Press "Enter" to skip to content

Diuretiche, calmanti antinfiammatorie: le proprietà della zucca e dei suoi semi

Fra qualche giorno si svolgerà la festa di Halloween e qual’è il simbolo per eccellenza di questa ricorrenza: la zucca. La tradizione è legata alla leggenda di Jack O’Lantern, fannullone buono a nulla a cui il demonio donò un tizzone che gli illuminasse la strada degli inferi, tizzone che Jack pose in una rapa svuotata per farlo durare più a lungo. Non tutti sanno, infatti, che originariamente l’ortaggio simbolo di Halloween era, appunto, la rapa. Fu sostituito dalla zucca in seguito alla grande emigrazione degli irlandesi in America, a causa della penuria di rape e ricchezza di zucche nel Nuovo Continente. Da nord, l’utilizzo della zucca è poi passato a sud. Si tratta di un ortaggio povero di calorie e ricco di nutrienti, dalle proprietà diuretiche e persino calmanti, oltre che antiossidanti ed antinfiammatorie. Con il termine “zucca” vengono identificate diverse piante della famiglia delle Cucurbitacee. Tra le più conosciute, ci sono la Cucurbita maxima e la Cucurbita moscata. Scopriamola meglio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie sono dovute alla presenza di caroteni e vitamina A e vitamina E. Ma la zucca contiene anche tanti minerali: calcio, potassio, sodio, magnesio, fosforo. Apportando anche un buon quantitativo di fibre ed aminoacidi e una discreta quantità di fibre, la zucca può rivelarsi utile anche per il nostro intestino e quindi, inevitabilmente anche migliorare il nostro stato d’animo. Oltre alla polpa, inoltre, particolarmente utili alla nostra salute possono rivelarsi i semi di zucca:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Negli ultimi anni, si è appurata una notevole capacità dei semi di zucca in ambito salutistico. Questi contengono naturalmente la cucurbitina, una sostanza che aiuta a proteggere la prostata nell’uomo e a contrastare anche patologie dell’apparato urinario, sia nei soggetti maschi che in quelli femmine. I semi di zucca possono infatti risultare utili per prevenire la cistite. I semi di zucca essiccati e tostati contengono il 2% di acqua, il 49% di grassi , il 15% di carboidrati e il 30% di proteine (tabella). In una porzione di riferimento da 100 grammi, i semi sono densi di calorie (574 kcal) e una ricca fonte (20% del valore giornaliero , DV o superiore) di proteine, fibre alimentari , niacina , ferro , zinco , manganese , magnesio e fosforo (tabella). [9] I semi sono una fonte moderata (10-19% DV) di riboflavina , folato , acido pantotenico , sodiopotassio (tabella). I principali acidi grassi nei semi di zucca sono l’acido linoleico e l’acido oleico , con acido palmitico e acido stearico in quantità minori. [9] I semi di zucca, una volta sono stati utilizzati come un antielmintico in medicina tradizionale in Cina per espellere tenia parassiti , come ad esempio Taenia tenia. [11] Ciò portò i semi ad essere elencati nella Farmacopea degli Stati Uniti come antiparassitari dal 1863 al 1936. [12]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito. Fonti:

  1.  Song, Y .; Li, J .; Hu, X .; Ni, Y .; Li, Q. (2011). “Caratterizzazione strutturale di un polisaccaride isolato da zucche Lady Godiva ( Cucurbita pepo lady godiva)”. Ricerca macromolecolare . 19 (11): 1172–1178. doi : 10.1007 / s13233-011-1102-7 . S2CID  94061331 .
  2. “Pepitas (semi di zucca)” . GourmetSleuth.com . Estratto 11 febbraio 2013 .
  3. ^ Smith, Bruce D. (maggio 1997). “L’addomesticamento iniziale di Cucurbita pepo nelle Americhe 10.000 anni fa”. Scienza . 276 (5314): 932–934. doi : 10.1126 / science.276.5314.932 .
  4. “Cucurbitaceae — Fruits for Peons, Pilgrims, and Pharaohs” . Università della California a Los Angeles. Archiviata dall’originale il 16 ottobre 2013 . Estratto il 2 settembre 2013 .
  5. Salta su ^ Landon, Amanda J. (2008). “Il” come “delle tre sorelle: le origini dell’agricoltura in Mesoamerica e la nicchia umana” . Antropologo del Nebraska : 110–124.
  6. ^ Bushnell, GHS (1976). “L’inizio e la crescita dell’agricoltura in Messico” . Transazioni filosofiche della Royal Society . 275 (936): 117–120. Bibcode : 1976RSPTB.275..117B . doi : 10.1098 / rstb.1976.0074 .
  7. ^ Fürnkranz, Michael; Lukesch, Birgit; Müller, Henry; Huss, Herbert; Grube, Martin; Berg, Gabriele (2012). “Diversità microbica all’interno delle zucche: le comunità specifiche dei microhabitat mostrano un elevato potenziale antagonista contro i fitopatogeni”. Ecologia microbica . 63 (2): 418–428. doi : 10.1007 / s00248-011-9942-4 . JSTOR  41412429 . PMID  21947430 . S2CID  16454305 .
  8. ^ Košťálová, Zuzana; Hromádková, Zdenka; Ebringerová, Anna (agosto 2009). “Valutazione chimica della biomassa del frutto dei semi di zucca oleaginosa ( Cucurbita pepo L. var. Styriaca )”. Carte chimiche . 63 (4): 406–413. doi : 10.2478 / s11696-009-0035-5 . S2CID  97993637 .
  9. Salta a:b “Valori nutrizionali”, “Semi, semi di zucca e semi di zucca, tostati, senza sale (pepitas) “ “. Nutritiondata.com; Conde Nast utilizzando il database dei nutrienti nazionali USDA, versione SR-21. 2018. Estratto 27 mese di aprile il 2019.
  10. Salta a:c Stevenson, David G .; Eller, Fred J .; Wang, Liping; Jane, Jay-Lin; Wang, Tong; Inglett, George E. (2007). “Contenuto di olio e tocoferolo e composizione dell’olio di semi di zucca in 12 cultivar”Giornale di chimica agricola e alimentare55(10): 4005–13. doi:10.1021 / jf0706979PMID 17439238. I dati si trovano nelle tabelle 1–3 a pagg. 4006–4010 di questo riferimento USDA Archiviato il 14 agosto 2011 in Wayback Machine .
  11. ^ Zhang, H; Liu, C; Zheng, Q (dicembre 2019). “Sviluppo e applicazione di farmaci antielmintici in Cina”. Acta Tropica . 200 : 105181. doi : 10.1016 / j.actatropica.2019.105181 . PMID  31542370 .
  12. ^ Lim, Tong Kwee (2012). “Cucurbita moschata”. Piante medicinali e non medicinali commestibili . 2 . Dordrecht, Paesi Bassi : Springer Science + Business Media . p. 277. ISBN 978-90-481-8660-0.
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.