Press "Enter" to skip to content

Creato chip capace di inviare 44.2 Terabits (oltre 5500 gigabyte) al secondo. Potrebbe sostituire gli ingombranti server. Ecco come funziona

Un piccolo dispositivo chiamato micro-pettine potrebbe un giorno sostituire l’infrastruttura Internet esistente per raggiungere nuovi massimi livelli nella velocità di download, fornendo a milioni di dati ampi allo stesso tempo, anche durante i periodi più trafficati:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La tecnologia leggera è stata recentemente messa alla prova in una prova sul campo che ha misurato velocità di dati di un sorprendente 44,2 terabit (ovvero oltre 5.500 gigabyte) al secondo  tutte emesse da un’unica fonte di luce. Gli stessi microchip non sono esattamente nuovi, essendo stati inventati circa un decennio fa. Ma con l’aumentare della pressione sulle nostre autostrade dei dati, la tecnologia sta dimostrando risultati promettenti come un modo per ridurre la velocità e accelerare la tecnologia alla base di Internet. “È davvero entusiasmante vedere la loro capacità nelle telecomunicazioni in fibra ottica a larghezza di banda ultra elevata diventare realtà”, afferma David Moss, direttore del Centro di scienze ottiche dell’Università di Swinburne. “Questo lavoro rappresenta un record mondiale per la larghezza di banda di una singola fibra ottica da una singola fonte di chip e rappresenta un enorme passo avanti per una parte della rete che esegue il sollevamento più pesante.” Gli ingegneri della Monash University, della Swinburne University e della RMIT in Australia affermano che un vantaggio significativo del chip è la sua capacità di sfruttare al meglio l’infrastruttura esistente per soddisfare le esigenze che ci possiamo aspettare nei prossimi anni. Lo sviluppo della propria rete nazionale a banda larga (NBN) multi-tecnologia basata sul rame in Australia è stato oggetto di forti critiche dalla decisione del governo nel 2013 di non far passare la fibra ottica direttamente nelle case delle persone:

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stata una chiamata discutibile che molti si sono sentiti incapaci di rendere Internet a prova di futuro contro le crescenti richieste, una previsione che è stata rafforzata solo dalla crisi pandemica che ha intensificato le nostre abitudini di consumo dei dati, mentre proviamo a spremere innumerevoli riunioni Zoom ed episodi di programmi TV attraverso reti di rame e fibra ottica. C’è una preoccupazione urgente che gli attuali sistemi faranno fatica negli anni a venire. Sostituire le autostrade dei cavi obsoleti per stare al passo con le nostre esigenze è un esercizio costoso e che richiede tempo che senza dubbio verrà lasciato alle generazioni future per capire. Nel frattempo, ci sono altri componenti che possono essere aggiornati per aiutare a migliorare il flusso del traffico. Uno di questi è il modo in cui attualmente generiamo le frequenze della luce che trasportano i bit e i byte lungo i cavi nei nostri computer e dispositivi intelligenti. I laser che brillano a frequenze diverse possono creare una moltitudine di “canali” per riempire le informazioni nei minuscoli tubi di rifrazione. A seconda del modo in cui la luce è distanziata, possiamo illuminare fino a 80 canali nella rete per tutte le nostre esigenze di dati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo nuovo chip micro-pettine innovativo potrebbe essere impostato per sostituire i metodi esistenti per la creazione di tutti quei canali, scambiando 80 laser separati per un singolo generatore di forme d’onda di cristallo che può essere sintonizzato per modellare un arcobaleno di onde luminose. Sulla carta sembra un’ottima idea. Ma per assicurarsi che la loro teoria fosse valida, i ricercatori hanno collegato un prototipo del dispositivo a più di 76 chilometri (47 miglia) di cavo ottico “scuro” tra due campus universitari di Melbourne. Il team ha scoperto di poter massimizzare la quantità di dati per ciascun canale, dimostrando una potenziale velocità massima di 44,2 terabit al secondo dal dispositivo. In condizioni ideali con il sistema giusto, ciò teoricamente consentirebbe di scaricare 1.000 film in un solo secondo. Tutto in alta definizione!  La realtà potrebbe non essere così brillante come il download di Netflix in un batter d’occhio, ma con altri potenziali miglioramenti della tecnologia Internet all’orizzonte, anche i salti moderati di diversi terabit al secondo su brevi distanze sono miglioramenti a cui vale la pena prestare attenzione. “E non stiamo parlando solo di Netflix, ma è la scala più ampia di ciò per cui utilizziamo le nostre reti di comunicazione”, afferma l’ingegnere di sistemi informatici della Monash University Bill Corcoran.

“Questi dati possono essere utilizzati per auto a guida autonoma e trasporti futuri e possono aiutare le industrie della medicina, dell’istruzione, della finanza e dell’e-commerce, oltre a consentirci di leggere con i nostri nipoti a chilometri di distanza”.  Se tutto va bene, i data center potrebbero utilizzare questi chip per connettersi tra loro per comunicazioni più veloci. Forse tra qualche anno potremmo dire addio ai trasmettitori che scaricano dati a poche centinaia di gigabyte al secondo. Non solo in Australia, ma in tutto il mondo. Questa ricerca è stata pubblicata su Nature Communications .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.