Press "Enter" to skip to content

Il primo Homo sapiens è stato trovato in Grecia e ha 210mila anni

I primi esseri umani moderni hanno lasciato l’Africa prima di quanto si pensasse in precedenza, raggiungendo l’Europa quasi 150.000 anni prima di quanto precedentemente noto, indica una ricerca condotta dalle università di Tubinga e Atene. Dopo analisi approfondite, gli scienziati hanno identificato un cranio dal sito di Apidima, nella Grecia meridionale, come il primo Homo sapiens e lo hanno datato a circa 210.000 anni fa. Questo lo rende il primo essere umano moderno conosciuto al di fuori dell’Africa, afferma il team internazionale guidato dalla professoressa Katerina Harvati del Senckenberg Center for Human Evolution and Palaeoenvironment dell’Università di Tubinga. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il ritrovamento fossile, Apidima 1, proviene dal sito di Apidima, nella Grecia meridionale, ed è stato trovato insieme a un altro fossile umano, Apidima 2, durante le ricerche del Museo di Antropologia dell’Università di Atene alla fine degli anni ’70. Il team di ricerca ha applicato approcci innovativi e all’avanguardia, comprese ricostruzioni virtuali delle parti danneggiate dei crani. Ha condotto numerosi confronti con diversi fossili umani e ha utilizzato un metodo di datazione radiometrica altamente accurato per determinare la loro età. “Apidima 2 ha circa 170.000 anni. Potremmo dire che era un uomo di Neanderthal”, dice Katerina Harvati. “Sorprendentemente, Apidima 1 è ancora più vecchio, circa 210.000 anni, ma non ha caratteristiche di Neanderthal.” Piuttosto, lo studio ha rivelato una miscela di caratteristiche umane moderne e arcaiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ascendenza complessa
I nostri risultati suggeriscono che almeno due gruppi di persone vivevano nel Pleistocene medio nell’attuale Grecia meridionale: una prima popolazione di Homo sapiens e, più tardi, un gruppo di Neanderthal“, dice Harvati. Ciò supporta l’ipotesi che i primi esseri umani moderni si siano diffusi dall’Africa, dove si sono evoluti, più volte. “Il cranio di Apidima 1 mostra una dispersione precoce avvenuta prima di quanto pensassimo, e raggiunta anche geograficamente, nella stessa Europa“. Apidima 1 è più di 150 mila anni più vecchio dei più antichi esemplari umani moderni conosciuti dall’Europa fino ad ora.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ipotizziamo che, come nel Vicino Oriente, la prima popolazione umana moderna rappresentata da Apidima 1 sia stata probabilmente sostituita da uomini di Neanderthal, la cui presenza nel sud della Grecia è ben documentata, incluso il cranio di Apidima 2 dallo stesso sito“, dice Harvati, delineando ciò che sembra essere accaduto. Ma anche i Neanderthal dovettero lasciare il posto. Nel tardo Paleolitico, circa 40.000 anni fa, gli esseri umani moderni appena arrivati ​​si stabilirono nella regione, come nel resto d’Europa. La loro presenza è documentata da lavori finemente lavorati strumenti di pietra e altri reperti. I Neanderthal si estinsero in questo periodo. “Questa scoperta sottolinea l’importanza del sud-est dell’Europa per l’evoluzione umana“, conclude Harvati.

La grotta Apidima è stata scavata negli anni ’70 e ’80 dal Museo di Antropologia della Facoltà di Medicina dell’Università di Atene. Il Museo è stato fondato nel 1886 ed è uno dei primi nel suo genere in Europa. Ha svolto un ruolo importante, non solo nella ricerca – in particolare gli scavi di Apidima – ma anche nell’educazione del pubblico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori pianificano ulteriori studi sul materiale Apidima, a lungo considerato importante per l’evoluzione umana, ma dimostrato di avere un significato ancora maggiore dai nuovi risultati. “Il Museo di Antropologia ospita queste importanti scoperte dai nostri scavi del sito di Apidima. Questa pubblicazione è la prima di una serie di studi dettagliati che pianifichiamo in collaborazione con il team del Prof. Harvati“, afferma il professor Kouloukoussa, direttore del Museo. Il professor Gorgoulis, capo del Dipartimento di istologia ed embriologia presso l’Università di Atene, aggiunge “Questo è un altro esempio della ricerca all’avanguardia dell’Università di Atene. Siamo molto felici che questi risultati ricevano ora un riconoscimento internazionale, grazie al successo ricerca collaborativa condotta dalle nostre istituzioni “.

Fonte: uni-tuebingen.de

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.