Resti di un pianeta alieno ritrovati dai geologi nel mantello terrestre attraverso la tecnica di imaging “si scontrò contro la Terra circa 4,5 miliardi di anni fa”. Lo studio scientifico

Due gigantesche macchie di materiale denso in agguato nelle profondità inferiori del mantello terrestre sono state individuate sotto l’Africa occidentale e l’Oceano Pacifico. Larghe migliaia di miglia, le macchie hanno rappresentato per tanto tempo uno dei segreti meglio custoditi del pianeta e per decenni hanno lasciato perplessi gli scienziati:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nell’epoca moderna, un team di ricercatori, utilizzando tecniche di imaging all’avanguardia, scoprìenormi strutture “inaspettate” vicino al nucleo del pianeta Terra, un sorprendente promemoria di quanto poco sappiamo dell’interno del pianeta in cui viviamo. Vedran Lekić, professore associato di geologia presso l’Università del Maryland che ha lavorato alla ricerca, ha affermato in una dichiarazione che “le strutture anomale al confine nucleo-mantello sono molto più diffuse di quanto si pensasse“. Secondo un articolo sul lavoro pubblicato sulla rivista Science, il team di Lekić ha utilizzato un algoritmo di apprendimento automatico chiamato Sequencer per analizzare la sismica di centinaia di terremoti, raccolti nel corso di decenni, per mappare l’interno della Terra con dettagli senza precedenti – un processo a cui hanno confrontato il modo in cui i pipistrelli usano l’ ecolocalizzazione per mappare il loro ambiente. Il team non è ancora sicuro di cosa sia composta la grande struttura vicino al nucleo terrestre, ma dicono che probabilmente è una forma di roccia estremamente densa ed estremamente calda. La scoperta a sorpresa ha rivelato strutture che i geologi non sospettavano nemmeno – e Lekić spera che la stessa tecnica continuerà a far luce su altri misteri sull’interno del nostro mondo:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Struttura dei superplume ricavata da indagini condotte con la tomografia sismica. (Wikipedia.org)

“Siamo rimasti sorpresi di trovare una caratteristica così grande sotto le Isole Marchesi di cui non eravamo a conoscenza”, ha detto Lekić. “Questa scoperta è davvero entusiasmante, perché mostra come l’algoritmo del sequencer può aiutarci a contestualizzare i dati del sismogramma in tutto il mondo in un modo che non potevamo prima” – riferisce il ricercatore. Questi assurdi “blob” potrebbero rappresentare i frammenti fossilizzati residui di un antico protopianeta chiamato Theia che si schiantò sulla Terra circa 4,5 miliardi di anni fa, riporta Science Magazine. Gli scienziati avevano già ipotizzato un possibile collegamento tra le macchie, formalmente note come “Superplume” ovvero grandi province a bassa velocità di taglio (LLSVP), e la Luna, ma la maggior parte pensava che le LLSVP fossero cicatrici planetarie dall’impatto di Theia, non pezzi del mondo alieno stesso. Queste province sono caratterizzate da basse velocità di taglio e sono state scoperte attraverso la tomografia sismica delle porzioni profonde della Terra:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La pistola fumante nel lavoro di Yuan, per così dire, è la prova sismologica che gli LLSVP sono chimicamente diversi dal resto della roccia del mantello che li circonda. Ciò suggerisce che i blob abbiano origini extraterrestri e poiché sono sei volte più massicci della Luna, qualcosa di grande come per l’appunto un protopianeta avrebbe dovuto tagliarli via. Anche se la ricerca rimane in qualche modo speculativa, i sismologi incoraggiati da studi come quello di Yuan sono sempre più convinti che altri pezzi di schegge ultraterrene potrebbero nascondersi anche sotto la superficie terrestre, secondo Science. Scoprirli, ipotizzano i geologi, potrebbe aiutare a rivelare che l’antico passato della Terra era molto più insidioso di quello che sappiamo finora.  

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.