Press "Enter" to skip to content

Nel napoletano lo spettacolo del sito archeologico sommerso di Baia con statue e mosaici romani – tutti i video

- Prosegue dopo la pubblicità -

Forse non tutti sanno che nel napoetano vi è un vasto parco archeologico millenario che ancora oggi custodisce delle bellezze storico-culturali-artistico-architettoniche nelle profondità marine:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Parliamo di un’area archeologica situata attualmente nel Golfo di Napoli, che al giorno d’oggi si nasconde il sito archeologico piu’ stupefacente del mondo. Si tratta dell’antica citta’ romana di Baia, oggi area archeologica situata nei pressi di Bacoli, nei Campi Flegrei. Comprende parte dell’antica città romana di Baïes . Nel xxi ° secolo, rimane solo la parte superiore della città antica: la maggior parte è sotto il livello del mare a causa di fenomeni di bradisismo (alzamento ed abbassamento del livello del suolo legato alle vicine attività vulcaniche):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Istituita nel 2002 con decreto congiunto del ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e di quello per i beni e le attività culturali, l’area rappresenta, assieme al parco sommerso di Gaiola, un esempio unico in ambito Mediterraneo di protezione archeologica e naturalistica subacquea.
Le due aree protette, inserite a terra nel più vasto contesto del parco dei Campi Flegrei di competenza della Regione Campania, si propongono appunto la tutela e lo studio dei reperti archeologici sommersi in tali aree congiuntamente alla salvaguardia degli ecosistemi marini e costieri.  L’abbassamento del suolo sotto il livello del mare a causa del fenomeno del bradisismo sembra essersi verificato in due fasi: tra l’iii E e iv ° secolo e poi verso la fine del romano, con il mare che occupava l’area della città pochi secoli dopo. Baia era in gran parte sommersa dal mare al vii °  -  viii esimo secolo 3 . Un video diffuso in rete:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il fenomeno naturale del bradisismo ha causato movimenti verticali dell’area con escursioni in positivo ed in negativo di molti metri provocando negli ultimi 2000 anni l’inabissamento della linea di costa romana di circa 6/8 metri. Intorno al primo secolo a.C. infatti l’intera zona costiera a nord di Napoli era una fiorentissima stazione climatica, resa alla moda anche dalla presenza di una villa imperiale, il Pausilypon appunto che dette il nome al Promontorio di Posillipo, costruita dal ricco liberto Publio Vedio Pollione. Costui alla sua morte, nel 15 a.C., nominò Augusto erede di tutti i suoi beni, Pausilypon compreso. In seguito ingrandita ed abbellita come proprietà imperiale, tale luogo pare abbia visto il tragico concludersi della congiura contro l’imperatore Nerone. Statua di Baios, Ninfeo di punta Epitaffio, Baia:

Altri video e foto diffusi in rete:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fra gli ambienti di maggiore pregio, che oggi si trovano inabissati, vi è il ninfeo di Punta Epitaffio, triclinium con funzione di sala per banchetti risalente all’epoca dell’imperatore Claudio, le cui statue sono state trasferite all’interno del Museo archeologico dei Campi Flegrei dove l’ambiente è stato ricostruito:

Altre statue:

Inoltre si trovano sommersi su tale costa i resti dei porti commerciali di Baia (Lacus Baianus) ed il Portus Julius. Più a nord aveva sede il porto di Capo Miseno sede storica della flotta imperiale romana:

Lo straordinario valore di tali siti è dato sia dal notevole stato di conservazione dei reperti archeologici, oltre che dal loro valore storico archeologico oggettivo. Mosaici, tracce di affreschi, sculture, tracciati stradali e colonne, sono sommersi a circa 5 metri sotto il livello del mare tra anemoni stelle marine e branchi di castagnole:

foto embed non presente nei nostri server

Inoltre la presenza di ecosistemi sommersi di pregio come il fondale a precoralligeno e comunità di fanerogame marine (essenzialmente Posidonia oceanica e Cymodocea nodosa) fanno di tali luoghi ambienti di valore naturalistico rilevante, riconosciuti come tali sia dalla legislazione nazionale italiana, sia da quella Comunitaria. Il luogo è straordinariamente suggestivo, e fa di questo tratto dei fondali una piccola Atlantide romana. Grazie all’uso della computer grafica e al 3D, scopriamo come era 2000 anni fa:

