Influenza: crollano a -98% casi nel mondo secondo studio del 2020

Dopo il riconoscimento della diffusa trasmissione comunitaria di SARS-CoV-2, il virus che causa la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), da metà a fine febbraio 2020, gli indicatori dell’attività influenzale hanno iniziato a diminuire nell’emisfero settentrionale. Questi cambiamenti sono stati attribuiti sia a cambiamenti artefatti legati al declino della salute di routine alla ricerca di malattie respiratorie, sia a cambiamenti reali nella circolazione del virus dell’influenza a causa della diffusa implementazione di misure per mitigare la trasmissione di SARS-CoV-2:

I dati dei laboratori clinici negli Stati Uniti hanno indicato una diminuzione del 61% nel numero di campioni presentati (da una mediana di 49.696 a settimana durante il 29 settembre 2019 – 29 febbraio 2020, a 19.537 durante il 1 ° marzo – 16 maggio, 2020) e una diminuzione del 98% dell’attività influenzale misurata dalla percentuale di campioni presentati risultati positivi (da una mediana del 19,34% allo 0,33%). La circolazione interstagionale (ovvero estiva) dell’influenza negli Stati Uniti (17 maggio-8 agosto 2020) è attualmente ai minimi storici (mediana = 0,20% positivo nel 2020 contro 2,35% nel 2019, 1,04% nel 2018 e 2,36% nel 2017). I dati sull’influenza riportati alla piattaforma FluNet dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) da tre paesi dell’emisfero meridionale che fungono da solidi siti sentinella per l’influenza in Oceania (Australia), Sud America (Cile) e Sud Africa (Sud Africa) hanno mostrato un’attività influenzale molto bassa da giugno ad agosto 2020, i mesi che costituiscono la tipica stagione influenzale dell’emisfero meridionale. Nei paesi o giurisdizioni in cui vengono mantenute ampie misure di mitigazione della comunità (ad es. Maschere per il viso, allontanamento sociale, chiusura di scuole e telelavoro), quelle località potrebbero avere una scarsa circolazione dell’influenza durante la prossima stagione influenzale nell’emisfero settentrionale 2020-21. È probabile che l’uso di misure di mitigazione della comunità per la pandemia COVID-19, oltre alla vaccinazione antinfluenzale, sia efficace nel ridurre l’incidenza e l’impatto dell’influenza, e alcune di queste misure di mitigazione potrebbero avere un ruolo nella prevenzione dell’influenza nelle stagioni future. Tuttavia, data la novità della pandemia COVID-19 e l’incertezza delle continue misure di mitigazione della comunità, è importante pianificare la circolazione dell’influenza stagionale negli Stati Uniti questo autunno e inverno.1 ).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono stati utilizzati i dati di circa 300 laboratori clinici statunitensi dislocati in tutti i 50 stati, Porto Rico, Guam e il Distretto di Columbia che partecipano alla sorveglianza virologica per l’influenza tramite il sistema dei laboratori di collaborazione dell’OMS degli Stati Uniti o il sistema nazionale di sorveglianza dei virus respiratori ed enterici * per questa analisi. I laboratori clinici testano principalmente campioni respiratori a fini diagnostici ei dati di questi laboratori forniscono informazioni utili sui tempi e sull’intensità dell’attività influenzale. Il numero mediano di campioni testati a settimana e la percentuale mediana di campioni risultati positivi per l’influenza durante il 29 settembre 2019 – 29 febbraio 2020 (settimane di sorveglianza 40-9, il periodo prima della dichiarazione del 1 ° marzo 2020 di un’emergenza nazionale correlata a COVID-19 ) sono stati confrontati con quelli testati dal 1 ° marzo al 16 maggio 2020 (settimane 10-20 dopo la dichiarazione); i dati di tre stagioni influenzali precedenti sono presentati come confronto. Per valutare l’attività del virus dell’influenza nell’emisfero australe, sono stati analizzati i dati di laboratorio dell’influenza provenienti da piattaforme cliniche e di sorveglianza segnalate da Australia, Cile e Sud Africa alla piattaforma FluNet § dell’OMS . Per ogni paese, viene presentata la percentuale di campioni risultati positivi per l’influenza per aprile-luglio (settimane 14-31) per quattro stagioni (2017-2020). Le misure selezionate attuate per rispondere al COVID-19 in questi paesi sono state accertate dai siti web del governo. Tutti i dati utilizzati erano di pubblico dominio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Negli Stati Uniti, l’attività influenzale (misurata in base alla percentuale di campioni respiratori presentati per i test sull’influenza che hanno prodotto risultati positivi) ha iniziato ad aumentare all’inizio di novembre 2019 e> 20% dei campioni è risultata positiva nel periodo dal 15 dicembre 2019 al 7 marzo 2020 ( settimane 51-10), dopo di che l’attività è diminuita drasticamente (Figura 1). La positività percentuale ha raggiunto il picco alla settimana 6 al 30,25% ed è diminuita del 14,90% alla settimana 9, rispetto a una diminuzione dell’89,77% durante le settimane 10-13. Entro la settimana del 22 marzo 2020 (settimana 13), quando il numero di campioni testati è rimasto molto alto, la positività percentuale è scesa al 2,3% e dalla settimana del 5 aprile 2020 (settimana 15) è rimasta <1%. Il numero mediano di campioni testati per l’influenza ogni settimana è diminuito da 49.696 durante il 29 settembre 2019-29 febbraio 2020 (settimane 40-9), a 19.537 durante il 1 marzo-16 maggio 2020 (settimane 10-20), rappresentando un 61 % diminuire. Durante questi stessi due periodi, l’attività influenzale è diminuita del 98%, da una mediana del 19,34% allo 0,33% dei campioni respiratori presentati risultati positivi all’influenza. Circolazione interstagionale dell’influenza negli Stati Uniti (17 maggio-8 agosto 2020;

