Un miliardo e mezzo di mascherine finite nell’oceano nel 2020. Nonostante le belle parole sull’ambiente, i governi non hanno promosso prodotti riutilizzabili ma favorito il consumismo altamente inquinante del monouso

Una mascherina ritrovata sulla spiagga – foto embed: UN NEWS

Secondo un rapporto, le maschere facciali impiegano fino a 450 anni per rompersi negli oceani. Tempo in cui diventano gradualmente microplastiche e hanno un impatto profondamente negativo sulla vita marina. E ora ce ne sono più di 1,5 miliardi nei mari. Gli ecosistemi e la fauna selvatica subiscono le conseguenze dell’inquinamento provocato dall’uomo:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il rapporto è stato pubblicato da OceansAsia e ha utilizzato una stima della produzione globale di maschere che indica 52 milioni di maschere nel 2020. Sono state inoltre guidate dal tasso di perdita conservativo del 3% e dal peso medio di 3-4 grammi che possiede. Una maschera monouso. Arrivando così alla stima di 1,56 miliardi di maschere. IL CONSUMO DI PLASTICA È UN PROBLEMA GLOBALE:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Foto embed: theconversation.com

Per anni c’è stato un aumento significativo del consumo di plastica , ma la pandemia ha fatto aumentare questi numeri. Gary Stokes, Chief Operating Officer di OceansAsia, ha dichiarato:

Le preoccupazioni in materia di igiene e una maggiore dipendenza dal cibo da asporto hanno portato a un maggiore utilizzo di plastica, in particolare imballaggi in plastica.

Nel frattempo, una serie di misure volte a ridurre il consumo di plastica, come il divieto di sacchetti di plastica monouso, sono state ritardate, sospese o annullate. Le maschere per il viso sono ora utilizzate quotidianamente come risorsa per prevenire la diffusione del coronavirus.  Le leggi e le regole introdotte nei vari stati ne stabiliscono persino l’ uso obbligatorio in molti luoghi pubblici. Sono realizzati con una varietà di plastica soffiata a fusione, quindi possono essere difficili da riciclare a causa della loro composizione e del rischio di infezione. Entrano negli oceani attraverso sistemi di gestione dei rifiuti inadeguati:

Foto embed: World Economic Forum

SÌ, POSSIAMO FARE DI PIÙ PER EVITARE L’INQUINAMENTO MARINO:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

girl-5760039_1920
Una bimba indossa una maschera multiuso

Il rapporto incoraggia inoltre le persone a utilizzare maschere riutilizzabili ogni volta che possono. Oltre a smaltire correttamente i prodotti da masticare, ridurrai il consumo di plastica monouso. Sulla stessa linea, i governi sono stati sollecitati ad attuare politiche che promuovessero l’uso di maschere riutilizzabili. Includere pubblicazioni di linee guida riguardanti la corretta produzione e uso di maschere riutilizzabili. Oltre a promuovere l’innovazione e lo sviluppo di alternative più sostenibili sui copri bocca monouso. Consiglia anche ai governi di utilizzare strategie come le multe per impedire alle persone di sparpagliare. Allo stesso modo, sono esortati a migliorare l’istruzione pubblica su come smaltire le maschere in modo responsabile. Senza trascurare l’impegno a migliorare i sistemi di gestione dei rifiuti come mezzo per ridurre perdite e sversamenti. CONDIVIDI QUESTE INFORMAZIONI! SIAMO ANCORA IN TEMPO

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.