Press "Enter" to skip to content

La Nuova Zelanda testerà per la prima volta la trasmissione di potenza wireless a lungo raggio nel mondo

I dispositivi di trasmissione di potenza wireless di Emrod possono emettere grandi quantità di energia elettrica tra due punti, con la linea di vista tra i collegamenti come unico limite di distanza. Una società con sede in Nuova Zelanda ha sviluppato un metodo di trasmissione sicura e wireless di energia elettrica su lunghe distanze senza l’uso di fili di rame e sta lavorando alla sua implementazione con il secondo più grande distributore di energia del paese:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sogno della trasmissione di potenza wireless non è una novità; Il genio Nikola Tesla una volta dimostrò che poteva alimentare lampadine a più di 3 chilometri di distanza nel 1890. Il sogno di Tesla era di posizionare enormi torri in tutto il mondo che potessero trasmettere energia in modalità wireless in qualsiasi punto del pianeta, alimentando case, aziende, industrie e persino gigantesche navi elettriche nell’oceano. L’investitore JP Morgan ha ucciso l’idea con una sola domanda: “Dove posso mettere il contatore?”

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono voluti 120 anni, ma la società neozelandese Emrod sembra aver finalmente convinto un importante distributore di energia ad avere la possibilità di utilizzare la tecnologia wireless per scopi commerciali. Powerco, il secondo distributore della Nuova Zelanda, sta investendo in Emrod, la cui tecnologia sembra essere in grado di trasferire grandi quantità di elettricità in modo molto più efficiente , tra due punti in linea di vista. “Siamo interessati a vedere se la tecnologia di Emrod può integrare le attuali modalità di fornitura di energia. Prevediamo di utilizzarlo per fornire elettricità in luoghi remoti o attraverso aree con terreni difficili. Esiste anche il potenziale per utilizzarlo per mantenere accese le luci dei nostri clienti quando eseguiamo la manutenzione della nostra infrastruttura esistente” – ha dichiarato Nicolas Vessiot, Powerco Network Transformation Manager.

Emrod ha attualmente un prototipo funzionante del suo dispositivo, ma ne costruirà un altro per Powerco, con l’intenzione di consegnarlo in ottobre, e poi trascorrere diversi mesi in test di laboratorio prima di passare a un test sul campo. Il prototipo sarà in grado di fornire ” solo pochi kilowatt ” di potenza, ma può essere facilmente ingrandito. “Possiamo usare la stessa identica tecnologia per trasmettere 100 volte più potenza su distanze molto più lunghe. I sistemi wireless che utilizzano la tecnologia Emrod possono trasmettere qualsiasi quantità di potenza trasmessa dalle soluzioni wireless” – ha aggiunto invece Greg Kushnir, fondatore di Emrod.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sistema utilizza un’antenna trasmittente, una serie di collegamenti e un’antenna ricevente (un’antenna rettificatrice in grado di convertire l’energia a microonde in elettricità). Usano la banda non ionizzante industriale, scientifica e medica dello spettro radio, comprese le frequenze comunemente utilizzate in Wi-Fi e Bluetooth. L’energia viene trasmessa direttamente tra punti specifici, senza radiazioni attorno al raggio, e una “cortina di sicurezza laser a bassa potenza “chiude immediatamente la trasmissione di energia prima che qualsiasi oggetto, come un uccello o un elicottero, possa toccare il raggio principale. Questa volta non ci saranno difficoltà a sapere dove posizionare il bancone”. Emrod afferma che funziona in qualsiasi condizione meteorologica, inclusa la pioggia o la nebbia, e la distanza di trasmissione è limitata solo dalla linea di vista tra ogni collegamento, dandogli il potenziale per trasmettere energia per migliaia di chilometri, a una frazione dei costi di infrastruttura, i costi di manutenzione e l’impatto ambientale di una soluzione cablata.

Infatti, Emrod vede la trasmissione wireless come una tecnologia chiave per l’energia rinnovabile, spesso generata lontano da dove è necessaria. Questo tipo di sistema potrebbe essere ottimo per la generazione di energia rinnovabile offshore e in località remote, senza la necessità di gigantesche batterie di accumulo o grandi infrastrutture di distribuzione. Ulteriori informazioni: emrod.energy

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.