Press "Enter" to skip to content

Covid-19: quali gli effetti sul virus con temperature calde, fredde e tasso di umidità variabile? Cosa sappiamo in base alle prime ricerche scientifiche (non esaustive)

Molte malattie infettive crescono e calano con le stagioni . L’influenza arriva in genere con i mesi invernali più freddi, così come il norovirus . Altri, come il tifo , tendono a raggiungere il picco durante l’estate. I casi di morbillo cadono durante l’estate nei climi temperati, mentre nelle regioni tropicali raggiungono il picco nella stagione seccaForse non sorprende che molte persone si stiano chiedendo se possiamo aspettarci una stagionalità simile con Covid-19:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Da quando è emerso per la prima volta in Cina intorno alla metà di dicembre, il virus si è diffuso rapidamente, con il numero di casi che stanno aumentando rapidamente in Europa e negli Stati Uniti. Molti dei maggiori focolai si sono verificati in regioni in cui il clima è più fresco, portando alla speculazione che la malattia potrebbe iniziare a ridursi con l’arrivo dell’estate. Molti esperti, tuttavia, hanno già messo in guardia dal fare troppo affidamento sul virus che muore in estate . E hanno ragione a essere cauti. Il virus che causa Covid-19 – che è stato ufficialmente chiamato SARS-CoV-2 – è troppo “nuovo” per avere dati fermi su come i casi cambieranno con le stagioni. Il virus Sars strettamente correlato che si diffuse nel 2003 fu contenuto rapidamente, il che significa che ci sono poche informazioni su come è stato influenzato dalle stagioni. Ma ci sono alcuni indizi di altri coronavirus che infettano l’uomo sul fatto che Covid-19 possa eventualmente diventare stagionale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno studio condotto 10 anni fa da Kate Templeton, del Centre for Infectious Diseases dell’Università di Edimburgo, nel Regno Unito, ha scoperto che tre dei coronavirus esistenti – tutti ottenuti da pazienti con infezioni del tratto respiratorio negli ospedali e interventi chirurgici di medicina generale a Edimburgo – hanno mostrato “ marcata stagionalità invernale ”. Questi virus sembravano causare infezioni principalmente tra dicembre e aprile – un modello simile a quello osservato con l’influenza. Un quarto coronavirus, che è stato trovato principalmente in pazienti con sistema immunitario ridotto, era molto più sporadico. Ci sono alcuni primi suggerimenti che Covid-19 può anche variare con le stagioni. La diffusione di epidemie della nuova malattia in tutto il mondo sembra suggerire che abbia una preferenza per le condizioni fresche e secche:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’analisi inedita che confronta il tempo in 500 località del mondo in cui si sono verificati casi di Covid-19 sembra suggerire un legame tra la diffusione del virus e la temperatura, la velocità del vento e l’umidità relativa . Un altro studio inedito ha anche mostrato che temperature più elevate sono legate alla minore incidenza di Covid-19 , ma osserva che la sola temperatura non può spiegare la variazione globale dell’incidenza. Ulteriori ricerche non ancora pubblicate prevedono che i climi temperati caldi e freddi sono i più vulnerabili all’attuale epidemia di Covid-19, seguita da regioni aride. Le parti tropicali del mondo sono probabilmente le meno colpite, affermano i ricercatori. Ma senza dati reali per un certo numero di stagioni, i ricercatori si affidano alla modellizzazione computerizzata per prevedere cosa potrebbe accadere nel corso dell’anno.

Estrapolare i dati sulla stagionalità di Covid-19 sulla base di coronavirus endemici, ovvero virus che circolano da tempo nelle popolazioni umane, è una sfida. Questo non è ultimo perché i virus endemici sono stagionali per una serie di motivi che potrebbero non essere attualmente applicabili alla pandemia di Covid-19. Le pandemie spesso non seguono gli stessi schemi stagionali osservati negli scoppi più normali. L’influenza spagnola, ad esempio, ha raggiunto il picco durante i mesi estivi , mentre la maggior parte dei focolai di influenza si verificano durante l’inverno. ( Leggi di più su ciò che l’influenza spagnola può insegnarci su Covid-19 .)

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Alla fine ci aspetteremmo che Covid-19 diventi endemico“, afferma Jan Albert, professore di controllo delle malattie infettive specializzato in virus presso il Karolinska Institute di Stoccolma. “E sarebbe davvero sorprendente se non mostrasse stagionalità allora. La grande domanda è se la sensibilità di questo virus alle [stagioni] influenzerà la sua capacità di diffondersi in una situazione di pandemia. Non lo sappiamo per certo, ma dovrebbe essere nella parte posteriore della nostra testa che sia possibile. “ Dobbiamo quindi essere cauti quando usiamo ciò che sappiamo del comportamento stagionale di altri coronavirus per fare previsioni sull’attuale pandemia di Covid-19. Ma perché i coronavirus correlati sono stagionali e perché offre speranza per questo focolaio? I coronavirus sono una famiglia di cosiddetti ” virus avvolti “. Ciò significa che sono rivestiti in un cappotto oleoso , noto come doppio strato lipidico, tempestato di proteine ​​che sporgono come punte di una corona, contribuendo a dar loro il nome – corona è latino per corona. La ricerca su altri virus avvolti suggerisce che questo mantello oleoso rende i virus più sensibili al calore rispetto a quelli che non ne hanno uno:

In condizioni più fredde, il mantello oleoso si indurisce in uno stato simile alla gomma, proprio come il grasso della carne cotta si indurirà mentre si raffredda, per proteggere il virus più a lungo quando si trova all’esterno del corpo. La maggior parte dei virus avvolti tende a mostrare una forte stagionalità a causa di ciò. La ricerca ha già dimostrato che Sars-Cov-2 può sopravvivere fino a 72 ore su superfici dure come plastica e acciaio inossidabile a temperature comprese tra 21-23 ° C (70-73 ° F) e con umidità relativa del 40%. Tuttavia, occorreranno ulteriori studi ad altre temperature e ad altri tassi di umidità, ma la ricerca su altri coronavirus suggerisce che possono sopravvivere per più di 28 giorni a 4 ° C . ( Leggi di più su quanto tempo Covid-19 può sopravvivere sulle superfici .I ricercatori hanno constatato che un genere di coronavirus strettamente correlato con quello che ha causato l’epidemia di Sars nel 2003 è risultato capace di sopravvivere meglio in condizioni più fresche e asciutte:

 Ad esempio, il virus Sars essiccato su superfici lisce è rimasto contagioso per oltre cinque giorni tra 22-25 ° C e con un’umidità relativa del 40-50%. Maggiore è la temperatura e l’umidità, più breve è il virus sopravvissuto. “Il clima entra in gioco perché influenza la stabilità del virus al di fuori del corpo umano quando viene espulso tossendo o starnutendo, per esempio“, afferma Miguel Araújo, che studia gli effetti del cambiamento ambientale sulla biodiversità presso il Museo Nazionale di Scienze Naturali di Madrid , Spagna. “Maggiore è il tempo in cui il virus rimane stabile nell’ambiente, maggiore è la sua capacità di infettare altre persone e diventare epidemica. Mentre Sars-Cov-2 si è rapidamente diffuso in tutto il mondo, i maggiori focolai si sono verificati principalmente in luoghi esposti a tempo freddo e secco.I suoi modelli di computer sembrano certamente corrispondere al modello di epidemie in tutto il mondo, con il maggior numero di casi al di fuori dei tropici:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 Araújo ritiene che se Covid-19 condivide una sensibilità simile alla temperatura e all’umidità, ciò potrebbe significare che i casi di coronavirus divamperanno in momenti diversi in tutto il mondo. “È ragionevole aspettarsi che i due virus condividano comportamenti simili”, afferma. “Ma questa non è un’equazione a una variabile. Il virus si diffonde da umano a umano. Più umani in un determinato luogo e più entrano in contatto l’uno con l’altro, più infezioni ci saranno. Il loro comportamento è fondamentale per comprendere la propagazione del virus “. Uno studio dell’Università del Maryland ha dimostrato che il virus si è diffuso maggiormente nelle città e nelle regioni del mondo in cui le temperature medie che sarebbero state intorno ai 5-11 ° C (41-52 ° F) e l’umidità relativa è stata bassaMa ci sono stati un numero considerevole di casi anche nelle regioni tropicali. Una recente analisi della diffusione del virus in Asia da parte dei ricercatori della Harvard Medical School suggerisce che questo coronavirus pandemico sarà meno sensibile al tempo di quante sperano. Concludono che la rapida crescita dei casi nelle province fredde e asciutte della Cina, come Jilin e Heilongjiang, insieme al tasso di trasmissione in luoghi tropicali, come il Guangxi e Singapore, suggeriscono che aumenti di temperatura e umidità in primavera e in estate non portare a un calo dei casi . Dicono che sottolinea la necessità di ampi interventi di sanità pubblica per controllare la malattia. ( Leggi di più sul perché il distanziamento sociale è così importante . ) Questo perché la diffusione di un virus dipende molto più che semplicemente dalla sua capacità di sopravvivere nell’ambiente:

Ed è qui che la comprensione della stagionalità delle malattie diventa complicata. Per una malattia come Covid-19, sono le persone che stanno diffondendo il virus e quindi i cambiamenti stagionali nel comportamento umano possono anche portare a cambiamenti nei tassi di infezione. I casi di morbillo in Europa, ad esempio, tendono a coincidere con i termini scolastici e diminuiscono durante le vacanze quando i bambini non si diffondono il virus tra loro. È stato anche suggerito che l’enorme migrazione di persone intorno al capodanno lunare cinese il 25 gennaio abbia avuto un ruolo chiave nella diffusione di Covid-19 da Wuhan ad altre città della Cina e del mondo. Il tempo può anche fare casino con il nostro sistema immunitario per renderci anche più vulnerabili alle infezioni:

Ci sono alcune prove che suggeriscono che i livelli di vitamina D nei nostri corpi possono influire su quanto siamo vulnerabili alle malattie infettive . In inverno i nostri corpi producono meno vitamina D dall’esposizione alla luce solare, principalmente perché trascorriamo più tempo al chiuso e ci avvolgiamo in abiti contro l’aria fredda. Ma alcuni studi hanno scoperto che è improbabile che questa teoria spieghi le variazioni stagionali osservate in malattie come l’influenza. Più controverso è se il freddo indebolisca il nostro sistema immunitario – alcuni studi suggeriscono che lo fa , ma altri ritengono che il freddo possa effettivamente aumentare il numero di cellule che difendono il nostro corpo dalle infezioni. Vi sono prove più forti, tuttavia, che l’umidità può avere un impatto maggiore sulla nostra vulnerabilità alle malattie. Quando l’aria è particolarmente secca, si pensa che riduca la quantità di muco che ricopre i polmoni e le vie respiratorie. Questa secrezione appiccicosa costituisce una difesa naturale contro le infezioni e con meno di essa, siamo più vulnerabili ai virus. Uno studio intrigante condotto da scienziati in Cina suggerisce che esiste una sorta di relazione tra quanto letale Covid-19 può essere e le condizioni meteorologiche:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Hanno esaminato quasi 2.300 morti a Wuhan, in Cina, e le hanno confrontate con l’umidità, la temperatura e i livelli di inquinamento nel giorno in cui si sono verificati. Anche se deve ancora essere pubblicato su una rivista accademica, la loro ricerca suggerisce che i tassi di mortalità erano più bassi nei giorni in cui i livelli di umidità e le temperature erano più alti. La loro analisi suggeriscono anche che nei giorni in cui le gamme di temperatura massima e minima erano maggiori, c’erano livelli più elevati di mortalità. Ma questo lavoro si basa in gran parte anche sulla modellazione al computer, quindi l’esatta natura di questa relazione, e se sarà vista in altre parti del mondo, deve ancora essere esplorata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poiché il virus che causa la pandemia di Covid-19 è nuovo, è improbabile che molte persone, se qualcuno, avranno l’immunità contro di essa fino a quando non saranno state infettate e si siano riprese. Ciò significa che il virus si diffonderà, infetterà e causerà la malattia in un modo abbastanza diverso dai virus endemici. I viaggi aerei sono stati la principale via attraverso la quale il virus si è diffuso in tutto il mondo così rapidamente, afferma Vittoria Colizza, direttrice della ricerca presso l‘Istituto francese di salute e ricerca medica. Ma una volta che inizia a diffondersi all’interno di una comunità, è lo stretto contatto tra le persone che guida la trasmissione. Anche l’interruzione del contatto tra le persone dovrebbe ridurre i tassi di infezione. Questo è esattamente ciò che molti governi hanno tentato di fare con l’escalation del blocco dei luoghi pubblici in tutto il mondo. “Non ci sono ancora prove di un comportamento stagionale di Covid-19”, afferma Colizza. “Anche la componente comportamentale può svolgere un ruolo.” Ma la ricercatrice avverte che è troppo presto per sapere se le misure messe in atto saranno sufficienti per bloccare la diffusione del virus:

“Di per sé, può ridurre parzialmente l’effettiva contagiosità dovuta alla riduzione dei contatti lungo i quali la malattia potrebbe essere trasmessa.” E se i casi di Covid-19 dovessero davvero decollare nei prossimi mesi, ciò potrebbe essere per una serie di ragioni: le misure di prevenzione come l’isolamento e i blocchi hanno successo; c’è una crescente immunità nella popolazione; o potrebbe essere un effetto della stagione, come suggeriscono i modelli di Albert. “Se c’è un effetto stagionale, potrebbe mascherare il vero impatto degli altri due“, avverte Albert. “Nei paesi in cui un forte blocco ha significato che non sono state esposte molte persone, non sarei sorpreso che vedremo una seconda ondata arrivare in autunno e in inverno. Anche se Covid-19 mostra una certa variabilità stagionale, è improbabile che scompaia completamente durante i mesi estivi , come alcuni hanno suggerito. Ma un tuffo nei casi potrebbe portare alcuni benefici. “I passi che stiamo prendendo per spianare la curva sono costosi in termini economici, ma potrebbero aiutarci a spingere questa pandemia in estate”, afferma Albert. “Se c’è un po ‘di stagionalità, potrebbe acquistare i sistemi sanitari il tempo necessario per prepararsi.” E in un mondo in lotta per far fronte al numero in rapida crescita di casi, potrebbe essere proprio il momento di cui abbiamo disperatamente bisogno.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.