Press "Enter" to skip to content

Guarire dal tumore senza l’uso dei farmaci: trattamento sperimentale uccide il cancro mediante l’autodistruzione delle cellule malate

Uno degli ultimi metodi sperimentati dagli scienziati per curare il cancro utilizza un attacco furtivo a cavallo di Troia per indurre le cellule tumorali ad autodistruggersi, il tutto senza l’uso di farmaci.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La chiave della tecnica è l’uso di una nanoparticella rivestita in uno specifico amminoacido chiamato L-fenilalanina , uno dei tanti acidi di questo tipo su cui le cellule tumorali fanno affidamento per crescere. La L-fenilalanina non è prodotta dall’organismo, ma viene assorbita mediante la carne ed i latticini. Nei test sui topi, la nanoparticella – chiamata Nano-pPAAM o fenilalanina nanoscopica Porous Amino Acid Mimic – ha ucciso le cellule tumorali in modo specifico ed efficace, presentandosi come un amminoacido amico prima di causare la distruzione delle cellule. La modalità di autodistruzione viene attivata quando la nanoparticella mette in overdrive la produzione di alcune sostanze chimiche note come specie reattive dell’ossigeno (ROS). È sufficiente per abbattere le cellule tumorali lasciando intatte le cellule vicine e sane. “Contro la saggezza convenzionale, il nostro approccio prevedeva l’utilizzo del nanomateriale come farmaco anziché [] come trasportatore di farmaci“, afferma lo scienziato dei materiali Dalton Tay  della Nanyang Technological University di Singapore:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Qui, le proprietà cancerogene e letali di Nano-pPAAM sono intrinseche e non necessitano di essere attivate da stimoli esterni. L’aminoacido L-fenilalanina agisce come un cavallo di Troia, un mantello per mascherare la nanoterapia all’interno. ” È stato dimostrato che Nano-pPAAM uccide circa l’80% delle cellule di cancro al seno, alla pelle e allo stomaco nei topi, quasi alla pari con gli attuali farmaci chemioterapici (ma senza tutti gli effetti collaterali, ovviamente). Sebbene pericoloso per le cellule tumorali, si basa su una nanoparticella di silice classificata come sicura per l’uomo dai regolatori alimentari statunitensi.  L’approccio dovrebbe semplificare la produzione di questo tipo di trattamento, anche se c’è ancora molta strada da fare prima che questi test di laboratorio portino a trattamenti efficaci per le persone. Finora sono stati effettuati solo test di laboratorio e sui topi, ma i primi risultati sono promettenti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Solo uno dei tanti modi in cui gli scienziati stanno cercando di liberare il corpo dal cancro. Molti studi recenti hanno esaminato i modi in cui le nanoparticelle possono colpire meglio le cellule tumorali senza interrompere troppo il resto del corpo, ma di solito sono cariche di farmaci, il che non è il caso qui.  Ciò aiuterà nei tumori ricorrenti che alla fine diventano resistenti ai farmaci con cui li bombardiamo: qui non ci sono farmaci coinvolti, quindi non c’è nulla a cui diventare resistenti. Questo nuovo approccio potrebbe essere molto promettente per le cellule tumorali che non hanno risposto al trattamento convenzionale come la chemioterapia“, afferma lo specialista del cancro al seno Tan Ern Yu  del Tan Tock Seng Hospital di Singapore, che non è stato coinvolto nello studio. La ricerca è stata pubblicata su Small .

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.