Press "Enter" to skip to content

India: l’Himalaya visibile dopo “decenni” a circa 160 chilometri di distanza, il blocco ha diminuito l’inquinamento atmosferico


Le persone nello stato dell’India settentrionale del Punjab stanno reagendo con meraviglia alla vista della catena montuosa dell’Himalaya , che è ora visibile da oltre 160 chilometri di distanza a causa della riduzione dell’inquinamento atmosferico causato dal blocco del coronavirus del paese. Gli indiani nella città di Jalandhar e dintorni hanno pubblicato foto online delle viste dalle loro case, con alcuni che dicono di non aver visto le vette dell’Himalaya da decenni. “Per la prima volta in quasi 30 anni (I) ho potuto vedere chiaramente l’Himalaya a causa del blocco dell’India che ha eliminato l’inquinamento atmosferico. Semplicemente fantastico“, ha scritto Manjit Kang.

- Prosegue dopo la pubblicità -

un drammatico miglioramento della qualità dell’aria nelle ultime settimane, dopo che le industrie hanno chiuso e le auto in circolazione sono diminuite drasticamente e le compagnie aeree hanno cancellato i voli in risposta alla pandemia di coronavirus .
Delhi ha riscontrato una riduzione del 44% dei livelli di inquinamento atmosferico di PM10 solo nel primo giorno di restrizioni, ha scoperto il Consiglio centrale per il controllo dell’inquinamento dell’India . Lo standard PM10 misura il particolato disperso nell’aria di 10 micrometri o di diametro inferiore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il rapporto afferma che, in totale, 85 città in tutta l’India hanno visto meno inquinamento atmosferico nella prima settimana del blocco nazionale.
Nel frattempo la qualità dell’aria a Jalandhar, che si trova più di 160 chilometri dall’Himalaya, è stata misurata come “buona” su scala nazionale dell’indice per 16 dei 17 giorni da quando il blocco a livello nazionale è stato annunciato. Al contrario, lo stesso periodo di 17 giorni dell’anno scorso non è riuscito a registrare un solo giorno di “buona” qualità dell’aria – e nei primi 17 giorni di marzo di quest’anno, solo tre giorni hanno visto “buona” qualità dell’aria.
Il periodo ha quindi segnato una ventata non voluta ma gradita di aria fresca per le città affollate e inquinate del paese. L’India ospita 21 delle 30 aree urbane più inquinate al mondo , secondo i dati compilati nel Rapporto sulla qualità dell’aria mondiale del 2019 di IQAir AirVisual, con sei tra i primi dieci.

La nazione è stata bloccata per più di due settimane , con il Primo Ministro Narendra Modi che ha ordinato “un divieto totale di avventurarsi fuori dalle vostre case“.
Sono stati operativi solo servizi essenziali, tra cui acqua, elettricità, servizi sanitari e antincendio, negozi di alimentari e servizi municipali. Tutti gli altri negozi, stabilimenti commerciali, fabbriche, officine, uffici, mercati e luoghi di culto chiusi. Il paese ha riportato quasi 6000 casi di Covid-19 e 178 morti, secondo i dati della Johns Hopkins University. Mentre la famosa catena montuosa è più visibile che nella memoria recente, è anche più deserta. Molte delle sue montagne sono state chiuse agli scalatori per quasi un mese, con i lati nepalese e cinese del Monte Everest che hanno chiuso all’inizio di marzo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:cnn.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.