Le celle solari semitrasparenti possono alimentare le serre senza arrestare la crescita delle piante

Le serre dotate di celle solari semitrasparenti possono generare elettricità senza influire sulla crescita e sulla salute delle piante all’interno. E’ quanto emerso da uno studio che suggerisce anche la possibilità di costruire serre energeticamente neutre senza danneggiare le colture:

I ricercatori hanno testato gruppi di foglie di lattuga rossa sotto diversi tipi di vetro e diverse lunghezze d’onda della luce, mantenendo tutte le altre variabili uguali, inclusa la temperatura, la concentrazione di CO2 e le scorte di acqua e fertilizzante. La lattuga coltivata sotto celle solari non ha mostrato differenze importanti in nessuna misurazione chiave, inclusi antiossidanti, assorbimento di CO2, dimensioni e peso. Inoltre, i pannelli solari hanno contribuito a regolare anche la temperatura della serra. Siamo rimasti un po ‘sorpresi: non c’è stata una reale riduzione della crescita o della salute delle piante “afferma il biologo vegetale Heike Sederoff  della North Carolina State University. “Significa che l’idea di integrare celle solari trasparenti nelle serre può essere realizzata”. I pannelli solari in questo caso sono celle solari organiche semitrasparenti (o ST-OSC) piuttosto che il tipo più tradizionale a base di silicio utilizzato in vaste fattorie di energia solare. Si spera che un giorno la stessa tecnologia possa essere utilizzata anche nelle finestre degli edifici. Parte della promessa degli ST-OSC risiede nella loro flessibilità. Possono essere regolati per assorbire diverse lunghezze d’onda della luce secondo necessità – le lunghezze d’onda di cui le piante non hanno bisogno per la fotosintesi, in questo particolare pezzo di ricerca. Mentre un gruppo di controllo della lattuga è stato esposto all’intero spettro della luce bianca, altri tre gruppi sono stati coltivati ​​sotto diversi filtri di luce, simulando diversi tipi di assorbimento ST-OSC e con il rapporto tra luce blu e luce rossa regolato in ciascun filtro:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Non solo non abbiamo trovato differenze significative tra il gruppo di controllo e i gruppi sperimentali, ma non abbiamo nemmeno riscontrato differenze significative tra i diversi filtri”afferma l’ingegnere meccanico e aerospaziale Brendan O’Connor, della North Carolina State University. Questo è promettente per la futura applicazione degli ST-OSC: sebbene le serre abbiano molti vantaggi, possono richiedere più energia rispetto ad altri tipi di agricoltura, non ultimo per regolare la temperatura interna. Le celle solari trasparenti e semitrasparenti potrebbero aiutare qui. Mentre ST OSCs non hanno gli stessi tassi di conversione luce-to-elettricità come celle fotovoltaiche convenzionali, che stanno migliorando in questo senso tutto il tempo, e potrebbero eventualmente essere distribuito in molti scenari diversi. Il prossimo passo verso le serre a energia solare è testare la tecnologia con piante e colture diverse dalla lattuga – i pomodori sono apparentemente i prossimi in linea – ma questi primi risultati sono promettenti in termini di salute e crescita delle piante.

“In base al numero di persone che mi hanno contattato riguardo alle serre a energia solare quando abbiamo pubblicato lavori precedenti in questo spazio, c’è molto interesse da parte di molti coltivatori”afferma O’Connor. “Penso che l’interesse crescerà. Abbiamo visto abbastanza prototipi proof-of-concept per sapere che questa tecnologia è fattibile in linea di principio, abbiamo solo bisogno di vedere un’azienda fare il salto e iniziare a produrre su larga scala”. La ricerca è stata pubblicata su Cell Reports Physical Science.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.