Alcuni buchi neri supermassicci potrebbero essere ingressi a WORMHOLES che potrebbero trasportare veicoli spaziali in parti distanti dell’Universo, suggeriscono gli astrofisici

Alcuni buchi neri supermassicci al centro delle galassie potrebbero in realtà essere wormhole che collegano insieme due parti distanti dell’universo, suggeriscono gli astrofisici. Nella sua Teoria della Relatività Generale, Albert Einstein predisse l’esistenza dei wormhole, che collegano due punti nello spazio o nel tempo, ma devono ancora essere scoperti:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ora gli esperti dell’Osservatorio Astronomico Centrale in Russia ritengono che i “buchi neri” al centro di alcune galassie molto luminose (conosciute come nuclei galattici attivi o AGN) potrebbero essere le entrate di questi wormhole. Sebbene questi wormhole siano teoricamente “ attraversabili ”, il che significa che le navicelle spaziali potrebbero attraversarli, sono circondati da intense radiazioni, il che significa che è improbabile che gli esseri umani sopravvivano al viaggio, anche nel veicolo spaziale più robusto. Wormhole e buchi neri sono molto simili, in quanto sono entrambi estremamente densi e possiedono una forza gravitazionale straordinariamente forte per corpi delle loro dimensioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La differenza è che nulla può uscire da un buco nero dopo aver attraversato il suo “orizzonte degli eventi”, mentre qualsiasi corpo che entra nella bocca di un wormhole emergerebbe teoricamente dalla sua altra “bocca” da qualche altra parte nell’universo.  I ricercatori hanno ipotizzato che la materia che entra in una bocca di un wormhole potrebbe potenzialmente entrare in collisione con la materia che entra nell’altra bocca del wormhole allo stesso tempo. Questa collisione provocherebbe l’espansione di sfere di plasma da entrambe le bocche del wormhole alla velocità della luce ea temperature di circa 18 trilioni di gradi Fahrenheit. A tale calore, il plasma produrrebbe anche raggi gamma con energie di 68 milioni di elettronvolt, consentendo ad  alcuni osservatori della NASA – come il telescopio spaziale Fermi – di rilevare l’esplosione:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

L'AGN più vicino è nella costellazione del Centauro A che si trova a circa 13 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione del Centauro (nella foto)

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il nuovo studio, pubblicato negli avvisi mensili della Royal Astronomical Society, ha esaminato il tipo di energia e radiazioni prodotte dagli AGN. L’AGN più vicino si trova nella galassia Centaurus A, che dista circa 13 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione del Centaurus. Gli AGN sono tipicamente circondati da anelli di plasma noti come dischi di accrescimento e possono emettere potenti getti di radiazioni dai loro poli. I getti di energia prodotti dai dischi di accrescimento non sono neanche lontanamente caldi quanto i getti che verrebbero emessi dalle collisioni all’interno dei wormhole:

Il team russo crede che questi AGN siano wormhole in un’altra parte dell’universo e possono essere rilevati osservando esplosioni di energia estremamente calde e intense causate dalla materia proveniente da entrambi i lati del wormhole che si scontra all’interno della gola.

Tuttavia, i ricercatori suggeriscono che, se dovessero trovare quello che sembrava essere uI ricercatori vanno oltre, suggerendo che questi wormhole sono probabilmente “attraversabili“, il che significa che i veicoli spaziali potrebbero teoricamente attraversarli. “Dovrebbe essere chiaro che sappiamo molto poco della struttura interna dei wormhole e inoltre, non sappiamo nemmeno con certezza se esistono affatto”, ha detto a Motherboard l’ autore dello studio Mikhail Piotrovich .Se gli umani dovessero mai viaggiare verso questi lontani nuclei galattici, aprirebbero una nuova strada di potenziale volo spaziale o addirittura un modo per viaggiare nel tempo, ha detto.Tuttavia, sono circondati da intense radiazioni e il più vicino è a 13 milioni di anni luce di distanza, quindi è improbabile che un essere umano sarà in grado di usarne uno per viaggiare nell’universo in tempi brevi.  I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Monthly Avvisi della Royal Society .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.