Nei paesi dell’emisfero meridionale di Australia, Cile e Sud Africa, sono stati rilevati solo 33 risultati di test positivi all’influenza su 60.031 campioni testati in Australia, 12 su 21.178 campioni testati in Cile e sei su 2.098 campioni testati in Sud Africa, per un totale di 51 campioni positivi all’influenza (0,06%, intervallo di confidenza 95% [CI] = 0,04% –0,08%) tra 83.307 testati in questi tre paesi durante aprile-luglio 2020 (settimane 14-31). Al contrario, durante aprile-luglio nel 2017-2019, 24.512 campioni sono risultati positivi all’influenza (13,7%, IC 95% = 13,6% -13,9%) su 178.690 testati in questi tre paesi (Figura 2 ). Negli Stati Uniti, l’emergenza nazionale COVID-19 è stata dichiarata il 1 ° marzo 2020, ma gli stati hanno iniziato ad attuare una serie di misure di mitigazione COVID-19 alla fine di febbraio, tra cui chiusure scolastiche, divieti di raduni di massa e soggiorno a casa ordini ( 2 ).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inoltre, una certa enfasi è stata posta sulle misure individuali, come indossare la maschera, restare a casa durante la malattia e allontanamento sociale. In Australia, il 29 marzo è stata introdotta una quarantena alberghiera obbligatoria di 14 giorni per tutti i viaggiatori di ritorno; i blocchi regionali sono iniziati all’inizio di aprile, seguiti da una raccomandazione per restare a casa e da divieti di raduni a metà aprile. Alla fine di aprile è iniziato un certo allentamento delle misure. In Cile, il 18 marzo il presidente ha dichiarato lo stato di emergenza, che rimane in vigore fino a settembre. Inoltre, a metà marzo sono stati attuati un coprifuoco notturno e un blocco nazionale. Da allora, il blocco è stato revocato a livello regionale, in base all’attività della malattia; tuttavia, le raccomandazioni per rimanere a casa e socialmente a distanza, così come l’uso obbligatorio di maschere sono ancora in vigore. ** In Sudafrica, il 9 aprile è stato imposto un blocco totale, con un certo allentamento delle misure a partire dal 1 maggio. † † Le strategie di mitigazione della comunità implementate per prevenire la diffusione del COVID-19, comprese le misure a livello sia comunitario che individuale, sembrano aver sostanzialmente ridotto la trasmissione dell’influenza in tutti questi paesi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Discussione

