Press "Enter" to skip to content

Sblocchi in Cina: la gente si riversa nelle strade e nei luoghi turistici, ma si temono altre ondate:

I visitatori imballano il parco montano Huangshan della provincia di Anhui il 4 aprile, superando il limite di visitatori di 20.000.
Un gran numero di persone si è riversato nei siti di turisti popolari e nelle principali città della Cina durante il fine settimana di vacanza del paese, nonostante gli avvertimenti delle autorità sanitarie che il rischio rappresentato dalla pandemia di coronavirus rimanga tutt’altro che finito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le immagini del parco montano di Huangshan nella provincia di Anhui di sabato 4 aprile hanno mostrato migliaia di persone ammassate insieme, molte delle quali indossavano maschere per il viso, desiderose di vivere i grandi spazi aperti dopo mesi di restrizioni di viaggio e rigide misure di blocco. Tale è stata la fretta di entrare nella famosa località turistica, che alle 7.48 le autorità hanno preso l’inusuale passo di emettere un avviso in cui si dichiarava che il parco aveva raggiunto la sua capacità giornaliera di 20.000 persone e che non avrebbe accettato più visitatori, secondo lo stato media Global Times.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel frattempo a Shanghai, il famoso lungomare del Bund è stato nuovamente affollato di acquirenti e turisti, dopo settimane trascorse quasi deserte. Molti dei ristoranti della città che erano stati chiusi solo pochi giorni fa sembravano anche fare grandi affari, con diversi che richiedevano la prenotazione per entrare. Una storia simile si è svolta nella capitale Pechino, con la gente del posto che affolla i parchi e gli spazi aperti della città.
Il brusco ritorno all’apparente normalità arriva più di tre mesi dopo che il virus fu scoperto per la prima volta nella città cinese di Wuhan. L’epidemia, che da allora si è diffusa in tutto il mondo infettando più di un milione di persone, ha visto gran parte della Cina arrestarsi quasi nel tentativo di contenere le trasmissioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Al suo apice, ogni giorno in Cina sono stati registrati migliaia di nuovi casi. Tuttavia, nelle ultime settimane il tasso di infezione è rallentato in modo significativo. Lunedì la Cina ha riportato solo 39 nuovi casi, solo uno grave. Dall’inizio dell’epidemia, la Cina ha registrato 82.641 casi e 3.335 morti. Mentre il governo sta lentamente allentando le restrizioni, gli esperti sanitari cinesi hanno esortato il pubblico a continuare a esercitare cautela.
Zeng Guang, capo epidemiologo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha detto giovedì al Health Times che la Cina non ha visto la fine dell’epidemia.
La Cina non è vicina alla fine, ma è entrata in una nuova fase. Con l’epidemia globale in atto, la Cina non ha raggiunto la fine”, ha detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Con il numero di nuove infezioni in Cina, secondo quanto riferito, sta diminuendo, il governo ha iniziato provvisoriamente gli sforzi per riavviare le industrie manifatturiere e di servizi del paese. Il crollo dell’attività ha colpito tutti i settori dell’economia del paese , causando preoccupazioni per danni a lungo termine. Nelle ultime settimane, tuttavia, ci sono stati segnali che il governo ha diffidato di aprirsi troppo rapidamente e scatenare una seconda ondata di infezioni nel paese. Secondo i media statali, i piani per riaprire i cinema sono stati annullati a fine marzo, meno di due settimane dopo che gli era stato chiesto di riavviare. Mentre numerose attrazioni turistiche a Shanghai erano aperte per soli 10 giorni prima di essere chiuse di nuovo il 31 marzo.

Dopo che le immagini della folla di Huangshan sono apparse sui social media, il People’s Daily, il giornale ufficiale del Partito Comunista al potere, ha emesso un severo rimprovero sui social media avvertendo i turisti: “Non radunatevi!
In un commento pubblicato sul sito web del giornale, un opinionista ha affermato che, mentre era comprensibile, la gente avrebbe voluto uscire dopo essere stata chiusa in quarantena, ora non era il momento di smettere di essere “vigili”.
Se ci sono portatori asintomatici presenti durante le riunioni su larga scala, le conseguenze sarebbero gravi”, ha detto l’articolo. Secondo il giornale, Huangshan da allora ha annunciato che smetterà di ricevere turisti.

La folla si riunisce a Pechino per celebrare il Festival di Qingming il 6 aprile, dopo settimane di paura sul coronavirus. 
Le preoccupazioni sul fatto che la Cina stia allentando troppo presto le sue restrizioni al coronavirus hanno portato gli esperti e le autorità di Hong Kong ad avvertire della possibilità di una “terza ondata” di infezioni in città.
Parlando con i giornalisti locali domenica, l’epidemiologo di Hong Kong Yuen Kwok-yung ha affermato che potrebbe esserci una “nuova ondata” di casi nella Cina continentale, a causa delle infezioni importate dall’Europa e dagli Stati Uniti.
Quindi a Hong Kong, potremmo avere una terza ondata di casi provenienti dalla terraferma dopo una seconda ondata … L’epidemia è ancora grave nella società. A questo punto, non è ancora ottimista. Ciò che mi preoccupa di più è test inadeguati su pazienti con sintomi lievi, che ci impediscono di interrompere la catena di trasmissione “, ha detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’hub finanziario globale sta ancora cercando di contenere una seconda ondata di casi importati dopo che i cittadini di ritorno e gli espatriati dall’Europa e dal Regno Unito hanno portato a un nuovo focolaio alla fine di marzo.
In poco meno di due settimane, il numero di infezioni locali è passato da 317 a quasi 900.
Il respondabile del Consiglio esecutivo di Hong Kong, Bernard Chan, ha dichiarato all’emittente pubblica RTHK domenica che il governo della città ha ancora misure più severe che potrebbe introdurre per contenere l’epidemia di coronavirus. Tali misure potrebbero includere la limitazione o il blocco dei ristoranti in tutta la città.
Potremmo anche rischiare di diffondere il panico, ma dobbiamo accettare che potrebbe essere necessario se l’alternativa è il rischio di qualcosa di peggio”, ha detto.

Fonte:cnn.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.