Press "Enter" to skip to content

Gli USA crearono un cannone che sparava bombe nucleari da usare in caso di terza guerra mondiale, “pericoloso anche per i soldati che lo utilizzavano” – video dei test nel periodo della Guerra Fredda

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cosa c’è di peggio di una bomba nucleare sganciata da un aereo? La risposta è: un cannone nucleare. L’arma fu effettivamente costruita dagli Stati Uniti d’America, utilizzata come deterrente nei confronti dell’Unione Sovietica durante il cosiddetto periodo della Guerra Fredda:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ M-28 o M-29 Davy Crockett Weapon System era un cannone nucleare tattica senza rinculo (canna liscia) per sparare il proiettile nucleare M-388 che fu schierato dagli Stati Uniti durante la Guerra Fredda . Era uno dei più piccoli sistemi d’arma nucleare mai costruiti, con una resa compresa tra 10 e 20 tonnellate equivalenti TNT (40-80 gigajoule ). Prende il nome dall’eroe popolare americano, soldato e membro del Congresso Davy Crockett . Il cannone Davy Crockett senza rinculo è stato sviluppata alla fine degli anni ’50 per essere utilizzato contro armature e truppe sovietiche e nordcoreane in caso di guerra in Europa o nella penisola coreana. Le sezioni di Davy Crockett furono assegnate all’armamento dell’Esercito degli Stati Uniti in Europa e all’ottavo esercito degli Stati Uniti e ai battaglioni di fanteria meccanizzata e non. Durante gli allarmi al confine interno tedesco nel Fulda Gap i Davy Crockett hanno accompagnato i loro battaglioni. Tutto il V Corpo(compresa la 3a Divisione Corazzata) i battaglioni di manovra di combattimento avevano posizioni preassegnate nel Fulda Gap. Queste erano note come posizioni del PIL (Piano di difesa generale). Le sezioni di Davy Crockett sono state incluse in questi piani di schieramento difensivo. Oltre ai Davy Crocketts (ad esempio, assegnati alla 3a Divisione Corazzata), il V Corpo aveva colpi di artiglieria nucleare e Mine di demolizione atomica , e questi erano anche presi di mira sul Fulda Gap. Nella penisola coreana, le unità assegnate alle armi Davy Crockett pianificarono principalmente di utilizzare i passaggi che incanalavano l’armatura come terreno di sterminio, creando zone radioattive temporaneamente mortali bloccate da carri armati distrutti e altri veicoli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il proiettile M-388 utilizzava una versione della testata Mk-54 , un dispositivo di fissione subkiloton molto piccolo . L’Mk-54 pesava circa 51 libbre (23 kg), con una resa equivalente a circa 10-20 tonnellate di TNT, vicina alla dimensione minima pratica per una testata a fissione, [Nota 1] e resa paragonabile alla più grande convenzionale bombe sviluppate in quel momento. [Nota 2] L’unica caratteristica selezionabile con entrambe le versioni del Davy Crockett (M28 e M29) era l’interruttore dell’altezza dello scoppio sulla testata. Il round completo pesava 76 libbre (34 kg). Era lungo 31 pollici (79 cm) con un diametro di 11 pollici (28 cm) nel punto più largo; un pistone subcalibro sul retro del proiettile è stato inserito nella canna del lanciatore per sparare. [1] Il proiettile atomico M-388 è stato montato sul rubinetto inserito nella canna tramite slot a baionetta. Una volta scaricato il propellente, il rubinetto diventava il pistone di lancio del proiettile atomico M-388: ciò era necessario perché il proiettile di fissione non poteva essere soggetto ad accelerazioni elevate e lo spigot / pistone, fungendo da “tubo di spinta”, facilitava ciò. [2] La resa nucleare è accennata in FM 9-11: Operation and Employment of the Davy Crockett Battlefield Missile, XM-28/29 (June 1963). Le versioni della testata W54 sono state utilizzate anche nel progetto Special Atomic Demolition Munition e nel AIM-26A Falcon:

Mk-54 (Davy Crockett): resa di 10 o 20 tonnellate, testata Davy Crockett Gun
B54 (SADM): potenzialmente da 10 tonnellate a 1 chiloton nei diversi modelli, dispositivo speciale di munizioni atomiche da demolizione
W-54: resa di 250 tonnellate, testata per missile aria-aria Falcon AIM-26

