Le case su Marte saranno costruite con stampanti 3D, ecco come – video

Gli scienziati e gli ingegneri missilistici della NASA sono professionisti quando si tratta di far atterrare i robot su Marte. E stanno cercando di capire come portare gli umani lì dopo. Ma quando si tratta di vivere su Marte? Ebbene, hanno deciso di chiedere aiuto al pubblico. Negli anni 2010, la NASA ha lanciato la sua 3-D Printed Habitat Challenge. Nel corso degli anni, ha tenuto più fasi delle fasi della sfida che è iniziata con i progetti virtuali e da allora è passata ai modelli stampati 3-D a tutti gli effetti:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli sfidanti competono non solo per vantarsi ma anche per … beh … soldi. E nel 2019, il primo premio è stato di mezzo milione di dollari. Gli sfidanti sono stati giudicati in base a più criteri, tra cui: il materiale utilizzato, la durata della struttura e la tenuta all’aria. Dopo 4 giorni di costruzione, test e valutazione, la NASA ha annunciato il vincitore. Quindi, diamo un’occhiata più da vicino a Marsha. Per i principianti, il materiale di costruzione è costituito da un composito di basalto, qualcosa che nessun altro concorrente ha utilizzato e dice il team, potrebbe essere facilmente realizzato su Marte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo perché Marte ha il basalto punteggiato su tutta la sua superficie grazie ai vulcani che eruttarono da centinaia di milioni a miliardi di anni fa. E una volta che hai una buona fonte di basalto, viene mescolata con alcuni polimeri a base vegetale – che, se fossi su Marte, dovresti prima crescere lì. Dopodiché, tutto ciò di cui hai bisogno è un robot per stampare in 3-D la casa, altre cose come le finestre che non possono essere stampate in loco e il tempo. Questo prototipo è solo un terzo delle dimensioni che il team immagina per Marte. E, da solo, ci sono volute 30 ore per completarlo dall’inizio alla fine. Il team è dovuto intervenire e aiutare la macchina alcune volte. Ma in futuro prevedono di rendere l’intero processo completamente autonomo. Perché nel mondo reale, non ci saranno molte persone su Marte ad aiutare. Quindi hai bisogno di un design che possa, fondamentalmente, costruirsi da solo. Inoltre, il team afferma che questo composito di basalto è uno scudo efficace contro le radiazioni ad alta energia sulla superficie di Marte. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

E questo è importante. Perché una persona che vive su Marte, non protetta, riceverebbe circa 5.000 volte più radiazioni nella sua vita rispetto a se fosse vissuta sulla Terra. È più che sufficiente per provocare il cancro. E quasi sicuramente provocherebbe una morte prematura per avvelenamento da radiazioni. Ora, alcuni esperti sostengono che qualsiasi edificio indipendente su Marte sia una cattiva idea, in particolare a causa dell’elevato problema delle radiazioni. Jeffrey Montes, responsabile degli habitat e dei sistemi extra-planetari: “A causa dell’ambiente ostile le persone associano i bunker a buone idee, ma penso che una cosa che Marsha faccia è porre la domanda: la salute psicologica non è anche mission-critical?”

Jeffrey non è l’unico preoccupato per la salute psicologica. Per anni, la NASA ha testato come gli esseri umani resistano a lunghi periodi di isolamento. Ad esempio, richiede agli astronauti nello spazio di completare regolari test psicologici che monitorano il loro umore. Conducono anche esperimenti sul terreno, come lo studio HI-SEAS, abbreviazione di Hawaii Space Exploration Analog and Simulation.  Dove un piccolo equipaggio vive in case simili a Marte per solitamente otto mesi alla volta e affronta molte delle stesse sfide fisiche e psicologiche della vita su Marte.

Ma rispetto agli alloggi HI-SEAS, Marsha sembra… diversa. Per uno, ha più piani, ciascuno con uno scopo distinto. Il primo, contiene un laboratorio umido e uno spazio per la preparazione dell’EVA. Un piano più in alto: la cucina e il laboratorio di asciugatura. Al terzo piano giardino idroponico, bagno e zona notte. E soprattutto, una palestra e un centro ricreativo. Per non parlare, ci sono più finestre in tutta la casa. 

Jeffrey Montes: “Le finestre sono un rapporto fondamentale con l’ambiente, il paesaggio cambia quotidianamente e aiuterebbe davvero a mitigare la monotonia, nota come una delle principali minacce psicologiche”. “Wow” starai probabilmente dicendo, “quel posto è davvero carino! Ci starei anche se fosse sulla terra!” Bene, amico, sei fortunato. AI SpaceFactory sta prendendo il loro concetto e lo sta costruendo qui.

David Riedel, co-fondatore e amministratore delegato: Quello che abbiamo sviluppato finora, stampando su larga scala e prendendo l’applicazione e portandola a un’ora a nord di New York, dove le persone possono andare a sperimentare questo nuovo tipo di habitat.

Si chiama TERA. Non solo sembra MARSHA, ma sarà anche fatto di MARSHA. Dopo la competizione della NASA, AI SpaceFactory ha rotto il loro modello. E lo riutilizzerà per costruire TERA. Spera di finire entro l’autunno 2019 e subito dopo potresti essere in grado di prenotare il tuo soggiorno. Ma TERA è più di una semplice cabina futuristica.

David Riedel: Per arrivare alla fase successiva della costruzione sulla luna o su Marte abbiamo bisogno di più pratica, quindi questa è un’opportunità per noi per affinare la nostra tecnologia e perfezionare alcuni dei problemi che abbiamo riscontrato nella nostra stampa della NASA e spingerla a il prossimo passo.

 

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Popular

Le altalene rosa installate nel muro tra Messico e Usa sono state premiate come miglior progetto di design dell’anno

Ricordate le altalene che tanto hanno fatto parlare, realizzate attraverso il muro che divide Stati Uniti e Messico? Hanno vinto il Beazley Design of...

Ecco la mascherina che “uccide” il covid. Creata in Gran Bretagna, sarà presto in vendita.

Un'invenzione del tutto innovativa e arriva direttamente dall'Inghilterra. Si tratta di una mascherina in grado di "uccidere" i virus che tentano di entrare attraverso...

Il cielo spagnolo coperto da una tempesta epica – i video diffusi sul web

Il cielo in alcune zone della città catalana di Lleida (Spagna) è stato ricoperto da un baldacchino di nuvole nere che ha scaricato una...

Gli archeologi egiziani hanno portato alla luce un tempio funerario di 4.200 anni per una regina e 50 bare in un’antica città dei morti

Per millenni, gli antichi egizi furono sepolti in pozzi funerari sotto Saqqara, una città dei morti nel deserto a sud dell'attuale Cairo: Ma gli egiziani...