Negli Stati Uniti, la circolazione del virus influenzale è diminuita drasticamente entro 2 settimane dalla dichiarazione di emergenza COVID-19 e dall’implementazione diffusa di misure di mitigazione della comunità, tra cui la chiusura delle scuole, l’allontanamento sociale e l’uso di maschere, sebbene i tempi esatti cambiassero a seconda del luogo ( 2 ). Il calo della circolazione del virus influenzale osservato negli Stati Uniti si è verificato anche in altri paesi dell’emisfero settentrionale ( 3 , 4 ) e ai tropici ( 5 , 6), ei climi temperati dell’emisfero australe non hanno praticamente avuto alcuna circolazione influenzale. Sebbene la causalità non possa essere dedotta da questi confronti ecologici, le tendenze coerenti nel tempo e nel luogo sono convincenti e biologicamente plausibili. Come SARS-CoV-2, i virus dell’influenza si diffondono principalmente per trasmissione di goccioline; la minore trasmissibilità del virus dell’influenza stagionale (R 0  = 1,28) rispetto a quella del SARS-CoV-2 (R 0  = 2–3,5) ( 7 ) probabilmente ha contribuito a un’interruzione più sostanziale della trasmissione dell’influenza. Questi risultati suggeriscono che alcune misure di mitigazione della comunità potrebbero essere utili aggiunte alla vaccinazione antinfluenzale durante le stagioni influenzali, in particolare per le popolazioni a più alto rischio di sviluppare malattie gravi o complicanze.

Inizialmente, il calo dell’attività del virus dell’influenza è stato attribuito alla diminuzione dei test, perché le persone con sintomi respiratori venivano spesso indirizzate preferenzialmente per la valutazione e il test SARS-CoV-2. Tuttavia, i rinnovati sforzi dei funzionari della sanità pubblica e dei medici per testare i campioni per l’influenza hanno portato a un numero adeguato di test e all’individuazione di virus influenzali poco o nulli. Inoltre, alcuni paesi, come l’Australia, avevano criteri meno rigorosi per testare i campioni respiratori rispetto alle stagioni precedenti e hanno testato un numero notevolmente maggiore di campioni per l’influenza, ma ne hanno comunque rilevati pochi con risultati positivi durante i mesi in cui le epidemie influenzali dell’emisfero meridionale hanno tipicamente il picco. Un nuovo test diagnostico multiplex approvato dalla Food and Drug Administration per il rilevamento sia di SARS-CoV-2 che di virus influenzali potrebbe migliorare gli sforzi di sorveglianza futuri (https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/lab/multiplex.html ).

- Prosegue dopo la pubblicità -

È difficile separare l’effetto che le misure di mitigazione delle singole comunità potrebbero aver avuto sulla trasmissione dell’influenza in questa stagione. Sebbene i bambini in età scolare possano guidare la diffusione dell’influenza, l’efficacia della chiusura delle scuole da sola non è chiara perché gli adulti hanno altre esposizioni ( 8 ). Ci sono prove a sostegno dell’uso di maschere facciali da parte di persone infette per ridurre la trasmissione di malattie respiratorie virali ad altri e prove crescenti a sostegno del loro uso (in ambito sanitario, nelle famiglie e nella comunità) per proteggere chi lo indossa sano da acquisire l’infezione. Sono necessari più dati per valutare l’efficacia di diversi tipi di maschere in diversi contesti ( 9). I dati dell’attuale pandemia potrebbero aiutare a rispondere a domande critiche sull’effetto delle misure di mitigazione della comunità sulla trasmissione dell’influenza o di altre malattie respiratorie. Inoltre, la valutazione dell’accettabilità di misure efficaci sarebbe fondamentale, poiché è probabile che l’accettabilità sia inversamente correlata alla severità della misura.

I risultati in questo rapporto sono soggetti ad almeno quattro limitazioni. In primo luogo, un’analisi ecologica non può dimostrare la causalità, sebbene la coerenza dei risultati in più paesi sia convincente. In secondo luogo, altri fattori, come la forte riduzione dei viaggi globali o l’aumento dell’uso di vaccini, potrebbero aver giocato un ruolo nella diminuzione della diffusione dell’influenza; tuttavia, questi non sono stati valutati. In terzo luogo, l’interferenza virale potrebbe aiutare a spiegare la mancanza di influenza durante una pandemia causata da un altro virus respiratorio che potrebbe superare l’influenza nel tratto respiratorio ( 10). Questa possibilità è meno probabile negli Stati Uniti perché l’attività dell’influenza stava già diminuendo prima che la trasmissione della comunità SARS-CoV-2 fosse diffusa nella maggior parte della nazione. Infine, è possibile che i cali osservati negli Stati Uniti siano stati solo la naturale fine della stagione influenzale. Tuttavia, il cambiamento nella diminuzione della positività percentuale dopo il 1 ° marzo è stato drammatico, suggerendo che altri fattori erano in gioco.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il declino globale della circolazione del virus dell’influenza sembra essere reale e concomitante con la pandemia COVID-19 e le misure di mitigazione della comunità associate. La circolazione del virus influenzale continua a essere monitorata per determinare se i bassi livelli di attività persistono dopo che le misure di mitigazione della comunità sono state allentate. Se le ampie misure di mitigazione della comunità continueranno durante l’autunno, l’attività influenzale negli Stati Uniti potrebbe rimanere bassa e la stagione potrebbe essere attenuata o ritardata. In futuro, alcune di queste misure di mitigazione della comunità potrebbero essere attuate durante le epidemie influenzali per ridurre la trasmissione, in particolare nelle popolazioni a più alto rischio di sviluppare malattie gravi o complicazioni. Tuttavia, alla luce della novità della pandemia COVID-19 e dell’incertezza delle continue misure di mitigazione della comunità, è importante pianificare la circolazione dell’influenza stagionale in autunno e in inverno. La vaccinazione antinfluenzale per tutte le persone di età ≥6 mesi rimane il metodo migliore per la prevenzione dell’influenza ed è particolarmente importante in questa stagione quando SARS-CoV-2 e il virus dell’influenza potrebbero circolare) .

