Press "Enter" to skip to content

Strage di animali marini in Russia: misteriosa moria di massa a Kamchatka – foto e video diffusi sul web

Quasi tutta la vita dei fondali marini nelle acque colpite dall’inquinamento al largo della costa russa del Pacifico nella regione della Kamchatka è stata spazzata via da una moria di massa inspiegabile di animali marini. Lo hanno detto gli scienziati nel mese di ottobre 2020 al governatore della regione. Le immagini, che mostrano i corpi privi di vita di centinaia di polpi, grossi pesci, ricci di mare e granchi portati a riva sulla spiaggia di Khalaktyrsky sono diventate virali durante il fine settimana quando gli ambientalisti hanno lanciato l’allarme per un disastro ecologico. Il governatore della Kamchatka Vladimir Solodov ha affermato che le autorità stanno considerando l’inquinamento provocato dall’uomo, fenomeni naturali o forse un terremoto correlato al vicino vulcano come possibili cause di morti di massa:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Le creature del Mar Morto si sono riversate sulle coste durante il fine settimana.

Fino al 95% della vita marina lungo il fondale marino nella baia di Avacha è stato ucciso, hanno detto gli scienziati a Solodov martedì a seguito di una spedizione nell’area per raccogliere campioni d’acqua, cercare animali selvatici morti ed effettuare un’immersione di rilevamento. “Sulla riva, inoltre, non abbiamo trovato animali o uccelli del Mar Morto di grandi dimensioni”, ha detto durante la riunione lo scienziato Ivan Usatov. “Tuttavia, durante le immersioni, abbiamo scoperto che c’è una morte di massa di benthos [organismi che vivono sul fondo] a profondità da 10 a 15 metri – il 95% è morto. Alcuni grossi pesci, gamberi e granchi sono sopravvissuti, ma in numero molto ridotto “:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati della Kronotsky Nature Reserve, del Kamchatka Research Institute of Fisheries and Oceanography (KamchatNIRO) e del ramo Kamchatka del Pacific Institute of Geography hanno avvertito Solodov che la morte di questi organismi ucciderà anche gli animali che si affidano a loro per il cibo. “Dopo questa immersione posso confermare che c’è un disastro ambientale. L’ecosistema è stato minato in modo significativo e ciò avrà conseguenze a lungo termine, poiché tutto in natura è interconnesso “, ha detto il fotografo subacqueo Alexander Korobok, che ha preso parte alla spedizione, aggiungendo di aver subito ustioni chimiche dopo l’immersione. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati hanno affermato di ritenere che l’area contaminata sia molto più grande delle parti che hanno esaminato. Una commissione speciale esaminerà le acque vicino ai siti di test militari di Kozelsky e Radyginsky situati vicino a Petropavlovsk-Kamchatsky per determinare se una fuoriuscita di pesticidi abbia causato la morte di massa. I surfisti e i nuotatori locali hanno notato per la prima volta un potenziale problema tre settimane fa quando hanno riferito di aver avvertito dolore agli occhi, mal di gola, vomito e febbre dopo essere entrati in acqua. Greenpeace ha affermato che i suoi test sui campioni d’acqua intorno alla spiaggia di Khalaktyrsky hanno mostrato livelli di petrolio quattro volte superiori al normale e livelli del composto organico tossico fenolo 2,5 volte superiori al normale. (Fonte). Link video:

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.