L’M-388 poteva essere lanciato da uno dei due lanciatori conosciuti come Davy Crockett Weapon System (s): l’ M28 da 4,7 pollici (120 mm) , con una portata di circa 1,25 miglia (2,01 km), o il 6,1 pollici (150 mm) M29 , con un’autonomia di 4,0 km. Entrambe le armi utilizzavano lo stesso proiettile ed erano montate su un lanciatore a treppiede trasportato da un corazzato da trasporto truppe M113 , oppure erano trasportate da una Jeep (l’M-38 e più tardi l’M-151). La Jeep era equipaggiata con un lanciatore collegato per l’M28 o l’M29, a seconda delle necessità, mentre il Davy Crockett trasportato da un corazzato da trasporto truppe era installato sul campo su un treppiede lontano dal vettore. Le armi assegnate alle unità di fanteria venivano trasportate negli M113, quelle assegnate alle unità aviotrasportate venivano trasportate sulle jeep. [3] I Davy Crockett erano gestiti da un equipaggio di cinque uomini, la squadra composta da un comandante, artigliere, assistente artigliere, caricatore e computer. È stato possibile suddividere l’arma M28 più piccola in cinque carichi che potevano essere trasportati dall’equipaggio. [4] Era anche possibile utilizzare le versioni M28 o M29 dell’arma con un equipaggio di tre uomini. [5] Nella 3a divisione corazzata in Germania negli anni ’60 molte sezioni di Davy Crockett (tutte facenti parte dei plotoni di mortai pesanti, delle compagnie di fanteria o dei battaglioni di manovra armatura) ricevettero quello che divenne un ciascuno per sezione D / C]. Alla fine, gli M28 furono sostituiti dagli M29, in modo che sia i veicoli corazzati che le jeep trasportavano l’M29:

- Prosegue dopo la pubblicità -
M-388 Davy Crockett montato su tripode da un soldato dell’Esercito degli Stati Uniti d’America (Maryland, 1961)

Entrambe le pistole senza rinculo hanno dimostrato di avere una scarsa precisione nei test, quindi l’effetto maggiore del proiettile sarebbe stato il suo estremo rischio di radiazioni . L’M-388 produrrebbe un dosaggio di radiazioni quasi istantaneamente letale (superiore a 10.000 rem , 100 Sv ) entro 500 piedi (150 m) e una dose probabilmente fatale (circa 600 rem, 6 Sv) entro un quarto di miglio (400 m). ). [6] L’arma non aveva una funzione di interruzione; se sparata, la testata esploderebbe. [7] La testata fu testata il 7 luglio 1962 nel colpo di prova degli effetti delle armi Little Feller II , e di nuovo in uno sparo effettivo del Davy Crockett da una distanza di 2,7 miglia (2,7 km) nel Little Feller Icolpo di prova il 17 luglio. Questa è stata l’ultima detonazione di prova atmosferica al Nevada Test Site . Di questo test, esistono diverve versioni digitalizzate del filmato d’epoca, diffuse su YouTube. Ecco i link:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’utilizzo del Davy Crockett avrebbe causato seri danni non solo ai nemici ma anche all’unità addetta allo sparo, poiché le radiazioni dell’ordigno esploso si sarebbero registrate ben oltre la sua gittata massima.[2] In ogni caso, il lampo dell’esplosione ravvicinata avrebbe causato la cecità permanente del soldato che avesse sparato il colpo.[3] L’esercito statunitense raccomandò ai suoi soldati di effettuare il lancio da un luogo ben riparato, ad esempio dietro una collina, tenendo conto anche della scarsa precisione dell’arma.[1] La produzione del Davy Crockett iniziò dopo l’approvazione del progetto del 15 agosto 1958 (a) Picatinny Arsenal, con un totale di 2.100 prodotti. L’arma è stata testata tra il 1962 e il 1968 presso l’ Area Formazione Pohakuloa su isola Hawaii , con 714 giri M101 spotter (non testate dal vivo) che contenevano uranio impoverito . [8] [9] L’arma è stata impiegata con le forze dell’esercito americano dal 1961 al 1971. È stata rimossa dall’Esercito americano in Europa (nella Germania occidentale) nell’agosto 1967. [10] Il 55 ° e il 56 ° plotoni di fanteria, attaccati alla divisione di artiglieria della 82a divisione aviotrasportata degli Stati Uniti, erano le ultime unità equipaggiate con il  sistema d’arma M-29 Davy Crockett. Queste due unità erano schierate con il paracadute e, con un camion da ½ tonnellata per sezione (tre per plotone), erano completamente lanciabili in aria. Le unità furono disattivate a metà del 1968:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno dei più ferventi sostenitori del Davy Crockett è stato il ministro della Difesa della Germania Ovest Franz Josef Strauss, alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60. Strauss promosse l’idea di equipaggiare le brigate tedesche con l’arma nucleare, che sarebbe stata fornita dagli Stati Uniti, sostenendo che ciò avrebbe consentito alle truppe tedesche di diventare un fattore molto più efficace nella difesa della Germania dalla NATO contro una potenziale invasione sovietica. Ha sostenuto che un singolo Davy Crockett potrebbe sostituire 40-50 salve di un intero parco di artiglieria divisionale – consentendo ai fondi e alle truppe normalmente necessari per questa artiglieria di essere investiti in ulteriori truppe, o di non dover essere spesi affatto. I comandanti USA della NATO si sono fortemente opposti alle idee di Strauss, in quanto avrebbero reso l’uso delle armi nucleari tattiche quasi obbligatorio in caso di guerra, riducendo ulteriormente la capacità della NATO di difendersi senza ricorrere alle armi atomiche. [11]

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.