Le alghe ripuliscono i mari dalla plastica espellendola nelle “palle di mare”, sino a 900 milioni di oggetti umani espulsi dal mare

Recenti ricerche hanno stabilito che le fanerogame marine (ovvero piante spermatofite cui fa parte, ad esempio, il genere della Posidonia) riuscirebbero a smaltire sino a 900 milioni di oggetti di plastica nel Mar Mediterraneo ogni anno:

wikimedia.org

Le praterie di fanerogame sono vitali per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti di plastica in quelle che sono conosciute come “le palle di Nettuno” scientificamente note con il nome di Egagropilo. Queste palline di inquinamento plastico si formano naturalmente quando le alghe raccolgono e intrappolano in oggetti estranei come la plastica prima di rilasciarli in grumi, alcuni dei quali vengono riportati a riva dalle correnti. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, è stato condotto da Anna Sánchez-Vidal, biologa marina dell’Università di Barcellona. In una dichiarazione, Sánchez-Vidal ha confermato i risultati, affermando di aver saputo dimostrare fino a che punto le alghe possono intrappolare i rifiuti di plastica. I ricercatori hanno infatti constatato che detriti di plastica dal fondo del mare possono rimanere intrappolati nei detriti di alghe, venendo così espulse dall’ambiente marino attraverso lo spiaggiamento:

- Prosegue dopo la pubblicità -
wikimedia.org

“I risultati di questo studio” – ha sottolineato la ricercatrice spagnola – “ora aggiungono ancora un altro vantaggio delle fanerogame marine. Sono noti da tempo per bilanciare il loro ecosistema, assorbendo anidride carbonica e rilasciando ossigeno nell’acqua, migliorando la qualità dell’acqua nel processo. Inoltre, svolge il ruolo di vivaio naturale per centinaia di specie di pesci. Le praterie di fanerogame sono alla base della rete alimentare costiera”. Il team di ricerca ha studiato solo l’accumulo di plastica all’interno dei prati di fanerogame nel Mar Mediterraneo. Nel 2018 e nel 2019, gli scienziati sono riusciti a contare il numero di pezzi di plastica trovati nelle “sfere di Nettuno” che erano state portate a riva a Maiorca, in Spagna. Hanno trovato detriti di plastica in metà dei campioni di filo d’erba sciolti e rimasti intrappolati nelle palle di mae, con circa 600 pezzi di plastica per ogni chilogrammo di erba. Per quanto riguarda le perle più dense, invece, solo il 17% dei campioni raccolti conteneva plastica. Tuttavia, le palline che avevano plastica ne contenevano ad alta densità, con quasi 1.500 pezzi di plastica per chilogrammo di “palla di Nettuno”. Utilizzando i risultati, i ricercatori sono stati in grado di stimare la quantità di plastica raccolta dalle fanerogame marine nel Mediterraneo. La buona notizia è che l’erba può aiutare a raccogliere i rifiuti di plastica. Ma i ricercatori non sono sicuri di dove finiscano tutti i rifiuti. “ Non sappiamo dove stanno viaggiando “, ha detto Sánchez-Vidal. “Sappiamo solo che alcuni di loro sono bloccati durante le tempeste” – ha quindi osservato la ricercatrice.  Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.