Superiore

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ringraziamenti

Viviana Sotomayor, Dipartimento di Epidemiologia, Ministero della Salute del Cile, Santiago, Cile; Sibongile Walaza, Jinal Bhiman, Thulisa Mkencele, Amelia Buys, Anne von Gottberg, Istituto nazionale per le malattie trasmissibili, Centro per le malattie respiratorie e la meningite, Johannesburg, Sud Africa; Meredith McMorrow, Stefano Tempia, Divisione Influenza, CDC; MassGenics, Duluth, Georgia; Scuola di sanità pubblica, Facoltà di scienze della salute, Università del Witwatersrand, Johannesburg, Sud Africa; Li Qi, Divisione influenza, CDC; Centro municipale di Chongqing per il controllo e la prevenzione delle malattie, Chongqinq, Cina.

Superiore

- Prosegue dopo la pubblicità -

Autore corrispondente: Sonja J. Olsen, sco2@cdc.gov .


1 Divisione influenza, Centro nazionale per l’immunizzazione e le malattie respiratorie, CDC; 2 Centro collaborativo dell’Organizzazione mondiale della sanità per la ricerca e il riferimento sull’influenza, Royal Melbourne Hospital e Dipartimento Doherty, Università di Melbourne, presso il Peter Doherty Institute for Infection and Immunity, Melbourne, Australia; 3 Dipartimento di virologia, Istituto di sanità pubblica del Cile, Santiago, Cile; 4 Centro per le malattie respiratorie e la meningite, Istituto nazionale per le malattie trasmissibili, Johannesburg, Sud Africa; 5 School of Public Health, Faculty of Health Sciences, University of the Witwatersrand, Johannesburg, Sud Africa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tutti gli autori hanno compilato e presentato il modulo del Comitato internazionale dei redattori di riviste mediche per la divulgazione di potenziali conflitti di interesse. Cheryl Cohen riporta le sovvenzioni di Sanofi Pasteur e il sostegno non finanziario di Parexel durante lo svolgimento dello studio. Non sono stati rilevati altri potenziali conflitti di interesse.

 

