Press "Enter" to skip to content

Scienziati risvegliano batteri vecchi di oltre 100 milioni di anni nascosti nell’Oceano Pacifico. “Abbiamo dato loro da mangiare e sono ancora vivi”

I ricercatori hanno rianimato con successo minuscoli microbi intrappolati dormienti in una zona apparentemente senza vita del fondo marino per oltre 100 milioni di anni. Tutto è cominciato quando un team di scienziati dal Giappone e dall’America stava cercando di vedere se la vita microscopica sopravvivesse nelle condizioni tutt’altro che ospitali sotto il fondale marino dell’Oceano Pacifico:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Volevamo sapere per quanto tempo i microbi potrebbero sostenere la loro vita in una quasi assenza di cibo”, ha dichiarato il microbiologo Yuki Morono dell’Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina-terrestre, che ha guidato lo studio. Hanno ottenuto la loro risposta: i microbi che erano stati intrappolati nei sedimenti dei fondali marini depositati 100 milioni di anni fa potevano essere ripristinati con il cibo giusto e un po ‘di ossigeno aggiunto. È impressionante. La pressione è immensa per i microbi sul fondo del mare, tutta quell’acqua accatastata sul fondo del mare. Per non parlare della mancanza di ossigeno, di pochi nutrienti essenziali e delle scarse risorse energetiche. Quando la vita rimane intrappolata in altri ambienti ad alta pressione, i fossili di solito si formano per un milione o più di anni, ma questi potenti microbi erano ancora vivi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Sapevamo che c’era una vita in profondo sedimento vicino ai continenti dove c’era molta materia organica sepolta”, ha detto il collega di Morono, il geomicrobiologo Steven D’Hondt dell’Università del Rhode Island. “Ma quello che abbiamo scoperto è che la vita si estende nell’oceano profondo dal fondo del mare fino allo scantinato roccioso sottostante.” Il terreno in cui sono stati intrappolati i microbi è stato prelevato da una spedizione del 2010 nel  South Pacific Gyre , una zona apparentemente senza vita al centro delle correnti oceaniche vorticose ad est dell’Australia , conosciuta come una delle parti più limitate dal cibo e carenti di vita dell’oceano (e un vortice della spazzatura, con tutto l’  inquinamento di plastica  che raccoglie in superficie). Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nell’ambito di una spedizione del 2010 a bordo della nave di perforazione della risoluzione JOIDES, il team ha estratto nuclei di sedimenti che scendono fino a 75 metri (250 piedi) sotto il fondo del mare, che poggia quasi 6 chilometri (quasi 20.000 piedi) sotto la superficie dell’oceano. Hanno prelevato campioni dall’antica argilla pelagica , che si accumula nelle parti più profonde e remote dell’oceano, e trasuda nannofossil molto più giovane e gessoso, tra 4,3 e 13 milioni di anni. Hanno trovato microbi che consumano ossigeno (e ossigeno disciolto) proprio attraverso ogni strato dei nuclei, dall’alto verso il basso, e in ogni sito che hanno campionato nel South Pacific Gyre. Ma i microbi si nascondevano in numero molto basso. A bordo della nave, sono stati prelevati campioni dai nuclei dei sedimenti per vedere se i microbi affamati di energia avevano conservato il loro “potenziale metabolico” e potevano banchettare e moltiplicarsi. Gli antichi microbi ricevettero una spinta di ossigeno e alimentarono substrati tracciabili contenenti carbonio e azoto, il loro alimento preferito, prima che le fiale di vetro fossero sigillate, incubate e aperte solo dopo 21 giorni, 6 settimane o 18 mesi. Anche nei sedimenti più antichi campionati, i ricercatori sono stati in grado di far rivivere fino al 99 percento della comunità microbica originale.

“All’inizio ero scettico, ma abbiamo scoperto che fino al 99,1 per cento dei microbi nei sedimenti depositati 101,5 milioni di anni fa erano ancora vivi ed erano pronti da mangiare”, ha detto Morono . Dopo la loro lunga incubazione, le comunità microbiche sono state ordinate in base ai loro geni. I ricercatori hanno riferito che i suoli dei fondali marini erano dominati da batteri, ma non dal tipo che forma le spore, il che significa che erano pronti a crescere non appena ricevevano il cibo giusto. Alcuni microbi erano aumentati in numero 10.000 volte e avevano consumato il carbonio e l’azoto disponibili per 68 giorni nella loro incubazione. “Mostra che non ci sono limiti alla vita nel vecchio sedimento dell’oceano del mondo“, ha detto D’Hondt . “Nei sedimenti più antichi che abbiamo perforato, con la minima quantità di cibo, ci sono ancora organismi viventi e possono svegliarsi, crescere e moltiplicarsi.” Non è solo nelle profondità degli oceani che i microbi hanno dimostrato quanto possano essere resistenti. Gli scienziati hanno anche trovato microbi che vivono in condizioni estreme in  Antartide , così come i  deserti più secchi . Lo studio è pubblicato su Nature Communications .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.