Press "Enter" to skip to content

Mappe moderne svelano l’8 ° continente “perduto”: la Zealandia oggi è sommersa, grande metà dell’Australia

Già nel 2017, alcuni scienziati hanno confermato che la massa di terra sommersa,  chiamata Zealandia era in realtà un continente andato perduto. Ma fino ad ora non erano stati in grado di mappare la sua ampiezza:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2020, i ricercatori di  GNS Science in Nuova Zelanda hanno annunciato  di aver mappato la forma e le dimensioni del continente con dettagli senza precedenti. I ricercatori hanno pubblicato le loro mappe su  un sito Web interattivo in  modo che gli utenti possano esplorare virtualmente il continente. “Abbiamo creato queste mappe per fornire un quadro accurato, completo e aggiornato della geologia dell’area della Nuova Zelanda e del Pacifico sud-occidentale – meglio di quanto non avessimo avuto prima”, ha dichiarato Nick Mortimer, che ha guidato il lavoro  in una dichiarazione . Mortimer e i suoi colleghi hanno mappato la batimetria che circonda la Zealandia – la forma e la profondità del fondo oceanico – nonché il suo profilo tettonico, mostrando dove la Zealandia attraversa i confini della placca tettonica. Le mappe rivelano nuove informazioni su come si è formata la Zealandia prima che diventasse sommersa sott’acqua milioni di anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una mappa batimetrica che mostra i dettagli della Zelanda. (GNS Science)

Un continente sottomarino di quasi 2 milioni di miglia quadrate

L’area della Zelanda è di circa 2 milioni di miglia quadrate (5 milioni di chilometri quadrati) – circa la metà delle dimensioni dell’Australia. Ma solo il 6 percento del continente è sopra il livello del mare. Quella parte è alla base delle isole del nord e del sud della Nuova Zelanda e dell’isola della Nuova Caledonia. Il resto è sott’acqua, il che rende la Zealandia difficile da sondare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per comprendere meglio il continente sommerso, Mortimer e il suo team hanno mappato sia la Zelanda che il fondale oceanico circostante. La mappa batimetrica che hanno creato (sotto) mostra quanto in alto le montagne del continente e la cresta si innalzano verso la superficie dell’acqua. Descrive anche le coste, i limiti territoriali e i nomi delle principali caratteristiche sottomarine. La mappa fa parte di un’iniziativa globale per mappare l’intero fondo oceanico del pianeta entro il 2030. La seconda mappa creata dagli scienziati del GNS (di seguito) rivela i tipi di crosta che compongono il continente sottomarino, quanti anni ha quella crosta e i principali difetti. La crosta continentale – il tipo più vecchio e più spesso della crosta terrestre che forma le terre emerse – è mostrata in rosso, arancione, giallo e marrone. La crosta oceanica, che è generalmente più giovane, è in blu. I triangoli rossi mostrano dove si trovano i vulcani. Questa mappa rivela anche dove la Zealandia si trova di fronte a varie placche tettoniche, quali di queste placche vengono spinte sotto l’altra in un processo noto come subduzione e con quale velocità si sta verificando quel movimento. Studiare le macchinazioni tettoniche che sono alla base della Zelandaia oggi può rivelare indizi su come il continente si sia formato in primo luogo.

Le origini di 85 milioni di anni fa della Zealandia

Il concetto di Zealandia ha 25 anni. Il geofisico Bruce Luyendyk ha coniato il termine nel 1995. In precedenza Luyendyk  aveva dichiarato a Business Insider  che non aveva mai voluto che il termine descrivesse un nuovo continente. Piuttosto, il nome originariamente si riferiva alla Nuova Zelanda e una raccolta di pezzi sommersi di crosta che ha rotto l’antico supercontinente Gondwana  circa 85 milioni di anni fa.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una mappa tettonica della Zelanda. (GNS Science)

“Il motivo per cui mi è venuto in mente questo termine è per comodità”, ha detto Luyendyk. “Sono pezzi della stessa cosa quando guardi Gondwana. Quindi ho pensato: ‘Perché continui a nominare questa raccolta di pezzi come cose diverse?'” Gondwana si formò quando l’antico supercontinente terrestre, Pangaea, si divise in due frammenti. La Laurasia nel nord divenne Europa, Asia e Nord America. Gondwana nel sud si disperse per formare l’Africa moderna, l’Antartide, il Sud America e l’Australia. Le forze geologiche hanno continuato a riorganizzare queste masse terrestri e la Zealandia è stata costretta sotto le onde circa 30 milioni a 50 milioni di anni dopo che ha rotto il Gondwana poiché la più grande placca tettonica – la Pacific Plate – si è lentamente sottratta al di sotto di essa. Queste mappe mostrano che la Zealandia è un continente come l’altro 7

Fino al 2017, la Zealandia era classificata come “microcontinente”, come l’isola del Madagascar. Ma secondo Mortimer, la Zealandia spunta tutte le caselle per lo status di continente: ha confini chiaramente definiti, occupa un’area superiore a 386.000 miglia quadrate (1 milione di chilometri quadrati), è elevata sopra la crosta oceanica circostante e ha una crosta continentale più spessa di quella crosta oceanica. Queste nuove mappe offrono quindi ulteriori prove del fatto che la massa terrestre sottomarina dovrebbe essere considerata l’ottavo continente, ha aggiunto Mortimer.

“Se potessimo staccare la spina dagli oceani del mondo, sarebbe abbastanza chiaro che la Zealandia risalta”, ha  detto a Science News nel 2017 , aggiungendo: “Se non fosse stato per il livello dell’oceano, molto tempo fa avremmo riconosciuto La Zealandia per quello che era – un continente “. Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Business Insider . Riportiamo qui sotto i link di alcuni video diffusi sul web che affrontano l’affascinante argomento della Zealandia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.