Raquel mamma di 12 figli, rimasta senza lavoro è riuscita a creare un business vendendo cibo su whatsapp

Raquel mostra con orgoglio i suoi numerosi gruppi WhatsApp, ogni gruppo è presieduto da un ‘emoji’ ispirato a lei: capelli ricci rosso fuoco e un sorriso da un orecchio all’altro. “Nell’emoji sto benissimo, sono molto magra“, ride. Crescere dodici figli è bellissimo e non è riuscito nemmeno a togliermi tutte le energie. Raquel Suárez ha avviato un’azienda a quasi 50 anni per vendere cibo a casa usando WhatsApp , dopo che una truffa ha lasciato suo marito al verde e con dodici bocche da sfamare.

Ci racconta la sua storia, insistendo sul fatto che non è speciale. “Non faccio niente di importante, non salvo la vita di nessuno.” Lei e suo marito, Jesús Bueno , sono “di qui a Madrid, per tutta la vita”, in particolare dal quartiere di Ventas. Erano rimasti al verde nel bel mezzo di una crisi dopo che un cliente aveva ordinato alla compagnia di Jesús, che distribuiva pesce, ma il pagamento non è mai arrivato. “Ci ha traditi llasciandoci in mezzo ai debiti. “, dice.” E ci ha lasciato a zero, siamo stati raggiunti dalla crisi, con dodici figli e senza soldi. I miei suoceri, che si sono sempre presi cura di noi, ci hanno aiutato. Eravamo devastati, non sapevamo cosa fare e mio marito era molto depresso “. Sono passati sette anni da allora. Jesús voleva continuare a vendere pesce, che era quello che sapeva fare, e insieme svilupparono un concetto così semplice da essere travolgente: senza i mezzi o i soldi per affittare un posto, avrebbero venduto cibo, direttamente da Mercamadrid , ai loro conoscenti tramite WhatsApp. A poco a poco hanno eseguito il debug del sistema.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il martedì redigono una lista dei prodotti freschi e di stagione che inviano con la lista di distribuzione a tutti i loro clienti e rispondono con le loro richieste e il giorno della consegna. Ora acquistano da 400 persone in tutta Madrid, hanno la loro azienda legalmente costituita e hanno dovuto assumere un manager per organizzare tutti gli ordini che ricevono. Dal loro quartiere  distribuiscono anche in altre aree della città. “Abbiamo iniziato solo con il pesce e, mentre la Caritas ci ha aiutato , ho dovuto muovermi con servizi sociali e associazioni come El Pato Amarillo o Panes y Peces “, dice Raquel, che nonostante l’energia che mostra ora ricorda che ci sono stati momenti in cui pensava che l’intera idea fosse folle. Iniziarono con una sua amica che li comprò, poi suo cugino che ne parlò ad altri conoscenti e così a poco a poco stavano aumentando e introducendo nuovi servizi. Chiamò la sua compagnia Twelve Fish, per ciascuno dei suoi figli , che a quel tempo vivevano tutti a casa. “Viviamo nella casa dei miei suoceri, che sono di fronte, e ora siamo in dodici in quattro stanze, ma a quel tempo eravamo quattordici”, ride.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La chiave del business non è solo che i prodotti arrivano freschi da Mercamadrid e che non ci sono intermediari o costi aggiuntivi, ma anche la vicinanza di Raquel e Jesús . “Ci sono clienti che mi invitano al caffè o qualcuno che mi chiede delle mele, e se vedo che non lo fanno risultano buoni, non li compro “, dice Raquel, che è arrivata ad avere un rapporto specifico con ogni cliente.

Gesù e Rachele sono lo “yin” e lo “yang”. Lei non smette di parlare e lui si ferma a malapena per cinque minuti per la foto e torna nel furgone per continuare il percorso. Nel frattempo, Raquel sale a casa di Nereida, che la accoglie con il figlio appena uscito da scuola. Tra i due e in cucina, rivedono l’ordine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Avviare un’azienda di successo è già un risultato in circostanze normali, ma con dodici figli a cui prestare attenzione, la sfida è ancora più grande. Il più grande ora ha 28 anni e il più giovane solo 10 . Raquel dice che i suoi figli sono il suo lavoro più grande. “Sono un assistente sociale, non ho praticato, ma ho sempre pensato che il miglior lavoro sociale che faccio sia stare con i miei figli”. La più grande ha già lasciato casa ed è una Suora della Carità, anche se Raquel chiarisce che il suo numero di figli non ha nulla a che fare con il suo credo. Ed è qualcosa che gli chiedono molto spesso. “Sono sempre stata una credente. Ora credo che il sentimento di vicinanza a Dio si sia risvegliato di più, ma prima con il clamore che avevo a casa mia non potevo pensare ad altro che crescere i figli, ma beh eccolo lì ed è così che è emerso “, Spiega.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un altro dei suoi figli, Juanito, ha appena compiuto 15 anni ed è nato con un ritardo psicomotorio che fa della sua maturità intorno ai sei anni. “Juanito è il più felice della casa, adora la musica“, dice sua madre, e i suoi fratelli si organizzano attraverso un calendario per andarlo a prendere a scuola. “In questo tipo di famiglia numerosa deve esserci un’organizzazione, altrimenti sarebbe il caos ” , spiega Raquel, che è sorpresa di quanta attenzione attiri la sua famiglia.

Oltre al suo lavoro di consegna di cibo e ai suoi figli, Raquel ha ampliato la sua vocazione sociale a tutta la sua rete di contatti e ha creato due gruppi WhatsApp: “Qui c’è lavoro” , una specie di LinkedIn di quartiere, e “Baule di Raquel” , un rete di baratto. “Avendo dodici figli ho molte cose che possono essere utili a un’altra persona“, spiega. Ecco perché ha creato questo gruppo in cui tutti i membri condividono immagini di articoli di cui non hanno più bisogno e che altri possono utilizzare molto bene. Anche l’altro gruppo è collaborativo e in esso ci sono disoccupati, la maggior parte over 45, che condividono offerte di lavoro di ogni tipo. Raquel insiste che sta iniziando, ma ci sono già 167 partecipanti e le offerte vengono pubblicate quotidianamente. “Un giorno ho pensato: ‘Bene, e tutti questi lavori che vengono da me, perché li sprecherò?’. Così ho creato il gruppo.” “A volte mi dicono: ‘Ma ehi, Raquel, come puoi esserci per tutto: i tuoi figli, il tuo lavoro, i tuoi gruppi …?’ È qualcosa che mi piace, non lo so, sono così. ” E quando lo racconta, sembra persino facile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:elconfidencial.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.