Coronavirus, all’aperto rischio contagio bassissimo anche in ambiente inquinato secondo studio italiano

Il rischio di contagiarsi dal nuovo coronavirus Sars-CoV-2 sarebbe molto basso negli ambienti all’aperto, anche in caso di presenza di aree inquinate da smog. E’ quanto emerso da un recente studio italiano:

È quanto risulta da uno studio congiunto tra Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr e Arpa Lombardia, ora pubblicato su Environmental Research. La ricerca ha analizzato le concentrazioni di SARS-CoV-2 in aria nelle città di Milano e Bergamo, studiando l’interazione con le altre particelle presenti in atmosfera. La diffusione del SARS-CoV-2 per contatto (diretto o indiretto) è ampiamente accettata, ma l’importanza relativa della trasmissione aerea è ancora controversa. La probabilità di trasmissione aerea all’esterno dipende da diversi parametri, ancora piuttosto incerti: concentrazioni di aerosol carichi di virus, vitalità e durata, dose minima necessaria per trasmettere la malattia”si legge nel testo dello studio, che prosegue:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In questo lavoro, una stima delle concentrazioni all’aperto nel nord Italia (regione Lombardia) è stata eseguita utilizzando un semplice approccio box model, basato su una stima delle emissioni respiratorie, con un focus specifico per le città di Milano e Bergamo (Italia). Inoltre, è stata studiata la probabilità di interazione dell’aerosol carico di virus con particelle preesistenti di diverse dimensioni. I risultati indicano un valore molto basso (<1 RNA copy / m 3) concentrazioni medie all’aperto in aree pubbliche, escluse le zone affollate, anche nello scenario peggiore e ipotizzando un numero di infetti fino al 25% della popolazione. In media, ipotizzando un numero di infezioni pari al 10% della popolazione, il tempo necessario per inspirare un quantum (ovvero la dose di nuclei di goccioline trasportate dall’aria necessaria per provocare l’infezione nel 63% delle persone suscettibili) sarebbe di 31,5 giorni a Milano (range 2,7–91 giorni) e 51,2 giorni a Bergamo (intervallo 4,4–149 giorni)” – riportano i ricercatori italiani, che hanno poi aggiunto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Pertanto, la probabilità di trasmissione per via aerea dovuta all’aerosol respiratorio è molto bassa in condizioni esterne, anche se potrebbe essere più rilevante per gli ambienti interni della comunità, in cui sono necessari ulteriori studi per indagare i potenziali rischi. Abbiamo teoricamente esaminato se le particelle atmosferiche possono eliminare l’aerosol del virus, attraverso l’impatto inerziale, l’intercettazione, e diffusione browniana. La probabilità era molto bassa. Inoltre, la probabilità di coagulazione dell’aerosol carico di virus con particelle atmosferiche preesistenti è risultata trascurabile per l’accumulo e le particelle di modalità grossolana, ma l’aerosol carico di virus potrebbe agire come pozzo di particelle ultrafini (circa 0,01 μm di diametro). Tuttavia, ciò non cambierà in modo significativo il comportamento dinamico della particella virale o il suo tempo di permanenza nell’atmosfera” – hanno aggiunto. Fonti esterne:

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0013935120315000

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.cnr.it/en/press-release/9921/il-particolato-atmosferico-non-favorisce-la-diffusione-in-aria-del-covid-19

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.arpalombardia.it/Pages/IL-PARTICOLATO-ATMOSFERICO-NON-FAVORISCE-LA-DIFFUSIONE-IN-ARIA-DEL-COVID-19-.aspx

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.