Press "Enter" to skip to content

Centinaia di antichi scheletri di mammut sono stati trovati sepolti sotto il sito di un futuro aeroporto in Messico

Duecento antichi scheletri di mammut sono stati scoperti sotto il cantiere di un aeroporto a nord di Città del Messico, la più grande collezione di ossa di mammut mai trovata. Gli archeologi dell’Istituto nazionale di antropologia e storia del Messico si sono resi conto per la prima volta che l’area potrebbe nascondere resti di mammut dopo aver trovato due trappole per mammut scavate dall’uomo a novembre come parte degli scavi di routine per liberare terra per il sito dell’aeroporto. Le trappole, in un’area destinata a discarica di rifiuti nella città di Tultepec, contenevano le ossa di almeno 14 mammut colombiani.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il cantiere dell’aeroporto internazionale Felipe Ángeles è a sole 12 miglia da quelle trappole. Lì, le squadre di scavo hanno scoperto a maggio che il letto prosciugato del lago Xaltocan conteneva almeno 60 scheletri di mammut. Il totale scoperto da allora ha raggiunto 200, con più ossa ancora in attesa sottoterra. “Ce ne sono troppi. Ce ne sono centinaia“, ha detto all’Associated Press Pedro Sánchez Nava, un archeologo dell’istituto .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ora un osservatore accompagna ogni bulldozer nel cantiere, nel caso in cui uno trovi nuove ossa di mammut, secondo The AP. Il precedente sito di mammut più grande scoperto, a Hot Springs, nel South Dakota, conteneva i resti di circa 60 mammut. La scoperta potrebbe far luce sul motivo per cui i mammut si sono estinti. I mammut colombiani sono arrivati ​​in Nord America circa 1 milione di anni fa. Erano alti fino a 14 piedi e vivevano circa quanto gli umani: da 70 a 80 anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A differenza delle loro controparti lanose in Europa, questi mammut probabilmente non avevano molti capelli, un adattamento al clima più caldo del Nord America. Il loro raggio d’azione si estendeva dal Canada al Nicaragua e all’Honduras. I mammut colombiani si sono estinti tra 13.000 e 10.000 anni fa e molti paleontologi pensano che i cacciatori umani preistorici abbiano svolto un ruolo importante. Questo è uno degli aspetti di questo sito che i ricercatori sperano di indagare. Gli esseri umani hanno chiaramente ucciso i mammut nelle fosse scoperte a Tultepec, ma non è ancora chiaro se abbiano avuto un ruolo nel guidare gli oltre 200 mammut nel letto del lago.

I ricercatori pensano che i mammut potrebbero essere rimasti bloccati nel fango lungo la riva del lago, poi sono morti di fame o annegati. Potrebbe essere accaduto naturalmente, dal momento che le erbe e le canne del lago avrebbero attirato i mammut a nutrirsi. Ma l’enorme numero di scheletri potrebbe anche indicare che gli esseri umani hanno abilmente utilizzato la viscosità della riva del lago a proprio vantaggio, secondo Sánchez Nava. “È possibile che li abbiano inseguiti nel fango“, ha detto all’AP a maggio .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se questo è vero, significherebbe che gli esseri umani sono in grado di uccidere un numero maggiore di mammut di quanto si pensasse in precedenza. Potrebbe anche essere la prova che gli antichi mangiavano carne di mammut come parte fondamentale della loro dieta, non sporadicamente, come avevano ipotizzato i ricercatori in precedenza. Tuttavia, le ossa trovate nel sito dell’aeroporto non hanno ancora mostrato alcun segno che indichi che gli umani hanno massacrato gli animali.

Se gli umani fossero coinvolti nella morte delle creature, tuttavia, ciò aggiungerebbe supporto all’idea che le persone abbiano contribuito o causato l’estinzione dei mammut colombiani nelle Americhe. L’altra teoria prevalente suggerisce che le bestie siano morte a causa della perdita di habitat causata dal riscaldamento quando l’era glaciale è finita. Oppure potrebbe essere una combinazione di entrambi i fattori, secondo il paleontologo Joaquin Arroyo-Cabrales, che lavora presso l’istituto di antropologia.

Penso che alla fine la decisione sarà che ci sia stato un effetto sinergico tra il cambiamento climatico e la presenza umana“, ha detto a The AP . Gli esseri umani possono aver costruito degli strumenti con le ossa di mammut. Anche se gli umani non hanno ucciso direttamente i mammut nel letto del lago, stanno emergendo prove che antiche civiltà intorno all’area usavano le ossa degli animali come strumenti. Gli archeologi hanno finora scoperto dozzine di strumenti intorno al sito che erano almeno parzialmente realizzati con ossa di mammut, come coltelli con asta di osso di mammut.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma non sono sicuri che le ossa negli strumenti provengano dai mammut trovati nel fondo del lago. Potrebbero provenire da altri mammut, come quelli nelle vicine fosse di Tultepec. Ulteriori test di laboratorio potrebbero aiutare i paleontologi a determinare quale relazione, se del caso, gli umani avevano con le ossa di mammut nel letto del lago, se le uccisero, le mangiarono, le usarono come strumenti o tutte e tre le cose.

Fonte: businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.