Press "Enter" to skip to content

Tradotta la lettera di un legionario romano risalente al III secolo d.C. Ecco di cosa parlava

Aurelio Polione, legionario romano di stanza in Pannonia nel III secolo d.C, scrive una struggente lettera alla famiglia, in Egitto. Si sente solo e addolorato perchè i suoi cari non gli rispondono. Secoli dopo, i resti di quella lettera vengono ritrovati durante uno scavo in Egitto. La lettera ci consente di appurare alcuni elementi molto importanti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo quasi centoventi anni dal ritrovamento, avvenuto a Tebtunis (Egitto), il papiro è stato tradotto dallo studente Grant Adamson (Rice University). Si tratta di uno scritto in greco contenente la lettera di Aurelius Polion. Nel testo – scritto in un greco antico influenzato dal latino – il giovane volontario alludeva alla sua mansione: una missione militare a migliaia di chilometri da casa, nella Legio II Auditrix (di stanza in Pannonia) e che cercava di ottenere un permesso per tornare dalla sua famiglia (con la quale aveva qualche problema in sospeso).  Nella lettera si parla anche di altre missive spedite dallo stesso soldato, avendo così anche l’ennesima testimonianza che, nel mondo romano, gli scambi epistolari erano molto vivaci. La lettera conferma inoltre come il greco antico fosse una lingua usata tra i vari popoli, una sorta di “inglese” dell’epoca romana che aiutava tutti a capirsi meglio.  Questa lettera era solo uno dei tanti documenti che Grenfell e Hunt hanno portato alla luce”, ha detto Adamson. “E poiché era in cattive condizioni, nessuno ci aveva lavorato molto per circa 100 anni”. Anche ora parti del contenuto della lettera sono incerte o mancanti e non è possibile ricostruire. La lettera di Polion a suo fratello, sorella e sua madre, “il venditore di pane”, si legge come quella di un uomo che ha un disperato bisogno di raggiungere la sua famiglia dopo aver inviato sei lettere senza risposta. Ha scritto in parte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Prego che tu sia in buona salute giorno e notte, e ti rendo sempre omaggio davanti a tutti gli dei a tuo favore. Non smetto di scriverti, ma non mi hai in mente. Ma io faccio la mia parte scrivendoti sempre e non smetto di tenerti (in mente) e di averti nel cuore. Ma non mi hai mai scritto riguardo alla tua salute, a come stai. Sono preoccupato per te perché, sebbene tu abbia ricevuto spesso lettere da me, non mi hai mai risposto in modo che io possa sapere come. Ti ho inviato sei lettere. Nel momento in cui mi avrai in mente (?), Otterrò un permesso dal consolare (comandante) e verrò da te in modo che tu possa sapere che sono tuo fratello. Perché non ho chiesto (?) Nulla da voi per l’esercito, ma vi biasimo perché, sebbene vi scrivo, nessuno di voi (?) … ha considerazione. Senti, il tuo (?) Vicino … Sono tuo fratello. “ Adamson crede che Polion fosse di stanza nella provincia romana della Pannonia Inferior ad Aquincum (l’odierna Budapest), ma ha detto che la legione a cui apparteneva Polion è nota per essere mobile e potrebbe aver viaggiato fino a Bisanzio (l’odierna Istanbul) . Polion era alfabetizzato, e l’alfabetizzazione era più rara allora di quanto lo sia adesso, ma la sua grafia, l’ortografia e la grammatica greca sono irregolari, ha detto Adamson, il che ha reso la traduzione in inglese della lettera danneggiata ancora più difficile. “Probabilmente era un multilingue, comunicando in egiziano o in greco a casa in Egitto prima di arruolarsi nell’esercito e poi comunicare in latino con l’esercito in Pannonia”. Adamson crede che Polion abbia scritto a casa in greco perché scrivere a casa in egiziano non era davvero un’opzione in quel momento, e perché la sua famiglia in Egitto molto probabilmente non conosceva molto il latino. Nel video cui link riportiamo qui sotto, la descrizione e le parole antichissime di un solitario soldato di Roma ai confini dell’Impero:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per stabilire una data approssimativa per la lettera, Adamson dipendeva dagli stili di scrittura a mano e da alcuni altri suggerimenti più specifici. La datazione di antichi papiri è generalmente difficile da fare in modo molto specifico a meno che non ci sia una data o un evento noto menzionato nel testo”, ha detto Adamson. “Ma puoi prendere una decisione preliminare in base alla grafia.”

Un altro indizio è il nome romano del soldato Aurelio; avrebbe potuto acquisirlo come parte di una diffusa concessione della cittadinanza romana nell’anno 212. E un altro indizio è il riferimento di Polion a un “comandante consolare”, che suggerisce una data successiva al 214, quando la provincia romana della Pannonia Inferiore passò sotto il governo consolare. A causa della natura personale della lettera e del tema comune dell’interesse familiare, la pubblicazione di Adamson nell’ultimo volume del Bulletin of the American Society of Papyrologists ha ricevuto l’attenzione dei media nazionali e internazionali. Organizzazioni giornalistiche dalla Finlandia alla Spagna e agli Stati Uniti hanno scritto sulla lettera questa settimana. “Una cosa che penso sia importante in questa lettera è che riflette le emozioni di un soldato nel mondo antico”, ha detto April DeConick, presidente del Dipartimento di Studi Religiosi di Rice e consigliere della facoltà di Adamson. “Le sue emozioni non sono davvero diverse da quelle dei soldati di oggi, che non vedono l’ora di tornare a casa“. Il papiro, che è stato in prestito alla BYU nel 2011, è ospitato presso l’Università della California, la Biblioteca Bancroft di Berkley. Per leggere la lettera completa di Polion mentre sopravvive e il documento completo di Adamson, vai su https://news.rice.edu/files/2014/03/2014-03-14-AdamsonPaper.pdf . Un altro video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://news.rice.edu/2014/03/14/rice-grad-student-deciphers-1800-year-old-letter-from-egyptian-soldier/

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.