Guarda un miliardo di anni di movimento delle placche tettoniche in 40 secondi, uno studio utile per prevedere il futuro del clima e delle risorse energetiche – video

Le placche tettoniche che ricoprono la Terra come un puzzle si muovono alla stessa velocità della crescita delle nostre unghie, ma nel corso di un miliardo di anni è sufficiente per viaggiare attraverso l’intero pianeta, come mostra un nuovo affascinante video:

Ricostruzione artistica ipotetica del supercontinente Pangea

Attraverso uno dei modelli più completi di movimenti delle placche tettoniche mai messi insieme, gli scienziati hanno condensato un miliardo di anni di movimento in un video clip di 40 secondi, così possiamo vedere come queste gigantesche lastre di roccia hanno interagito nel tempo. Mentre si muovono, le placche influenzano il clima, i modelli di marea, i movimenti degli animali e la loro evoluzione, l’attività vulcanica, la produzione di metalli e altro: sono più di una semplice copertura per il pianeta, sono un sistema di supporto vitale che influenza tutto che vive in superficie. “Per la prima volta è stato costruito un modello completo di tettonica, compresi tutti i confini, ha detto a Euronews il geoscienziato Michael Tetley, che ha completato il suo dottorato di ricerca presso l’Università di Sydney. “Su una scala temporale umana, le cose si muovono in centimetri all’anno, ma come possiamo vedere dall’animazione, i continenti sono stati ovunque nel tempo. Un posto come l’Antartide che oggi vediamo come un luogo freddo, gelido e inospitale, in realtà era una volta abbastanza una bella meta di vacanza all’equatore.” Lo spostamento e lo scorrimento delle piastre è uno spettacolo in questo video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le masse di terra che sono vicine ai vicini diventano cugini lontani e viceversa, e potresti essere sorpreso di quanto recentemente i paesi e i continenti si siano stabiliti nel posizioni che conosciamo oggi. Comprendere questi movimenti e schemi è fondamentale se gli scienziati vogliono prevedere quanto sarà abitabile il nostro pianeta in futuro e dove troveremo le risorse metalliche di cui abbiamo bisogno per garantire un futuro di energia pulita. Il movimento delle placche è stimato attraverso lo studio della documentazione geologica: il magnetismo che fornisce dati sulle posizioni storiche dei substrati rispetto all’asse di rotazione terrestre e i tipi di materiale bloccato nei campioni di roccia che aiutano a far combaciare i pezzi dei puzzle geologici del passato. Qui il team ha fatto di tutto per scegliere e combinare i modelli più adatti attualmente disponibili, osservando sia i movimenti dei continenti che le interazioni lungo i confini delle placche:

“Il pianeta Terra è incredibilmente dinamico, con la superficie composta da placche che si scontrano costantemente in un modo unico tra i pianeti rocciosi conosciuti“, afferma il geoscienziato Sabin Zahirovic , dell’Università di Sydney. “Queste placche si muovono alla velocità che le unghie crescono, ma quando un miliardo di anni viene condensato in 40 secondi viene rivelata una danza ipnotizzante. Gli oceani si aprono e si chiudono, i continenti si disperdono e periodicamente si ricombinano per formare immensi supercontinenti”. Più gli scienziati si addentrano nel passato, più diventa difficile stimare come si sono spostate le placche, e in questo caso le epoche dal neoproterozoico al Cambriano (da 1.000 a 520 milioni di anni fa) in particolare sono state accuratamente tracciate e allineate per record moderni che abbiamo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Rimangono delle domande su come queste placche si siano formate per la prima volta e quando si sia verificata questa formazione , ma ogni nuovo punto di dati ci aiuta a comprendere l’antica storia della Terra, anche tenendo conto delle placche mancanti in alcuni modelli. Gli scienziati ammettono che il loro lavoro manca di alcuni dettagli più fini – esteso com’è su tutto il pianeta e un miliardo di anni – ma sperano che possa fungere da risorsa utile e base per lo studio futuro di questi movimenti e del loro impatto. avere su tutto il resto del pianeta. Il nostro team ha creato un modello completamente nuovo dell’evoluzione della Terra negli ultimi miliardi di anni”afferma il geoscienziato Dietmar Müller , dell’Università di Sydney. “Il nostro pianeta è unico nel modo in cui ospita la vita. Ma questo è possibile solo perché i processi geologici, come la tettonica delle placche, forniscono un sistema di supporto vitale planetario”. La ricerca è stata pubblicata su Earth-Science Reviews .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.