Press "Enter" to skip to content

“I Romani raggiunsero l’America e sapevano della Terra sferica”

I navigatori dell’Impero Romano raggiunsero l’America secoli prima la scoperta ufficiale di Cristoforo Colombo? forse non lo sapremo mani, ma negli ultimi decenni alcuni esperti di Storia hanno portato avanti il dibattito sull’affascinante ipotesi di viaggi transoceanici precolombiani:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

In particolare, a confermare la teoria che i romani avessero avuto degli sporadici contatti con il continente americano, ci sarebbero persino resti archeologici attribuiti alla cultura romana ma ritrovati nel continente americano.  Le prove di contatti con le civiltà dell’antichità classica —primariamente con l’ Impero romano , ma a volte anche con altre culture dell’epoca — sono state basate su reperti archeologici isolati in siti americani che hanno avuto origine nel Vecchio Mondo. La Baia dei barattoli in Brasile ha svelato antichi vasi di argilla che ricordano le anfore romane [113] da oltre 150 anni. È stato proposto che l’origine di questi vasi sia un relitto romano, anche se è stato suggerito che potrebbero essere in realtà vasi di olio d’oliva spagnoli del 15 ° o 16 ° secolo. Romeo Hristov sostiene che una nave romana, o la deriva di un naufragio sulle coste americane, è una possibile spiegazione di reperti archeologici (come la testa barbuta Tecaxic-Calixtlahuaca) dell’antica Roma in America. Hristov afferma che la possibilità di un tale evento è stata resa più probabile dalla scoperta di prove dei viaggi dei romani a Tenerife e Lanzarote nelle Canarie e di un insediamento romano (dal I secolo a.C. al IV secolo d.C.) a Lanzarote isola . [114] Nel 1950 un botanico italiano, Domenico Casella, suggerì che una raffigurazione di un ananas fosse rappresentata tra i dipinti murali di frutti mediterranei a Pompei:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ingrandimento del mosaico mostra quella che, almeno a prima vista, sembrerebbe la rappresentazione artistica di un’ananas:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo Wilhelmina Feemster Jashemski , questa interpretazione è stata contestata da altri botanici, che la identificano come una pigna dall’albero di pino ombrello , che è originaria dell’area mediterranea. [115] Tuttavia, secondo alcune ricostruzioni storiche, lo stesso Cristoforo Colombo, prima della scoperta dell’America, annunciò che il suo metodo di navigazione sarebbe stato lo stesso utilizzato dagli antichi romani, avvalorando l’ipotesi che già in epoca antica ci fossero le condizioni per raggiungere il nuovo continente. Un viaggio realizzato all’epoca sarebbe stato possibile se si tiene conto che le imbarcazioni romane furono sottoposte ad una serie di tecniche di miglioramento che permettevano alle navi di resistere per mesi durante il periodo di navigazione. Le parti esterne delle navi romane furono foderate e talune riuscirono persino a raggiungere l’Indonesia per il trasporto di pepe, all’epoca spezia ritenuta persino più preziosa dell’oro. Ma c’è dell’altro:

Una piccola scultura in testa di terracotta , con barba e tratti simili a quelli europei, fu trovata nel 1933 (nella valle di Toluca , 72 chilometri a sud-ovest di Città del Messico ) in un sepolcro sotto tre piani intatti di un edificio pre-coloniale risalente al 1476 e 1510:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il manufatto è stato studiato dall’autorità artistica romana Bernard Andreae, direttore emerito dell’Istituto tedesco di archeologia di Roma, in Italia, e dall’antropologo austriaco Robert von Heine-Geldern , entrambi i quali dichiararono che lo stile del manufatto era compatibile con piccole sculture romane del 2 ° secolo. Se autentico e se non collocato lì dopo il 1492 (la ceramica trovata con essa risale al 1476-1515) [116]la ricerca fornisce prove di almeno un contatto una tantum tra il Vecchio e il Nuovo Mondo. [117] Secondo Michael E. Smith dell’ASU [118] John Paddock, un importante studioso mesoamericano, sostenne che il manufatto era in realtà frutto di uno scherzo creato da Hugo Moedano, uno studente che inizialmente aveva lavorato per il sito. Nonostante abbia parlato con persone che conoscevano lo scopritore originale (García Payón) e Moedano, Smith afferma di non essere stato in grado di confermare o respingere questa affermazione. Sebbene rimanga scettico, Smith ammette di non poter escludere la possibilità che la testa fosse un’offerta post-classica veramente sepolta a Calixtlahuaca. [119] Nonostante il dilemma storico non sia stato ancora risolto, c’è poi un altro grande elemento che confermerebbe le capacità dei romani nel poter raggiungere il continente americano:

Analizzando il DNA di resti botanici ritrovati in Toscana, uno studio avrebbe rivelato eredità riconducibili a piante del nuovo mondo. Poi c’è la cultura della navigazione romana: basti pensare che sulla Naturalis historia (Storia naturale, dal latino, propriamente “Osservazione della natura”) Plinio il Vecchio sosteneva la tesi di un pianeta Terra sferico, con tutte le potenziali conseguenze sugli studi e sulle tecniche di navigazione. A tal proposito, vogliamo convidividere il link di questo interessante contributo audiovisivo diffuso sui social:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

PODCAST. I ROMANI RAGGIUNSERO L'AMERICA?

PODCAST. I ROMANI RAGGIUNSERO L'AMERICA?Davvero i romani arrivarono in America precedendo di secoli Cristoforo Colombo e gli esploratori europei?Vediamo insieme gli indizi sui fantastici viaggi dei commercianti romani

Pubblicato da Il Bar di Roma antica su Lunedì 13 luglio 2020

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.