Press "Enter" to skip to content

“Lava frutta e verdura eliminando pesticidi e metalli pesanti” – la nuova creazione di una giovane ricercatrice

Sebrae Taynara Alves, recentemente laureata in Gestione aziendale e innovazione presso la Facoltà di tecnologia statale (Fatec), ha sviluppato una soluzione liquida per il lavaggio di frutta e verdura, che rimuove i pesticidi dal cibo. L’idea è stata modellata durante le lezioni e presentata come Course Completion Work (TCC):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo lo studente, il differenziale del prodotto, denominato “Puro e Bom”, è che permette una pulizia profonda, capace di rimuovere fino all’85% di metalli pesanti e sostanze chimiche di pesticidi, che possono essere dannose per la salute. Il prodotto ha vinto il concorso per acceleratori Start Ambev, a cui hanno partecipato 2.400.000 abbonati. Taynara è stata tra i 15 candidati selezionati, ha ricevuto un investimento di 50mila R $ da investire nel progetto e ha vinto un mentore dall’acceleratore che inizierà nella seconda metà di novembre. L’imprenditore partecipa già a Vai Tech, un programma di accelerazione della Città di San Paolo che guida i partecipanti su come rendere realizzabili i progetti sul mercato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La difficoltà che affrontiamo è competere con la mentalità brasiliana che si fida molto delle soluzioni casalinghe. L’uso di aceto e bicarbonato di sodio è molto radicato nella nostra cultura, nonostante queste sostanze non eliminino i composti chimici ”, afferma Alves. Per l’ex studente di Fatec il viaggio di ricerca è continuo perché ad ogni nuovo pesticida lanciato sul mercato, il prodotto Puro e Bom subisce una nuova revisione tecnica per continuare ad essere efficace nella rimozione delle sostanze chimiche. La soluzione ha iniziato ad essere venduta a piccole e micro aziende nel segmento degli alimenti sani, come i produttori di alimenti per l’infanzia, pasti fitness, frutta e verdura e alcuni ristoranti, in confezioni da un litro che costano R $ 60. Secondo l’imprenditore, uno dei vantaggi è il rapporto costi-benefici del prodotto, che ha un valore intermedio tra cibo biologico e convenzionale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Interesse per la chimica

Per produrre Puro e Bom, Taynara ha creato la startup InQuímica quando si è laureato in Chimica presso l’Università Federale della ABC. Il fascino per la zona, tuttavia, è sorto quando si è fatto il tecnico di chimica presso Etec Getúlio Vargas. Ciò che l’ha motivata di più nella sua ricerca è stata la sfida di mettere la scienza a favore della società. “Mi sono stancata di vedere ricercatori brillanti fare lavori incredibili per mettere le loro pubblicazioni nelle biblioteche. Manca una visione di gestione e imprenditorialità in grado di portare buone idee sul mercato ”, afferma. Determinata, ha in programma di espandere la sua attività. Dopo aver consolidato Puro e Bom sul mercato, la tua prossima sfida è sviluppare uno struccante in grado di pulire a fondo la pelle e rimuovere i metalli pesanti presenti nel trucco.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.