Press "Enter" to skip to content

Lifehaus: la casa autosufficiente a zero emissioni e a basso costo realizzata con materiali naturali e riciclati

Lifehaus casa autosufficiente zero emissioni: i problemi della gestione dei rifiuti e la pressione edilizia in paesi come il Libano sono alla base della progettazione di Lifehouse, un nuovo prototipo di alloggio che recupera tecniche di costruzione ancestrali e che utilizza materiali naturali e riciclati per creare una casa a emissioni zero. Questa proposta mira a offrire un’alternativa sostenibile e a basso costo che aiuti ad alleviare il problema dell’accesso all’alloggio nei paesi in via di sviluppo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Casa autosufficiente a zero emissioni: l’idea di realizzare questo prototipo è nata nel 2014 dalla mano dell’architetto libanese Nizar Haddad e della giornalista australiana specializzata in ambiente Nadine Mazloum. Da allora, entrambi hanno concentrato i loro sforzi sulla promozione di questo nuovo modello abitativo, con il loro primo test sperimentale condotto nella città libanese di Baskinta .

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questo video potrai conoscere a fondo il processo di costruzione e le caratteristiche di questa casa, che coniuga il comfort con l’applicazione di metodi costruttivi tradizionali e l’utilizzo di materiali naturali disponibili nell’ambiente, a cui si aggiungono pezzi e prodotti di recupero.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Con un concept di fondo molto chiaro, che ruota attorno all’autosufficienza , alla riduzione dell’impronta di carbonio e al minor costo possibile , il progetto corrisponde ad una casa di 160 mq. Questa zona è composta da uno studio con soggiorno, soppalco, terrazzo, serra e locale tecnico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Materiali: Per modellare la costruzione, vengono utilizzati diversi tipi di materiale. In particolare, una parte fondamentale è basata su materiali locali a basso consumo energetico come argilla , roccia, calcare, canapa, canna o fieno. Per quanto riguarda i materiali con un consumo medio di energia, i promotori optano per il cemento quando nell’area in cui verrà costruito non c’è disponibilità di legno o bambù per le coperture. Pneumatici riutilizzati, bottiglie di vetro o lattine di alluminio si aggiungono all’elenco dei materiali che danno forma a Lifehouse.

I promotori di questa casa hanno anche salvato tecniche ancestrali per il loro primo prototipo in cui, ad esempio, la ceramica viene sostituita da argilla speronata per i pavimenti; mentre il calcare rende superflua l’applicazione, tra gli altri, di vernici chimiche e rivestimenti in acciaio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Creata in un modo che permette di trattenere il calore e l’umidità, oltre a proteggere gli interni dalle condizioni atmosferiche esterne, questa casa è progettata per funzionare off-grid e quindi rispondere a chi vive in zone senza accesso all’elettricità. Per questo motivo, il progetto incorpora pannelli fotovoltaici , oltre a turbine eoliche e idrauliche per garantire l’approvvigionamento della casa. Inoltre, questo prototipo tiene conto della scarsità di acqua e di quanto possa essere difficile accedere a questa risorsa. In questo modo la casa è dotata di un sistema di raccolta dell’acqua piovana , oltre all’utilizzo di acqua riciclata per l’irrigazione. Ed è che questo modello cerca anche di alleviare la mancanza di cibo che colpisce milioni di persone nel mondo, motivo per cui queste case includono anche una serra e un sistema di coltivazione idroponica .

Questi sono alcuni degli elementi distintivi di Lifehouse, un progetto con cui i suoi promotori intendono facilitare l’accesso agli alloggi offrendo un’opzione low-cost. Nello specifico il prezzo al metro quadro sarebbe ridotto della metà rispetto a quello di una casa costruita da te. Nel caso di una casa costruita da professionisti, il risparmio sarebbe intorno al 10%. La minore dipendenza da combustibili ed elettricità significherebbe anche un notevole risparmio per chi sceglie questa tipologia di abitazione, che verrà proposta in tre categorie: economy, standard e luxury. Maggiori informazioni a Lifehaus .

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.