Press "Enter" to skip to content

Schiuma dal mare: quando e perché è un fenomeno naturale innocuo

In un periodo storico caratterizzato da svariate forme di inquinamento, spesso l’allarme giunge anche dalle zone balneari dove i frequentatori delle spiagge possono occasionalmente notare la presenza di schiuma che dal mare giunge sino a riva. Ebbene, se in alcuni casi (come in prossimità degli scarichi) potrebbe trattarsi di una forma di inquinamento, in molti altri casi può semplicemente rivelarsi un fenomeno del tutto naturale e ciclico causato da organismi marini. Ecco perché:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La presenza della cosiddetta “neve di mare” (ovvero schiuma che ricorda quella del sapone, a volte bianchissima e in altri casi giallognola) sarebbe infatti prodotta naturalmente da alcune alghe DIATOMEE (alghe brune, unicellulari, eucariotiche, normalmente grandi pochi μm). Quasi inaspettatamente, la presenza di questa mucillagine – qualora di origine naturale come spiegato – può persino rappresentare un indicatore positivo riguardante la salute della porzione costiera interessata da questo fenomeno. Come ricorda l’ISPRA italiano (l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ), infatti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le acque maggiormente cariche di nutrienti tendono ad ospitare un maggior numero di specie rispetto alle acque che ne sono quasi del tutto prive come quelle che risultano dallo scioglimento dei ghiacciai e dei nevai. Al contrario, alcune specie sono intolleranti ad elevati livelli di uno o più inquinanti, mentre altre ancora possono essere presenti in ambienti con stato qualitativo ampiamente variabile. Per il monitoraggio dei corsi d’acqua vengono utilizzate le diatomee pennate bentoniche” (fonte: https://www.isprambiente.gov.it/it/banche-dati/banche-dati-folder/acque-interne/atlante-delle-diatomee-bentoniche-dei-corsi-dacqua-italiani/informazioni-generali-1/cosa-sono-le-diatomee-1). In altre zone del mondo, una di queste schiume può causare problemi ad alcuni animali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La schiuma del mare è una caratteristica comune nelle regioni costiere e può essere causata da diversi fattori. Ci sono eventi di schiuma molto drammatici in alcune parti del mondo, compresi i Paesi Bassi e l’Australia, causati da un’alga chiamata  Phaeocystis . Produce molto materiale organico che viene agitato dalle onde in una schiuma molto spessa. Tendiamo a non avere quell’organismo in grande abbondanza in California, quindi sarebbe insolito ottenere quel tipo di schiuma. Quello che otteniamo è schiuma di alghe e schiuma di un dinoflagellato chiamato  Akashiwo sanguinea . La schiuma dinoflagellata è quella che ha causato la mortalità degli uccelli sia nel 2007 che nel 2009. Tutte queste schiume sono simili, in quanto sono composte da materiale organico che ha proprietà simili alla panna montata o all’albume d’uovo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

quando vengono sbattute, le sostanze organiche formano lunghe catene di proteine ​​che diventano rigide e intrappolano le bolle d’aria (è così che anche gli albumi montati modulo). È l’azione delle onde dell’oceano che fornisce l’energia per “battere” le sostanze organiche in una schiuma. Per quanto ne sappiamo, solo la schiuma di  Akashiwo  causa problemi, perché ha un’altra proprietà insolita: la schiuma <rimuove l’impermeabilizzazione dalle penne degli uccelli. Nessuna delle schiume (delle alghe o delle alghe) è tossica e generalmente è innocua al tatto, all’odore o persino al gusto. In questo periodo dell’anno la schiuma lungo i promontori di Marin potrebbe provenire da alghe o da una fioritura dinoflagellata. Tendiamo a ottenere fioriture di  Akashiwo a fine estate o in autunno. Se quella fosse la fonte della schiuma, allora probabilmente ci saranno anche “maree rosse”, o scolorimento dell’acqua, perché Akashiwo forma fiori densi con un colore mogano rossastro. Un modo semplice per capire la differenza è prendere un po ‘di schiuma in mano. La schiuma di alghe è molto delicata e di solito collassa poco dopo averla toccata. La  schiuma Akashiwo è più densa e può durare per ore, anche quando la maneggi . La   schiuma Akashiwo si sente anche saponosa o scivolosa, mentre la schiuma di alghe no. Quindi, la schiuma è normale per questo periodo dell’anno, probabilmente proviene da alghe o dinoflagellati (è più evidente in questo periodo dell’anno a causa delle onde più grandi che la agitano). Non è tossica e non diventa tossica, ma se è schiuma di  Akashiwo , potrebbe causare problemi agli uccelli marini. Oltre ad essere divertente con cui giocare, non ci sono assolutamente problemi con gli umani (o gli animali domestici) che interagiscono con la schiuma. Esistono molte molecole diverse che possono agire come tensioattivi, ma hanno tutte una cosa in comune: un’estremità della molecola è idrofila (attratta dall’acqua) mentre l’altra estremità è idrofobica (respinta dall’acqua):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando un mucchio di molecole di tensioattivi si mescolano con molta acqua e aria, vogliono tutte allinearsi proprio al confine, con un’estremità (idrofila) rivolta verso l’acqua e l’altra (idrofobica) rivolta verso l’aria. Si allineeranno anche schiena contro schiena, in modo che le estremità idrofile siano puntate l’una verso l’altra, con un sottile strato d’acqua in mezzo. Quel sottile strato d’acqua prende la forma di una sfera, perché una sfera richiede la minima energia di qualsiasi forma, e voilà, è una bolla. Le cose diventano leggermente più complicate quando ci sono molte bolle imballate insieme – come potresti aver notato mentre facevi un bagnoschiuma da bambino (o da adulto), le bolle schiumose non sono sfere perfette – ma l’idea di base è la stessa . È tutta una questione di tensioattivo.

