Press "Enter" to skip to content

Nuovi calcoli suggeriscono che potrebbero esserci almeno 36 civiltà aliene nella nostra galassia

Il fatto dell’esistenza umana è la prova che la vita tecnologicamente avanzata è possibile nell’Universo, eppure tutte le nostre ricerche per altre civiltà non hanno prodotto esattamente nulla. Poiché la Terra ospita l’unica prova di vita che abbiamo, è difficile sapere quanto sia comune – o raro -. Tuttavia, un nuovo metodo per stimare la probabilità che la vita sorga oltre la Terra fornisce motivo di speranza. Secondo i parametri utilizzati, dovrebbero esserci almeno 36 civiltà avanzate in grado di trasmettere segnali di comunicazione nella galassia della Via Lattea, anche se il numero potrebbe essere ancora più alto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dovrebbero esserci almeno una dozzina di civiltà attive nella nostra galassia con il presupposto che ci vogliono 5 miliardi di anni perché la vita intelligente si formi su altri pianeti, come sulla Terra“, ha spiegato l’astrofisico Christopher Conselice dell’Università di Nottingham nel Regno Unito.L’idea sta guardando all’evoluzione, ma su scala cosmica. Chiamiamo questo calcolo il limite copernicano astrobiologico.” Esistono diversi parametri che possono essere utilizzati per stimare il numero di civiltà intelligenti nella galassia. Conselice e il suo collega, l’ingegnere Tom Westby, hanno sviluppato una scala di calcoli, basata sul numero di parametri inclusi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il limite di Copernicano astrobiologico più debole, il team ha ipotizzato che la vita intelligente sorga ovunque possibile – su pianeti rocciosi nelle zone abitabili di stelle ospiti di età e metallizzazione sufficienti – e persista per l’intera vita della stella. Ciò ha restituito una stima di decine di miliardi di potenziali habitat, ma è anche estremamente improbabile che in ciascuno di questi casi sorga effettivamente una vita intelligente. Per gli altri tre limiti, sono stati fissati i tempi per la nascita di civiltà avanzate, basate sulla Terra. Ci sono voluti circa 4,5 miliardi di anni perché la civiltà tecnologica avanzata sorgesse qui; il primo segnale radio fu trasmesso solo nel 1895 .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quindi, per il limite di copernicano astrobiologico più forte, i parametri includevano una stella con una metallizzazione simile al Sole e un’età compresa tra 4,5 miliardi di anni e 5,5 miliardi di anni. Supponendo che la durata della vita di una civiltà comunicante sia di circa 100 anni (all’incirca da quanto tempo gli umani hanno trasmesso segnali), il limite inferiore del numero di civiltà è di 36. “Il metodo classico per stimare il numero di civiltà intelligenti si basa sull’ipotesi di valori relativi alla vita, per cui le opinioni su tali questioni variano in modo abbastanza sostanziale”, ha detto Westby . “Il nostro nuovo studio semplifica queste ipotesi utilizzando nuovi dati, dandoci una solida stima del numero di civiltà nella nostra galassia.

Quindi, se sono là fuori, trasmettendo segnali elettromagnetici nello spazio, perché non li abbiamo trovati o loro noi? Bene, la galassia è un posto grande . Spargi 36 civiltà in tutta la sua vasta portata e finirai con una distanza media di 17.000 anni luce tra ogni coppia, secondo i calcoli della squadra. Le onde radio delle nostre trasmissioni si propagano nello spazio, ma c’è un limite alla velocità con cui possono viaggiare. Tali segnali sono composti da radiazioni elettromagnetiche, il che significa che possono viaggiare solo alla velocità della luce. Le onde di quella prima trasmissione radiofonica nel 1895 non potevano aver viaggiato a soli 125 anni luce dalla Terra .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inoltre, molti dei segnali che emanano dalla Terra sono probabilmente confusi dalla ionosfera . Anche quelli che non lo sono – come le comunicazioni spazio-terrestri – diventerebbero così attenuati e deboli quando avessero raggiunto circa 100 anni luce di distanza, sarebbero comunque sostanzialmente non rilevabili. Quindi, a meno che non riusciamo a capire come costruire un megafono radio e a meno che non siamo in grado di sopravvivere e mantenere la nostra abilità tecnologica per i prossimi 17.000 anni, non stiamo trasmettendo nulla a nessuno, e viceversa.

Ma non cerchiamo solo di capire la probabilità delle civiltà aliene perché vogliamo fare amicizia. Lo facciamo perché ci aiuta a capire la nostra stessa esistenza.La nostra nuova ricerca suggerisce che le ricerche di civiltà intelligenti extraterrestri non solo rivelano l’esistenza di come le forme di vita, ma ci forniscono anche indizi su quanto durerà la nostra stessa civiltà“, ha detto Conselice .”Se scopriamo che la vita intelligente è comune, ciò rivelerebbe che la nostra civiltà potrebbe esistere per molto più di qualche centinaio di anni“, ha aggiunto Conselice. “In alternativa, se scopriamo che non ci sono civiltà attive nella nostra galassia, è un brutto segno per la nostra esistenza a lungo termine. Cercando una vita intelligente extraterrestre – anche se non troviamo nulla – stiamo scoprendo il nostro futuro e il nostro destino. ” La ricerca è stata pubblicata su The Astrophysical Journal .

Fonte: sciencealert.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.