Press "Enter" to skip to content

Gli archeologi hanno scoperto un’antica città sepolta a 50 km da Roma senza aver effettuato scavi

Un gruppo di ricercatori belgi e britannici ha recentemente mappato l’intera antica città di Falerii Novi, a circa 50 chilometri da Roma, usando la tecnologia radar che scansiona il terreno. Quando le onde elettromagnetiche di un radar raggiungono una struttura sotterranea, rimbalzano e questo può essere utilizzata per produrre un’immagine 3D. Per la prima volta, i ricercatori sono stati in grado di identificare nuove strutture come un elaborato stabilimento balneare e un grande monumento pubblico, come mai visto prima. Sono stati anche in grado di determinare come era organizzata la città rispetto ad altre città romane.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene Falerii Novi non fosse molto grande aveva caratteristiche insolite. Il suo acquedotto, ad esempio, correva sotto i suoi isolati, così come lungo le strade (il disegno più comune per quel periodo di tempo). I ricercatori hanno anche trovato templi ai margini della città, suggerendo un uso sacro della terra. “Anche se dobbiamo ancora capire come funzionava questo paesaggio sacro, il sondaggio fornisce nuove intuizioni sulla varietà di concetti di pianificazione alla base di quelli che a volte sono erroneamente considerati piani di città romani” standardizzati “, hanno scritto i ricercatori. “Fornendo un contrasto con città più familiari come Pompei, questo lavoro solleva anche importanti questioni sulla pianificazione delle città romane in generale“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Falerii Novi conteneva negozi nascosti, bagni e templi, fu costruita intorno al 241 a.C. Nel primo secolo, era una delle circa 2000 città dell’antica Roma. Molte di queste città furono seppellite nel tempo quando il livello del suolo cominciò costantemente a salire, o fu seppellita intenzionalmente in modo che i romani potessero costruire nuovi insediamenti.
Gli ultimi abitanti umani della città se ne andarono durante il primo periodo medievale intorno al 700 d.C. Le scoperte dei ricercatori belgi e britannici, pubblicate sulla rivista scientifica Antiquity, hanno presentato il primo uso di radar penetranti nel terreno per mappare un’intera città sotto terra. I ricercatori hanno stabilito che Falerii Novi è circa la metà di Pompei: circa 75 acri. La documentazione di ciascuno di questi acri ha richiesto circa otto ore, lasciandoli con oltre 28 miliardi di punti dati entro la fine del sondaggio.

Sebbene il team non sia stato in grado di analizzare ogni punto dati, ha delineato i principali punti di riferimento del sito, mostrati sulla mappa qui sotto. La mappa dipinge un’immagine della vita più di 1.300 anni fa, piena di spettacoli teatrali, shopping, adorazione, esercizio fisico e bagno. Un massiccio monumento pubblico si trova vicino alla porta nord, circondato su tre lati da un passaggio coperto con una fila centrale di colonne. I ricercatori hanno stimato che il passaggio è lungo più di 160mt e si apre sulla strada. All’interno del monumento, una coppia di strutture si fronteggiano. “Non conosciamo alcun parallelo diretto con questa struttura“, hanno scritto i ricercatori. A sud-est si trova un edificio del mercato e un bagno pubblico. Entrambe sono nuove scoperte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre questi edifici rientrano nel repertorio atteso di una città romana, alcuni sono architettonicamente sofisticati – più elaborati di quanto ci si aspetterebbe in una piccola città”, hanno scritto i ricercatori. Un tempio direttamente a sud del bagno si trova ai margini della città. A ovest è un complesso residenziale, costituito da due o tre case con atri. I ricercatori hanno trovato prove che le case sono state ristrutturate nel tempo. Alcune pareti erano state rimosse da ladri di pietre. Il complesso comprende anche una vasca immersione ad acqua fredda, sale a volta con riscaldamento centralizzato e un’area a forma di U che molto probabilmente serviva da palestra.

Un secondo complesso residenziale, situato a sud, ai piedi di un pendio, è fiancheggiato da passaggi decorativi. Le tubature dell’acqua sotto questo edificio si collegano all’acquedotto della città. Queste scoperte dettagliate, spesso oscurate dalle macerie, erano “in precedenza possibili solo attraverso lo scavo“, hanno scritto i ricercatori. Il loro nuovo metodo di indagine, hanno aggiunto, “ha il potenziale per rivoluzionare gli studi archeologici dei siti urbani”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.