Emirati Arabi Uniti sono entrati nell’orbita marziana “storico” – video

la sonda

La sonda degli Emirati Arabi Uniti Hope è entrata in orbita attorno al pianeta rosso, rendendo il paese arabo il quinto a raggiungere l’ardua impresa dopo gli Stati Uniti, Unione Sovietica, Europa ed India. La navicella, che ha lasciato la Terra sette mesi fa, ha dovuto effettuare una manovra di frenata per essere sicura di essere catturata dalla gravità di Marte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati degli Emirati Arabi Uniti possono ora guardare avanti per studiare l’atmosfera del pianeta. Il loro satellite trasporta tre strumenti che osserveranno, tra gli altri obiettivi, come gli atomi neutri di idrogeno e ossigeno – i resti dell’acqua un tempo abbondante di Marte – penetrano nello spazio. Nel processo, Hope restituirà immagini del pianeta spettacolari, ad alta risoluzione e su tutto il disco. La sonda araba ha segnato la fase più critica della missione. La speranza si era avvicinata a Marte a oltre 120.000 km / h (rispetto al Sole) e aveva bisogno di eseguire una precisa combustione di 27 minuti sui suoi motori frenanti per eliminare parte di quella velocità o rischiare di saltare nello spazio sempre più profondo. La manovra, eseguita da sei propulsori sulla sonda, è iniziata intorno alle 19:30 GST (15:30 GMT), con la conferma ricevuta sulla Terra circa 11 minuti dopo – il ritardo è il tempo impiegato dai segnali radio per attraversare il 190- separazione di un milione di chilometri tra Marte e la Terra:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’annuncio ufficiale sul completamento dell’ingresso in orbita quando è arrivato è stato calmo e gli applausi sono stati relativamente contenuti. “L’inserimento nell’orbita di Marte è stata la parte più critica e pericolosa del nostro viaggio su Marte, esponendo la sonda Hope a stress e pressioni che non aveva mai affrontato prima”, ha detto Omran Sharaf, direttore del progetto della missione Hope presso il Centro spaziale Mohammed bin Rashid Con questo enorme traguardo raggiunto, ci stiamo ora preparando a passare alla nostra orbita scientifica e iniziare la raccolta di dati scientifici“. Gli ultimi giorni sono stati testimoni di un enorme entusiasmo per Hope e la sua missione, con monumenti pubblici, edifici e siti del patrimonio in tutta la federazione tutti illuminati di rosso. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il Burj Khalifa di Dubai, la struttura costruita dall’uomo più alta sulla Terra, aveva mostrato un conto alla rovescia per il grande momento di martedì. La speranza è considerata un trionfo per una piccola nazione del Golfo che sette anni fa ha osato pensare di poter ispirare la prossima generazione lanciando la prima missione spaziale interplanetaria araba. “Volevamo arrivare su Marte; (sono) davvero grato, ed è come se un peso di sette anni mi fosse stato tolto dalle spalle“, ha detto Sua Eccellenza Sarah Al Amiri, Ministro di Stato degli Emirati Arabi Uniti per la tecnologia avanzata e presidente del Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti. “Ora non vedo l’ora di scoprire le scoperte scientifiche. E spero davvero che questa missione avrà un impatto su un’intera generazione che si sforzerà di fare cose ancora più grandi”, ha detto a BBC News.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La speranza ora corre in un’ellisse iniziale attorno a Marte che si avvicina a 1.000 km dal pianeta e arriva a quasi 50.000 km. Nel corso delle prossime settimane, questo verrà ridotto a un’orbita di 55 ore, 22.000 km per 43.000 km inclinata rispetto all’equatore di circa 25 gradi. “Dipende da come appare l’orbita iniziale, ma avremmo bisogno di circa tre manovre per entrare nella nostra orbita scientifica”, ha detto l’ingegnere di propulsione Ayesha Sharafi. Questo percorso è molto diverso da quelli dei precedenti satelliti che tendevano a operare con maggiore vicinanza a Marte per facilitare immagini ad alta risoluzione della superficie e comunicazioni con i robot atterrati. Ma è da questo alto trespolo che Hope intende condurre alcune nuove ricerche. Traccerà come l’energia si muove attraverso l’atmosfera dal basso verso l’alto. Un fattore chiave in questo senso è la polvere che a volte può esplodere in tempeste che avvolgono l’intero pianeta. “La polvere gioca un ruolo estremamente importante nell’atmosfera marziana. Ci sono alcuni posti sulla Terra in cui l’atmosfera può essere così polverosa, ma sono localizzati e forse per brevi periodi”, ha spiegato il Prof David Brain, dell’Università del Colorado a Boulder esperto planetario che sta lavorando con il team degli Emirati Arabi Uniti. “La polvere assorbe molta energia; può diventare molto calda e irradiare energia. E così quando parli di trasporto di energia, la polvere è una parte molto più grande del quadro generale su Marte”. Il paese ha celebrato l’avvenimento con spettacolari proiezioni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mercoledì sarà la volta della Cina con il suo orbiter Tianwen-1 . Come Hope, deve completare una manovra di frenata per essere catturato dalla gravità del pianeta. Tianwen-1 trasporta un rover che sarà spedito in superficie, molto probabilmente a maggio. La prossima settimana, giovedì 18 febbraio, gli americani arriveranno su Marte con un altro dei loro grandi rover. Il robot Perseverance è puntato su un cratere che un tempo conteneva un lago gigante. Cercherà potenziali segni di vita fossilizzata.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.