“Schiuma nell’ambiente acquatico” menziona diversi rapporti di “quantità insolite” di schiuma che si forma vicino a grandi fioriture algali. “Grandi quantità di carboidrati e proteine ​​vengono rilasciate dalle colonie di cellule mucillaginose”, scrivono gli autori, dando origine a “abbondanti quantità di schiume viscose e muco nella colonna d’acqua”. Quando le proteine ​​algali oi carboidrati si avvicinano alla riva, le onde “agiscono come un grande frullatore”, spiega Raphael Kudela , ecologo marino dell’Università della California, a Santa Cruz. “L’agitazione fisica li spezza e li lascia riformare”, come schiuma; la schiuma viene quindi portata a riva, dove si accumula. Quindi la schiuma a Rockaway Beach può o non può essere stata “naturale” – c’era, dopotutto, l’odore funky che ho notato dopo essermi tuffato tra le onde – ma in ogni caso è chiaro che la schiuma del mare si scatena in modo significativo – come il uno che ha ricoperto un piccolo villaggio di pescatori scozzesi alla fine di settembre – può accadere naturalmente. In ogni caso, la schiuma di mare naturale è solitamente innocua, ma, come hanno scoperto alcuni biologi marini in California alcuni anni fa, non sempre:

 Nell’autunno del 2007, Dave Jessup, un biologo presso il Dipartimento della pesca e della selvaggina della California, ha iniziato a indagare su una misteriosa afflizione che ha lasciato centinaia di uccelli marini morti o bloccati vicino a Monterey. Le penne del petto e della coda degli uccelli erano contrassegnate da un anello di melma giallo-verde che odorava di olio di lino ed erano tutte gravemente malnutrite. Pensando che gli uccelli potessero essere stati vittime di una fuoriuscita di petrolio (il petrolio disimpermeabilizza le penne degli uccelli, esponendole al freddo, richiedendo agli animali di bruciare la loro energia in eccesso per riscaldarsi), gli investigatori hanno inviato un campione della melma al laboratorio statale per analisi, ma i test sono risultati negativi: la melma non era un prodotto petrolifero. Jessup iniziò a indagare su un’altra possibile causa: la cosiddetta “marea rossa”, una fioritura annuale di alghe che conferisce all’acqua al largo della costa una tonalità bruno-rossastra. La fioritura era insolitamente grande quell’anno e Jessup si era già imbattuto in casi di alghe tossiche in precedenza, quindi ha contattato Raphael Kudela dell’UC Santa Cruz per chiedere aiuto per indagare su una potenziale connessione.

Kudela ei suoi collaboratori dissero a Jessup che, per quanto ne sapevano, l’organismo che causava la fioritura della marea rossa, Akashiwo sanguinea , non aveva effetti dannosi sulla vita, ma gli avevano anche fornito immagini satellitari della fioritura in modo che potesse traccia la sua posizione e intensità. Quando ha confrontato il movimento della fioritura con i tempi e la posizione degli spiaggiamenti registrati degli uccelli, Jessup ha trovato una corrispondenza perfetta. Ha anche usato le immagini satellitari più recenti per prevedere dove si sarebbe verificato il successivo arenamento degli uccelli e la sua previsione era inesistente. Poiché le alghe stesse non erano tossiche, non potevano essere la causa diretta dell’afflizione degli uccelli, quindi Jessup rivolse la sua attenzione all’unico sospetto logico rimasto: i massicci cumuli di schiuma che continuavano ad apparire sulla spiaggia vicino alla marea rossa. Ad un certo punto, gli venne in mente di immergere una piuma pulita in una miscela di schiuma e acqua salata. “Con una piuma normale”, spiega Kudela, “basta scuoterla ed è asciutta”. Quando la tolse dalla miscela, tuttavia, la piuma di Jessup non si asciugò: era fradicia. (Fonte: https://www.popsci.com/science/article/2012-11/fyi-what-causes-sea-foam-and-it-dangerous)

- Prosegue dopo la pubblicità -
 Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.