Press "Enter" to skip to content

Studio suggerisce che famoso farmaco antidolorifico può indurre comportamenti rischiosi

Uno dei farmaci più consumati negli Stati Uniti – e l’ analgesico più comunemente assunto in tutto il mondo – potrebbe fare molto di più che semplicemente alleviare il mal di testa, suggeriscono nuove prove. L’acetaminofene, noto anche come paracetamolo e ampiamente venduto con i marchi Tylenol e Panadol, aumenta anche l’assunzione di rischi, secondo un nuovo studio che ha misurato i cambiamenti nel comportamento delle persone sotto l’influenza del comune farmaco da banco. “Il paracetamolo sembra far provare alle persone meno emozioni negative quando considerano attività rischiose – semplicemente non si sentono così spaventate”afferma il neuroscienziato Baldwin Way della Ohio State University:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Con quasi il 25 per cento della popolazione negli Stati Uniti che assume paracetamolo ogni settimana, una ridotta percezione del rischio e una maggiore assunzione di rischi potrebbero avere effetti importanti sulla società”. I risultati si aggiungono a un recente corpo di ricerca che suggerisce che gli effetti del paracetamolo sulla riduzione del dolore si estendono anche a vari processi psicologici, riducendo la ricettività delle persone a ferire i sentimenti , sperimentando una ridotta empatia e persino attenuando le funzioni cognitive . In modo simile, la nuova ricerca suggerisce che la capacità affettiva delle persone di percepire e valutare i rischi può essere compromessa quando assumono paracetamolo. Sebbene gli effetti possano essere lievi, vale sicuramente la pena notare, dato che il paracetamolo è l’ ingrediente più comune in America , che si trova in oltre 600 diversi tipi di farmaci da banco e soggetti a prescrizione. In una serie di esperimenti che hanno coinvolto oltre 500 studenti universitari come partecipanti, Way e il suo team hanno misurato come una singola dose di 1.000 mg di paracetamolo (la dose singola massima raccomandata per adulti) assegnata casualmente ai partecipanti ha influenzato il loro comportamento di assunzione di rischio, rispetto ai placebo somministrati casualmente a un gruppo di controllo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In ciascuno degli esperimenti, i partecipanti dovevano pompare un palloncino non gonfiato sullo schermo di un computer, con ogni singola pompa che guadagnava denaro immaginario. Le loro istruzioni erano di guadagnare quanto più denaro immaginario possibile pompando il pallone il più possibile, ma per assicurarsi di non far scoppiare il pallone, nel qual caso avrebbero perso i soldi. I risultati hanno mostrato che gli studenti che hanno assunto il paracetamolo si sono impegnati in un’assunzione di rischi significativamente maggiore durante l’esercizio, rispetto al gruppo placebo più cauto e conservatore. Nel complesso, quelli che assumevano paracetamolo pompavano (e facevano scoppiare) i loro palloncini più dei controlli. “Se sei avverso al rischio, potresti pompare un paio di volte e poi decidere di incassare perché non vuoi che il pallone esploda e perda i tuoi soldi“, dice Way . “Ma per coloro che prendono il paracetamolo, quando il palloncino diventa più grande, crediamo che abbiano meno ansia e meno emozioni negative riguardo a quanto grande sta diventando il palloncino e alla possibilità che esploda”. Oltre alla simulazione del pallone, i partecipanti hanno anche compilato sondaggi durante due degli esperimenti, valutando il livello di rischio che hanno percepito in vari scenari ipotetici, come scommettere il reddito di una giornata su un evento sportivo, bungee jumping da un ponte alto o guidare un’auto senza cintura di sicurezza. In uno dei sondaggi, il consumo di paracetamolo sembra ridurre il rischio percepito rispetto al gruppo di controllo, sebbene in un altro sondaggio simile non sia stato osservato lo stesso effetto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel complesso, tuttavia, sulla base di una media dei risultati dei vari test, il team conclude che esiste una relazione significativa tra l’assunzione di paracetamolo e la scelta di un rischio maggiore, anche se l’effetto osservato può essere lieve. Detto questo, riconoscono che gli effetti apparenti del farmaco sul comportamento a rischio potrebbero essere interpretati anche attraverso altri tipi di processi psicologici, come la riduzione dell’ansia, forse. “Può darsi che con l’aumentare delle dimensioni del palloncino, coloro che assumono il placebo provino una quantità crescente di ansia per una potenziale esplosione“, spiegano i ricercatori . “Quando l’ansia diventa eccessiva, terminano il processo. Il paracetamolo può ridurre questa ansia, portando così a una maggiore assunzione di rischi“. L’esplorazione di tali spiegazioni psicologiche alternative per questo fenomeno – così come lo studio dei meccanismi biologici responsabili degli effetti del paracetamolo sulle scelte delle persone in situazioni come questa – dovrebbe essere affrontata nella ricerca futura, afferma il team. Già che ci sono, gli scienziati avranno senza dubbio anche opportunità future per indagare ulteriormente il ruolo e l’efficacia del paracetamolo nel sollievo dal dolore più in generale, dopo che gli studi negli ultimi anni hanno scoperto che in molti scenari medici, il farmaco può essere inefficace per alleviare il dolore. , ea volte non è migliore di un placebo, oltre a provocare altri tipi di problemi di salute. Nonostante la serietà di questi risultati, il paracetamolo rimane comunque uno dei farmaci più utilizzati al mondo, considerato un medicinale essenziale dall’Organizzazione mondiale della sanità e raccomandato dal CDC come il farmaco principale che dovresti probabilmente assumere per alleviare i sintomi se pensi di potrebbe avere il coronavirus . Ad ogni modo, opportuno risulta ricordare che in commercio esistono prodotti di origine naturale che potrebbero volgere un ruolo antinfiammatorio senza gravi conseguenze. A tal proposito, ricordiamo i seguenti prodotti naturali:

ZENZERO – Il rizoma essiccato, generalmente commercializzato in polvere, è impiegato come spezia in cucina e nella preparazione di liquori e bibite (in particolare del Ginger ale) come aromatizzante. Ha proprietà stimolanti la digestione (stomachico), stimolanti la circolazione periferica, antinfiammatorie e antiossidanti, e si ritiene tradizionalmente contribuisca alla conservazione e all’esaltazione dei sapori delle pietanze cui è solitamente associato. Il rizoma possiede una evidente azione antinausea, antiemetica (contro il vomito), antipiretica e antinfiammatoria. E’ possibile acquistare la versione biologica anche su Amazon. Alcuni esempi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

CURCUMA – La medicina ayurvedica, ritiene che la curcuma sia dotata di molte proprietà medicinali e molti la usano in India come antisettico per tagli, scottature e contusioni. La sicurezza della curcumina, se assunta a basso dosaggio, è supportata da molte prove, compresi vari studi clinici sull’uomo, nonché da una varietà di studi sperimentali su animali e in vitro che corroborano ulteriormente le osservazioni sull’uomo. Gli studi clinici hanno mostrato epatotossicità a dosi elevate. Link a schede Amazon su prodotti biologici:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

CAMOMILLA – Da questi fiori si producono infusi che notoriamente vengono utilizzati per i loro effetti blandamente sedativi. Oltre che alla somministrazione orale, è possibile ricorrere all’uso di preparati di camomilla anche per nebulizzazioni, linimenti anti-stress, impacchi, colliri e collutori (questi ultimi anche assieme alla malva). La camomilla è dotata di buone proprietà antinfiammatorie, locali e interne, e costituisce un rimedio calmante tipico dei fenomeni nevralgici (sciatica, trigemino, lombaggine e torcicollo). Questo grazie a certi componenti dell’olio essenziale (alfa-bisabololo, guaiazulene, camazulene e farnesene), a una componente flavonoide (soprattutto apigenina, quercetina, apiina e luteolina) e ai lattoni matricina e des-acetil-matricarina. Il suo potere antiflogistico a parità di principio attivo (in peso) è stato comparato a quello del cortisone. Altri flavonoidi presenti (eupatuletina, quercimetrina) e le cumarine sono responsabili delle proprietà digestive e spasmolitiche. Queste combinazioni di principi attivi ne fanno un buon risolvente nella dismenorrea, nei crampi intestinali dei soggetti nervosi, negli spasmi muscolari e nei reumatismi. Le tisane ottenute con questa pianta inoltre provocano l’espulsione di gas intestinali in eccesso. Presenti anche proprietà nutrizionali della camomilla rispetto ai capelli e al cuoio capelluto. Nell’omeopatia, oltre alle indicazioni già elencate, la camomilla viene consigliata per i problemi associati alla dentizione, alla sindrome premestruale e a varie malattie infantili come otiti, coliche e a numerosi problemi comportamentali. Link a schede Amazon:

 

“Forse qualcuno con lievi sintomi di COVID-19 potrebbe non pensare che sia così rischioso uscire di casa e incontrare persone se stanno assumendo paracetamolo”, dice Way . “Abbiamo davvero bisogno di più ricerca sugli effetti del paracetamolo e di altri farmaci da banco sulle scelte e sui rischi che corriamo”. I risultati sono riportati in Social Cognitive and Affective Neuroscience . Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.