Press "Enter" to skip to content

Oceani, laghi e fiumi su Marte 3,7 miliardi di anni fa – foto e video dello studio scientifico

I ricercatori stanno “leggendo le rocce” e la storia di Marte per dipingere un quadro di quando il  pianeta ha sostenuto la presenza di acqua liquida sulla sua superficie miliardi di anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una ricostruzione artistica
Nuove immagini e dati altamente dettagliati delle scogliere esposte su Marte rivelano le prime prove di fiumi che sarebbero esistiti sino a 100.000 anni fa sulla superficie marziana e a partire da 3,7 miliardi di anni fa, secondo uno studio pubblicato martedì sulla rivista Nature Communications . Un team internazionale di scienziati ha utilizzato immagini e topografia catturate dalla telecamera HiRISE della NASA Mars Reconnaissance Orbiter per studiare un bordo del bacino dell’Hellas nell’emisfero meridionale di Marte. Il cratere da impatto dell’Hellas è stato a lungo di interesse per i ricercatori perché è uno dei più grandi del nostro sistema solare, che si estende per 9 miglia dal cratere al bordo. Qui, nella roccia sono visibili antiche testimonianze di un grande lago, fiumi, delta e canali. E le rocce rivelano che Marte deve aver avuto una presenza d’acqua sostenuta e significativa nel suo passato. I ricercatori hanno ristretto la loro attenzione a una scogliera rocciosa, alta circa 656 piedi, il doppio di quella delle famose scogliere bianche di Dover lungo la costa inglese. Lì, le rocce hanno 3,7 miliardi di anni. Composte da sedimenti accumulati nel tempo, sono come le rocce trovate sulla Terra che sono state formate dai fiumi:
Un’ipotetica ricostruzione digitale di Marte con acqua liquida così come avrebbe potuto essere miliardi di anni fa

Queste pareti rocciose esposte su Marte rivelano “fiumi che hanno spostato continuamente i loro canali, creando banchi di sabbia, simili al Reno o ai fiumi che puoi trovare nel Nord Italia”, hanno detto i ricercatori nel loro studio. “Non è come leggere un giornale, ma le immagini ad altissima risoluzione ci hanno permesso di” leggere “le rocce come se ti trovassi molto vicino alla scogliera”, ha detto Francesco Salese, autore dello studio, geologo dell’Università di Utrecht in Olanda e scienziato senior presso la International Research School of Planetary Sciences in Italia, in una nota. “Purtroppo non abbiamo la capacità di arrampicarci, di guardare i dettagli su scala più fine, ma le sorprendenti somiglianze con le rocce sedimentarie sulla Terra lascia ben poco all’immaginazione.” Le rocce sedimentarie registrano strati di storia e i ricercatori sono stati in grado di determinare che i canali di questi antichi fiumi erano profondi circa nove o 10 piedi o diversi metri. Analizzare questi strati su Marte può far luce sulla sua storia, proprio come i geologi hanno usato strati di sedimenti sulla Terra per capire come il nostro pianeta si è evoluto nel tempo e immaginare come fossero milioni e miliardi di anni fa. “Ora abbiamo la tecnologia per estendere questa metodologia a un altro pianeta terrestre, Marte, che ospita un antico record di rocce sedimentarie che si estende ancora più indietro nel tempo rispetto al nostro”, ha affermato William McMahon, co-autore dello studio e geologo all’Università di Utrecht , in una dichiarazione. Ovviamente le rocce che sono state in grado di studiare dai dati orbitali contengono solo una frazione del tempo in cui l’acqua e i sedimenti venivano spostati nella regione, hanno detto i ricercatori:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
L’erosione è una forza potente e può cancellare strati di storia nelle rocce. Ma altre rocce che fungono da marcatori del tempo potrebbero essere scoperte o sepolte, hanno detto. Ma dicono di sentirsi fortunati di essere stati in grado di studiare questa particolare parete rocciosa, che era inclinata ad angolo retto in modo che l’orbiter potesse catturarlo proprio così. Tale angolo ha permesso ai ricercatori di vedere quelli a cui si riferiscono come schemi di accatastamento nei depositi rocciosi e nelle forme del terreno create dagli antichi fiumi. Potrebbero scoprire dove è cambiato il sedimento e ipotizzare ciò che ha creato i diversi strati. Sulla base delle prove che hanno trovato nei dati orbitali, i ricercatori ritengono che l’acqua del pianeta sia stata guidata dalle precipitazioni, come la pioggia che sperimentiamo sulla Terra, e abbia avuto una presenza sostenuta 3,7 miliardi di anni fa. Precedenti studi sull’acqua antica su Marte suggeriscono anche che è stata prolungata e questa nuova ricerca si aggiunge a quel campo, suggerendo il fatto che una quantità significativa di acqua faceva parte del paesaggio marziano miliardi di anni fa. “Tali fiumi che scorrono perenni richiederebbero un ambiente in grado di mantenere grandi volumi di acqua per lunghi periodi di tempo, e quasi certamente necessitavano di un ciclo idrologico guidato dalle precipitazioni”, ha detto Salese.“[Ciò è] più in linea con il cambiamento climatico più lento, e meno in linea con eventi catastrofici idrologici. Questo tipo di prova, di un paesaggio acquoso di lunga vita, è cruciale nella nostra ricerca di vita antica sul pianeta.” Un altro video:

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.