Leonid Ivanovich Rogozov, il chirurgo che si operò da solo.

Sembra un film di fantascienza, invece nella storia ci sono stati alcuni casi di interventi chirurgici fa da te. E non stiamo parlando di un unghia incarnita, ma veri e propri interventi che solitamente vengono effettuati in sala operatoria con un’ anestesia. Il primo e forse il più famoso è il caso di una auto-appendicectomia in Antartide: caso clinico “La nave Ob, con a bordo la sesta spedizione antartica sovietica, salpò da Leningrado il 5 novembre 1960. Dopo 36 giorni in mare decantò parte della spedizione sulla piattaforma di ghiaccio della costa Princess Astrid. Il loro compito era costruire una nuova base polare antartica nell’entroterra nell’oasi di Schirmacher e svernare lì. Dopo nove settimane, il 18 febbraio 1961, la nuova base, chiamata Novolazarevskaya, fu aperta … Uno dei membri della spedizione era il 27enne chirurgo di Leningrado Leonid Ivanovich Rogozov. Aveva interrotto una promettente carriera accademica ed era partito per la spedizione poco prima di dover difendere la sua tesi sui nuovi metodi di intervento sul cancro dell’esofago. In Antartide era prima di tutto il medico della squadra, sebbene servisse anche come meteorologo e autista del loro veicolo fuoristrada. Dopo diverse settimane Rogozov si ammalò. I sintomi erano debolezza, malessere, nausea e, successivamente, dolore nella parte superiore dell’addome, che si è spostato nel quadrante inferiore destro. La sua temperatura corporea è salita a 37,5 ° C. Rogozov ha scritto nel suo diario: “Sembra che io abbia l’appendicite. Sto zitto, e sorrido. Perché spaventare i miei amici? Chi potrebbe essere di aiuto? L’unico incontro di un esploratore polare con la medicina è stato probabilmente con la sedia di un dentista.”

Sono stati applicati tutti i trattamenti conservativi disponibili (antibiotici, raffreddamento locale), ma le condizioni generali del paziente sono peggiorate: la temperatura corporea è aumentata, il vomito è diventato più frequente. “Non ho dormito per niente la scorsa notte. Fa male come il diavolo! Una tempesta di neve mi sferza l’anima, gemendo come cento sciacalli. Ancora nessun sintomo evidente che la perforazione sia imminente, ma una sensazione opprimente di presentimento aleggia su di me … Questo è tutto … devo pensare all’unica via d’uscita possibile: operare su me stesso … È quasi impossibile .. … ma non posso semplicemente incrociare le braccia e arrendermi … I ragazzi lo hanno scoperto. Continuano a passare per calmarmi. E sono arrabbiato con me stesso: ho rovinato le vacanze di tutti. Domani è il Primo Maggio. E ora tutti corrono qua e là a preparare l’autoclave. Dobbiamo sterilizzare la biancheria da letto, perché opereremo..Seguendo le istruzioni di Rogozov, i membri del team hanno assemblato una sala operatoria improvvisata. Hanno spostato tutto fuori dalla stanza di Rogozov, lasciando solo il suo letto, due tavoli e una lampada da tavolo. Gli aerologi Fedor Kabot e Robert Pyzhov hanno inondato completamente la stanza con illuminazione ultravioletta e hanno sterilizzato la biancheria da letto e gli strumenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Oltre a Rogozov, il meteorologo Alexandr Artemev, il meccanico Zinovy ​​Teplinsky e il direttore della stazione, Vladislav Gerbovich, furono selezionati per sottoporsi a un lavaggio sterile. Rogozov spiegò come sarebbe andata avanti l’operazione e assegnò loro dei compiti: Artemev gli avrebbe consegnato gli strumenti; Teplinsky reggeva lo specchio e regolava l’illuminazione con la lampada da tavolo; Gerbovich era lì come riserva, nel caso in cui la nausea avesse sopraffatto uno degli assistenti. Nel caso in cui Rogozov avesse perso conoscenza, ha istruito il suo team su come iniettargli i farmaci utilizzando le siringhe che aveva preparato e come fornire la ventilazione artificiale. Quindi si lavò lui stesso Artemev e Teplinsky, si disinfettarono le mani e indossarono i guanti di gomma. Quando i preparativi furono completati, Rogozov si pulì e si mise in posizione. Ha scelto una posizione semi-reclinata, con l’anca destra leggermente sollevata e la metà inferiore del corpo sollevata di un angolo di 30 °. Quindi ha disinfettato e vestito l’area operatoria. Aveva previsto di dover usare il suo senso del tatto per guidarlo e quindi ha deciso di lavorare senza guanti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’operazione è iniziata alle 2 del mattino, ora locale. Rogozov ha prima infiltrato gli strati della parete addominale con 20 ml di procaina allo 0,5%, utilizzando diverse iniezioni. Dopo 15 minuti ha praticato un’incisione di 10-12 cm. La visibilità nella profondità della ferita non era ideale; a volte doveva alzare la testa per avere una visuale migliore o per usare lo specchio, ma per lo più lavorava a tatto. Dopo 30-40 minuti Rogozov ha iniziato a fare brevi pause a causa della debolezza generale e delle vertigini. Alla fine ha rimosso l’appendice gravemente colpita. Ha applicato antibiotici nella cavità peritoneale e ha chiuso la ferita. L’operazione stessa è durata un’ora e 45 minuti.

