Press "Enter" to skip to content

Gli anelli degli alberi rivelano 600 anni di storia comprese anomalie sui cambiamenti climatici, ecco la ricerca di alcuni scienziati

Guarda attentamente, gli anelli degli alberi possono rivelare molto – compresi i cambiamenti nell’umidità del suolo in cui crescono gli alberi. Ora, gli scienziati hanno raccolto 600 anni di questi dati per comprendere meglio i recenti cambiamenti climatici , inclusa un’anomalia meteorologica che è stata notata per la prima volta a metà del 20° secolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I nuovi record compongono l’ultima edizione dell’Atlante di siccità sudamericano (SADA), che mostra la variabilità dell’umidità negli ultimi sei secoli supportata da altri documenti storici. Nel frattempo, i periodi tra intense siccità sono in aumento dagli anni ’30, con una siccità ogni dieci anni misurata dagli anni ’60. Ciò che gli anelli non possono dirci è esattamente come sono nati questi estremi, ma i ricercatori dietro la pubblicazione sperano che il record sarà un utile punto di riferimento da utilizzare in combinazione con altri set di dati e osservazioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Eventi idroclimatici sempre più estremi sono coerenti con gli effetti delle attività umane, ma l’Atlante da solo non fornisce prove di quanti cambiamenti osservati siano dovuti alla variabilità del clima naturale rispetto al riscaldamento indotto dall’uomo”, afferma il paleoclimatologo Mariano Morales della National Research Consiglio per la scienza e la tecnologia in Argentina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa nuova edizione di SADA evidenzia i cambiamenti in Argentina, Cile, Uruguay, Paraguay, la maggior parte della Bolivia, del Brasile meridionale e del Perù, utilizzando i dati raccolti sul campo da un totale di 286 alberi. Il Sud America ha una “acuta vulnerabilità” agli eventi climatici estremi, secondo Morales, e in effetti recenti siccità hanno portato a una situazione terribile per l’agricoltura in vaste aree del continente. Alcuni sistemi alimentari sono ora minacciati dal collasso. Il quadro attuale è però vario: mentre alcune parti dell’Argentina e del Cile stanno soffrendo una delle peggiori siccità mai registrate, le regioni nella parte sud-orientale del continente stanno vivendo condizioni anormalmente umide. Se le cause sottostanti non sono i cambiamenti climatici, certamente assomigliano molto ai cambiamenti climatici.

Non vogliamo saltare giù dalla scogliera e dire che questo è tutto un cambiamento climatico”, afferma il paleoclimatologo Edward Cook della Columbia University.C’è molta variabilità naturale che potrebbe imitare il cambiamento climatico indotto dall’uomo“. I ricercatori hanno identificato tre fattori chiave in gioco nelle oscillazioni degli ultimi sessanta anni circa: i cambiamenti ciclici della superficie del mare nel Pacifico e nell’Atlantico, una fascia di venti occidentali intorno all’Antartide chiamata Southern Annular Mode e il fenomeno delle cellule Hadley che distribuisce aria calda e umida dall’equatore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I cambiamenti che possono essere attribuiti ai gas a effetto serra e l’eredità in corso di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono stanno interferendo con questi fattori chiave, affermano i ricercatori, e potenzialmente alimentando le oscillazioni che ora si vedono in Sud America. Il team SADA spera che le storie raccontate dagli anelli degli alberi possano darci una migliore comprensione dei cambiamenti climatici a lungo termine, delle condizioni contemporanee e di come pianificare il futuro. Il modo in cui stiamo attualmente trattando il pianeta suggerisce che i nostri estremi meteorologici non si fermeranno presto . Tutto è coerente con l’idea che intensificherai gli eventi sia umidi che secchi con il riscaldamento globale“, afferma lo scienziato del clima Jason Smerdon , della Columbia University. La ricerca è stata pubblicata in PNAS .

Fonte:sciencealert.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.