Un uovo biodegradabile al posto della bara: il progetto di Capsula Mundi e del bosco sacro.

Avete mai pensato ad un cimitero in un bosco? Senza lapidi, ma con tanti alberi? Eliminare le bare, ma per ogni persona presente piantare un albero. Si chiama “Capsula Mundi” ed è l’idea di due designer italiani quella di trasformare i cimiteri solitamente freddi e grigi in veri e propri boschi. I nostri defunti in futuro potrebbero essere seppelliti in capsule biodegradabili a forma di uovo: ” Fa parte del nostro progetto, l’idea che il cimitero diventi qualcos’altro. Eravamo respinti dal cimitero di lapidi, invece il pensiero di visitare i nostri cari estinti in un bosco, secondo noi avrebbe cambiato il rapporto con la memoria” dicono gli ideatori:

In una cultura lontana dalla connessione con la natura, la morte è considerata spesso un tabù ” Crediamo che questo passaggio inevitabile cosi significativo, non sia la fine, ma l’inizio di un ritorno alla natura” dicono Anna Citelli e Raoul Bretze, gli ideatori. Ecco perche Anna e Roul hanno dato alla loro capsula la forma di uovo, per sottolineare che ognuno di noi fa parte del ciclo di trasformazione delle natura. Ogni uovo, nel loro cimitero verde, verrà sepolto come un seme nella terra dal quale poi nasce un albero. Ogni persona può scegliere in vita che albero, per lasciarlo in eredità ai suoi amici e parenti, i quali potranno continuare a prendersene cura man mano che cresce. Albero dopo albero il cimitero diventerà una vera e propria foresta sacra.Abbiamo scelto simboli che potessero dare un’idea di continuità, l’uovo è simbolo della nascita, della vita, la posizione fetale perchè ribadisce un inizio e non una fine e abbiamo scelto l’albero perchè è il ricongiungimento tra terra e cielo“:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

A spingere i due designer nel loro progetto è stato anche l’impatto ambientale delle loro capsule, per ogni bara bisogna abbattere un albero che può impiegare 40 anni per ricrescere. Le capsule Mundi sono realizzate con plastica di amido ricavata da patate e mais. Al momento le urne vengono utilizzate solo per le ceneri e sono in fase di test per il corpo. ” Le ceneri hanno un PH alto che potrebbe impedire la crescita delle piante, ma la plastica biodegradabile si rompe lentamente a partire da piccole fratture, così il terreno ha il tempo necessario per tamponare il PH delle ceneri senza subire danni” dicono Anna e Raoul:

Le sepolture verdi, sono diffuse nei paesi anglosassoni, ma non sono permesse ovunque. Al momento in Italia è concessa solo la dispersione delle ceneri, regolata dalle cosidette norme cimiteriali. ” In Italia quasi tutte le regioni hanno equiparato la dispersione delle ceneri, all’uso delle urne biodegradabili, per cui adesso è possibile utilizzarle anche sui terreni pubblici” dice Raoul. Il “bosco della memoria”, usa un sistema GPS, per localizzare i singoli alberi, e se il maltempo dovesse danneggiare quest’ultimi, sarà sempre possibile sostituirli. “La parte sociale importante di questo lavoro è che ai nostri figli e alla società tutta, rimane uno spazio verde e con il pensiero possono andare nel bosco e ricordarsi del passato e dei loro cari. Uno spazio di tutti, uno spazio vitale“. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un video diffuso su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: youtube.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.