Press "Enter" to skip to content

Il Ponte sullo Stretto? Lo costruirono già i romani con le barche nel 251 a.C

Il ponte sullo stretto? Lo costruirono già i romani. Forse non come vorrebbero farlo i nostri politici di oggi, ma piuttosto attraverso un metodo alternativo e molto curioso:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stando a quanto riferisce Gaio Plinio Secondo (conosciuto come Plinio il Vecchio), nella sua Naturalis historia (VIII, 6), il problema sarebbe stato risolto già nel 251 a.C dai romani (civiltà che, nel corso della lunga Storia, ha creato molti ponti cui alcuni dei resti ancora oggi visibili). Avrebbero così unito, per iniziativa del Console Cecilio Metello, la Sicilia alla Calabria con un ponte composto da barche e botti in legno, per consentire su di una passerella il transito di circa 140 elefanti catturati nella Battaglia di Palermo, dopo aver sconfitto il comandante cartaginese Asdrubale. Un ponte fatto di imbarcazioni modulari capaci di spostarsi evitando così problemi sismici.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.