Superiore

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riferimenti

  1. Grohskopf LA, Alyanak E, Broder KR, et al. Prevenzione e controllo dell’influenza stagionale con i vaccini: raccomandazioni del Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione – Stati Uniti, stagione influenzale 2020-21. MMWR Raccomand Rep 2020; 69 (n. RR-8). CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  2. Lasry A, Kidder D, Hast M, et al .; CDC Public Health Law Programme; Dipartimento di salute e igiene mentale di New York City; Dipartimento della Salute della Louisiana; Salute pubblica – Seattle e King County; San Francisco COVID-19 Response Team; Dipartimento di sanità pubblica della contea di Alameda; Dipartimento Sanitario della Contea di San Mateo; Marin County Division of Public Health. Tempistica della mitigazione della comunità e cambiamenti nel COVID-19 segnalato e nella mobilità della comunità — quattro aree metropolitane degli Stati Uniti, 26 febbraio-1 aprile 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2020; 69: 451–7. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  3. Kuo SC, Shih SM, Chien LH, Hsiung CA. Vantaggio collaterale delle misure di controllo COVID-19 sull’attività influenzale, Taiwan. Emerg Infect Dis 2020; 26: 1928–30. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  4. Lee H, Lee H, Song KH, et al. Impatto degli interventi di salute pubblica sull’attività dell’influenza stagionale durante l’epidemia di SARS-CoV-2 in Corea. Clin Infect Dis 2020; ciaa672. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  5. Cowling BJ, Ali ST, Ng TWY, et al. Valutazione dell’impatto degli interventi non farmaceutici contro la malattia da coronavirus 2019 e l’influenza a Hong Kong: uno studio osservazionale. Lancet Public Health 2020; 5: e279–88. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  6. Soo RJJ, Chiew CJ, Ma S, Pung R, Lee V. Diminuzione dell’incidenza dell’influenza nell’ambito delle misure di controllo COVID-19, Singapore. Emerg Infect Dis 2020; 26: 1933–5. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  7. Biggerstaff M, Cauchemez S, Reed C, Gambhir M, Finelli L. Stime del numero di riproduzione per l’influenza stagionale, pandemica e zoonotica: una revisione sistematica della letteratura. BMC Infect Dis 2014; 14: 480. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  8. Cauchemez S, Valleron AJ, Boëlle PY, Flahault A, Ferguson NM. Stima dell’impatto della chiusura delle scuole sulla trasmissione dell’influenza dai dati Sentinel. Nature 2008; 452: 750–4. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  9. Liang M, Gao L, Cheng C, et al. Efficacia della maschera facciale nella prevenzione della trasmissione del virus respiratorio: una revisione sistematica e una meta-analisi. Travel Med Infect Dis 2020; 36: 101751. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
  10. Schultz-Cherry S. Interferenza virale: il caso dei virus influenzali. J Infect Dis 2015; 212: 1690–1. CrossReficona esterna PubMedicona esterna
Torna al tuo posto nel testoFIGURA 1 . Numero di campioni respiratori testati e percentuale di risultati positivi per l’influenza, per anno – Stati Uniti, stagione 2016-17 fino al 2019-20

La figura è un istogramma, una curva epidemiologica che mostra il numero di campioni respiratori testati e la percentuale di risultati positivi per l'influenza, per anno, negli Stati Uniti, durante le stagioni dal 2016-17 fino al 2019-20.Fonte: FluView Interactive. https://www.cdc.gov/flu/weekly/fluviewinteractive.htm .

Abbreviazione: PP = percentuale positiva.

Torna al tuo posto nel testoFIGURA 2 . Numero di campioni analizzati e percentuale di risultati positivi per l’influenza, per anno – Australia, Cile e Sud Africa, aprile-agosto (settimane 14-31), 2017-20

La figura è un istogramma, una curva epidemiologica che mostra il numero di campioni testati e la percentuale di risultati positivi per l'influenza, per anno, in Australia, Cile e Sud Africa, durante aprile-agosto (settimane 14-31), 2017-20.Fonte: FluNet. https://www.who.int/influenza/gisrs_laboratory/flunet/en/icona esterna.

Abbreviazione: PP = percentuale positiva.

 

Citazione suggerita per questo articolo: Olsen SJ, Azziz-Baumgartner E, Budd AP, et al. Diminuzione dell’attività influenzale durante la pandemia COVID-19 – Stati Uniti, Australia, Cile e Sud Africa, 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2020; 69: 1305–1309. DOI: http://dx.doi.org/10.15585/mmwr.mm6937a6icona esterna.

MMWR e Morbidity and Mortality Weekly Report sono marchi di servizio del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.
L’uso di nomi commerciali e fonti commerciali è solo per l’identificazione e non implica l’approvazione da parte del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.
I riferimenti a siti non CDC su Internet sono forniti come servizio ai lettori di MMWR e non costituiscono o implicano l’approvazione di queste organizzazioni o dei loro programmi da parte di CDC o del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. CDC non è responsabile per il contenuto delle pagine trovate in questi siti. Gli indirizzi URL elencati in MMWR erano aggiornati alla data di pubblicazione.

Tutte le versioni HTML degli articoli MMWR sono generate da prove finali attraverso un processo automatizzato. Questa conversione potrebbe causare la traduzione dei caratteri o errori di formato nella versione HTML. Si rimanda agli utenti la versione PDF elettronica ( https://www.cdc.gov/mmwr ) e / o la copia cartacea originale MMWR per le versioni stampabili di testi, figure e tabelle ufficiali.

Fonte: https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/69/wr/mm6937a6.htm

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.