Infine, riportiamo qui sotto i link ad alcuni noti documentari che tentano di ricostruire le origini delle opere ritrovate e persino un tentativo di ricostruzione degli ambienti:

 

Le due aree protette sono ora sottoposte alla gestione provvisoria della soprintendenza archeologica di Napoli, in attesa dell’individuazione da parte del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio di un ente gestore definitivo. Il complesso archeologico riguarda anche siti ancora oggi visitabili sulla terraferma:

Tra i resti più significativi vi sono le strutture a cupola del grande Tempio di Diana, il Tempio di Mercurio ed il Tempio di Venere. In realtà, questi sono bagni termali e non luoghi di culto, ma il nome popolare è rimasto con loro. Gli importanti scavi archeologici, iniziati intorno al 1941 da Amedeo Maiuri, portarono alla luce una sovrapposizione stratigrafica di varie costruzioni: ville e terme. Il periodo di costruzione risale alla fine dell’era repubblicana e copre i regni di Augusto , Adriano e Severo. L’abbassamento del suolo sotto il livello del mare a causa del fenomeno del bradisismo sembra essersi verificato in due fasi: tra l’iii E e iv ° secolo e poi verso la fine del romano, con il mare che occupava l’area della città pochi secoli dopo. Baia era in gran parte sommersa dal mare al vii °  -  viii esimo secolo 3 . Un video diffuso in rete:

u

I resti più notevoli sono sparsi sul lato della collina su un fronte di 450 metri. Qualificati in modo improprio come templi dalla denominazione popolare, furono identificati come un vasto complesso termale romano, quindi come un palazzo imperiale, a causa della scala delle costruzioni, in cui si possono distinguere cinque settori.

Il complesso di terrazze forma una serie di terrazze collegate alla loro estremità da una scala. Comprende un portico lungo 110 metri e largo 10, decorato con stucchi che rimangono in alcuni punti, terminato sul lato nord da un’abside e sul lato sud da una scala che serve le varie terrazze:

Sud delle terrazze, le Terme di Sosandra , così chiamata dal ritrovamento in case vicine una statua di Afrodite Sosandra , risalgono alla prima metà del i ° secolo. Sono disposti su tre livelli: nella parte superiore, un cortile circondato da portici su tre lati; una terrazza intermedia, delimitata da una struttura arcuata di fronte a una piscina rotonda; in basso, una grande piscina rettangolare (34,80 m × 28,60 m). Nel 1954 furono scoperti calchi in gesso di statue greche nei bagni termali, usati da un’officina per fare copie. Lo studio dei vari elementi raccolti ha permesso di identificare un modello noto, i Tirannicidi di Atene.

Le terme di Venere formano un gruppo di edifici su entrambi i lati di una stanza rettangolare con una grande abside e una vasca. Tre camere aggiuntive chiamate Stanze di Venere (Venere) Le camere sono decorate con stucchi che ricorda il 3 ° e 4 ° stile pompeiano , quindi risalente al i ° secolo. L’edificio più notevole è una sala ottagonale all’esterno, circolare all’interno, con una cupola di 26,30 m di diametro che poggia su una parete di 2,90 m di spessore.

Il grande tempio di Diana , a nord dell’area archeologica, deve il suo nome alla scoperta di un bassorilievo raffigurante cani, cervi e pesci, che evoca la caccia e un’iscrizione che porta il nome di Diana. Questa stanza è coperta da una cupola. Tagliata in due e mezzo collassata, la cupola consente un’osservazione per il suo bordo, con una costruzione sotto forma di stratificazioni di letti in cemento , montati successivamente tra due facce di macerie 5 .

I bagni termali di Mercurio, dalla fine della Repubblica o all’inizio del regno di Augusto , con una stanza circolare chiamata anche tempio dell’Eco , a causa del riverbero dei suoni che si verificano lì. Questa stanza è coperta da una cupola di 21,55 m di diametro trafitto da un occhio nella parte superiore (diametro 3,65 m) e aperture rettangolari nella volta. Costruita in cemento , questa cupola è la più antica traccia di questa forma di audace architettura e nuova per il mondo romano, come la sala per banchetti della domus aurea di Nerone.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.