Nel frattempo, Gerbovich chiamò Yuri Vereshchagin per fotografare l’operazione. Gerbovich scrisse nel suo diario quella notte: “Quando Rogozov aveva praticato l’incisione e stava manipolando le sue stesse interiora mentre rimuoveva l’appendice, il suo intestino gorgogliava, il che era molto spiacevole per noi; ha fatto venir voglia di voltare le spalle, fuggire, non guardare … ma ho mantenuto la testa e sono rimasto. Anche Artemev e Teplinsky rimasero al loro posto, anche se in seguito si scoprì che entrambi avevano avuto le vertigini e stavano per svenire … Lo stesso Rogozov era calmo e concentrato sul suo lavoro, ma il sudore gli colava sul viso e chiedeva spesso a Teplinsky di asciugarsi la fronte. . . L’operazione si è conclusa alle 4 del mattino ora locale. Alla fine, Rogozov era molto pallido e ovviamente stanco, ma ha finito tutto “.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Entro due settimane è stato in grado di tornare ai suoi normali doveri e al suo diario.Non mi permettevo di pensare a nient’altro che al compito da svolgere. Era necessario prepararmi, rinforzarmi con fermezza e stringere i denti. Nel caso in cui avessi perso conoscenza, avevo dato a Sasha Artemev una siringa e gli ho mostrato come farmi un’iniezione. Ho scelto una posizione semi seduta. Ho spiegato a Zinovy ​​Teplinsky come tenere lo specchio. I miei poveri assistenti! All’ultimo minuto li ho guardati: stavano lì nei loro bianchi chirurgici, più bianchi che mai. Anch’io avevo paura. Ma quando ho preso l’ago con la novocaina e mi sono fatto la prima iniezione, in qualche modo sono passato automaticamente alla modalità operativa, e da quel momento in poi non ho notato nient’altro. Ho lavorato senza guanti. Era difficile vedere. Lo specchio aiuta, ma ostacola anche – dopo tutto, mostra le cose al contrario. Lavoro principalmente al tatto. L’emorragia è piuttosto pesante, ma mi prendo il mio tempo: cerco di lavorare sicuramente. Aprendo il peritoneo, ho ferito l’intestino cieco e ho dovuto ricucirlo. All’improvviso mi è balenato in mente: ci sono altri infortuni qui e non li ho notati … divento sempre più debole, la mia testa inizia a girare. Ogni 4-5 minuti mi riposo per 20-25 secondi. Finalmente eccola qui, l’appendice maledetta! Con orrore noto la macchia scura alla sua base. Ciò significa solo un giorno in più e sarebbe scoppiato e … Nel momento peggiore di rimuovere l’appendice ho segnalato: il mio cuore si è bloccato e notevolmente rallentato; le mie mani sembravano gomma. Beh, ho pensato, finirà male. Ha detto al giornalista del Times che ha fatto questo auto-intervento per dimostrare la sicurezza sia dell’anestesia locale per un “intervento importante” e dell’appendicectomia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

C’è anche la storia di un taglio cesario autoinflitto:Viene presentato un caso insolito di taglio cesareo autoinflitto con sopravvivenza materna e infantile. Nessun evento simile è stato trovato in una ricerca bibliografica su Internet. A causa della mancanza di assistenza medica e di una storia di morte fetale in utero, un 40 anni- La donna pluripara, incapace in quel momento  di partorire da sola si è tagliata vaginalmente l’addome e l’utero e ha partorito. È stata trasferita in un ospedale dove ha subito la riparazione delle incisioni e ha dovuto rimanere ricoverata. Madre e figlio sono sopravvissuti all’evento. Misure insolite e straordinarie per preservare la loro prole a volte spinge le donne a prendere decisioni estreme che mettono in pericolo la propria vita. Dovrebbero essere istituite misure sociali, educative e sanitarie in tutto il mondo, in particolare nelle aree rurali dei paesi in via di sviluppo, per evitare tali eventi estremi “.

Fonte:discovermagazine.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.