con ciò che gli altri pensano che sia“. “Mi dispiace così tanto per lei che non può nemmeno permettersi una cura.In India 134 persone, in maggioranza donne, sono state uccise per aver usato la “magia nera” nel 2016, secondo il National Crime Records Bureau. Ad oggi in alcune parti del paese le donne vengono accusate di stregoneria. La maggior parte delle quali sono state uccise dai linciaggi con il pretesto della “caccia alle streghe“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo i rapporti di DW News, diversi stati indiani hanno introdotto leggi per prevenirlo, ma gli attivisti per i diritti umani hanno ritenuto che fosse insufficiente. Funzionari del governo indiano, dopo aver sentito della difficile situazione di Kumari Nayak, le hanno offerto vitto e alloggio e stanno cercando di informare i suoi vicini. Un portavoce del dipartimento amministrativo ha dichiarato: “Siamo consapevoli della sua situazione e abbiamo offerto tutto il possibile aiuto. Educhiamo anche i suoi vicini a trattarla con amore e compassione perché non è una strega.

Fonte:afrinik.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.