Cosa è il desametasone, farmaco dal costo contenuto che ridurrebbe mortalità anche in pazienti colpiti da Covid-19

Dopo essere alle prese con il virus SARS-CoV-2 per più di un anno, le cliniche affrontano ancora la stessa realtà di mesi fa: non ci sono soluzioni facili e veloci per il trattamento di COVID-19. “Non sono sorpreso di non avere una bacchetta magica”, afferma Adarsh ​​Bhimraj della Cleveland Clinic, uno degli autori principali delle linee guida di trattamento COVID-19 della Infectious Diseases Society of America (IDSA). “Nessuna delle infezioni virali respiratorie che abbiamo conosciuto per tutti questi decenni e secoli ha una bacchetta magica“.

I progressi nel trattamento del COVID-19 sono avvenuti in modo frammentario, con una combinazione di farmaci originariamente sviluppati per combattere altri virus e trattamenti che si sono dimostrati sicuri ed efficaci nel trattamento dei sintomi in fase avanzata della malattia, come gli steroidi usati per combattere l’inflazione. Ma negli ultimi mesi, gli studi clinici hanno indicato diversi farmaci aggiuntivi che potrebbero unirsi al kit di strumenti COVID-19. Di per sé, ciascuno di questi trattamenti conferirebbero (il condizionale è d’obbligo!) un modesto beneficio. Il loro vero potere deriva dall’impilare più trattamenti l’uno sull’altro, il tipo di approccio additivo che, dopo anni di ricerca, ha pagato i dividendi maggiori per altre malattie. “Pensa al modo in cui vengono trattate le persone con attacchi di cuore: hai uno stent, hai l’aspirina, hai agenti fluidificanti, hai trattamenti per la pressione sanguigna, hai statine, ognuno dei quali sta solo eliminando il rischio di morire “, afferma il cardiologo di Oxford Martin Landray, co-investigatore principale dello studio RECOVERY del Regno Unito , il più grande studio sul farmaco COVID-19 al mondo. Per ora, solo due farmaci sono ampiamente concordati per essere efficaci contro COVID-19:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il primo è il costoso farmaco antivirale remdesivir, che accorcia i ricoveri ospedalieri interrompendo la capacità del virus di replicarsi, ma non sembra ridurre il rischio di morire per COVID-19. L’altro, l’economico steroide desametasone, è l’unico farmaco confermato negli studi clinici per ridurre il rischio di morte tra i pazienti COVID-19 gravi. “Giù le mani, la gente crede che gli steroidi siano utili”, dice Bhimraj. Ma i ricercatori potrebbero essere vicini alla ricerca di trattamenti aggiuntivi sicuri ed efficaci. Delle dozzine di farmaci che Bhimraj e i suoi colleghi dell’IDSA stanno esaminando, alcuni lo considerano possibili trattamenti candidati. Uno di questi è il farmaco immunomodulante tocilizumab, un anticorpo attualmente utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide. Come il desametasone, il tocilizumab agisce attenuando la risposta immunitaria troppo zelante che, nei casi gravi di COVID-19, può causare infiammazioni dannose. Tuttavia, i due funzionano in modi diversi. Il desametasone riduce il gonfiore e riduce la risposta infiammatoria del corpo. Tocilizumab sopprime un recettore cellulare che può svolgere un ruolo in frenetiche “tempeste di citochine”, che possono portare a dannose infiammazioni in COVID-19:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Studi precedenti hanno esaminato tocilizumab ma non hanno riscontrato alcun beneficio degno di nota. Ma nelle ultime settimane, due ampi studi randomizzati hanno scoperto che il farmaco ha ridotto il rischio di morte tra i pazienti COVID-19 ospedalizzati. A gennaio, lo studio REMAP-CAP in 19 paesi ha annunciato i risultati di un test su 803 persone di tocilizumab e del farmaco correlato sarilumab. I risultati hanno mostrato che i pazienti in condizioni critiche con COVID-19 che hanno ricevuto i farmaci avevano meno probabilità di aver bisogno di un ventilatore e sono sopravvissuti più spesso rispetto ai pazienti in condizioni critiche che non hanno ricevuto il farmaco. Nello studio RECOVERY , che recluta da 180 siti in tutto il Regno Unito, i ricercatori hanno identificato un gruppo di 4.116 persone di pazienti COVID-19 ospedalizzati e hanno somministrato in modo casuale metà tocilizumab e l’altra metà un placebo. Per i pazienti trattati con tocilizumab, il rischio relativo di morte per COVID-19 è stato ridotto di circa il 14% e le probabilità di essere dimessi dall’ospedale sono migliorate di circa il 20% rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto il farmaco. Bhimraj afferma che, sebbene i risultati siano promettenti, dovranno essere completamente controllati. “Sono preprint, non sono sottoposti a peer review, giusto? Quindi prendo quelli con un pizzico di sale “, dice.

A differenza degli studi precedenti, che potrebbero includere dozzine o centinaia di persone, lo studio RECOVERY ha reclutato più di 37.000 pazienti attraverso i molteplici trattamenti testati. La vastità dello studio fornisce ai suoi studi, che includevano la prima chiara prova dell’efficacia del desametasone, un peso statistico sufficiente per vedere se un dato farmaco aiuta o danneggia i pazienti COVID-19. “Se hai aggiunto tutte le prove precedenti [di tocilizumab] insieme, queste si rivelano sostanzialmente più piccole”, dice Landray. Per ora, il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti d’America e l’IDSA non hanno raccomandato tocilizumab come trattamento COVID-19 al di fuori di una sperimentazione clinica. Un altro farmaco che ha recentemente mostrato una certa promessa è baricitinib, un farmaco normalmente utilizzato per trattare l’artrite reumatoide:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti news:

https://www.nationalgeographic.com/science/article/new-drugs-identified-as-possible-tools-to-fight-covid-19

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2021436

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.